Febbraio

Martirologio Romano

Mese di Febbraio

 

Clicca sul giorno desiderato

 

123456789101112131415

1617181920212223242526272829

 

Oppure clicca qui per selezionare un altro mese

 
1 Febbraio

Nella Frigia, la commemorazione di san Trifone, martire.

A Ravenna, sulla via Flaminia, san Severo, vescovo.

In un villaggio della Francia, vicino a Vienne, san Paolo, vescovo, dal quale poi prese il nome la città.

A Kildare, in Irlanda, santa Brigida, badessa, la quale fondò uno dei primi monasteri sul suolo irlandese;

si tramanda che abbia proseguito l’ opera di evangelizzazione incominciata da san Patrizio.

Ad Aosta, sotto le Alpi Graie, sant’ Orso, sacerdote.

A Le Puy, in Francia, sant’ Agrippano, vescovo e martire, il quale si ritiene sia stato ucciso da idolatri,

mentre da Roma faceva ritorno alla sua città.

A Metz, in Francia, san Sigisberto III, re. Fondò molti monasteri ed elargì molti beni in favore della Chiesa e dei poveri.

Nella città di Ciruelos, in Spagna, san Raimondo, abate. Fondò l’ Ordine di Calatrava e fu anche un illustre propagatore

della fede cristiana.

Nella città di Saint-Malo, in Francia, san Giovanni, vescovo. Uomo giusto e grande penitente, trasferì la

sede episcopale

da Aleth a Saint-Malo e da san Bernardo è ricordato come un vescovo povero, amico dei poveri e lui

stesso amante della povertà.

A Parigi, in Francia, il beato Reginaldo di Orleans, sacerdote. Passando da Roma, colpito dalle parole di san Domenico,

si fece domenicano e contribuì alla crescita dell’ Ordine, con l’ esempio della sua vita e con il suo forbito eloquio.

A Castel Fiorentino, in Toscana, santa Verdiana, vergine. Visse da reclusa per tutta la sua vita.

Ad Anagni, nel Lazio, il beato Andrea dei Conti di Segni, sacerdote francescano, il quale, dopo aver rinunciato alle alte cariche ecclesiastiche, preferì servire il Signore in umiltà e semplicità.

A Dublino, in Irlanda, i beati martiri Conòro O’ Devany, vescovo di Down e Connor, francescano e Patrizio

O’ Lougham, sacerdote; condannati per la fede cattolica, sotto il re Giacomo I, furono uccisi con l’

 impiccagione.

A Londra, in Inghilterra, sant’ Enrico Morse, sacerdote gesuita e martire, il quale, più volte imprigionato e

per due volte mandato in esilio, nuovamente incarcerato perché sacerdote, sotto il re Carlo I, fu martirizzato

a Tyburn, dopo aver celebrato sul luogo la santa Messa.

In Francia, la passione delle beate Maria Anna Vaillot e quarantasei compagne, martiri; raggiunsero la corona del martirio durante la rivoluzione francese.

A Seoul, in Corea, i santi martiri Paolo Hong Yong-Ju, catechista, Giovanni Yi Mun-U, addetto alle sovvenzioni ai poveri e alla sepoltura dei corpi dei martiri e Barbara Choe Yong-I, la quale, seguendo l’ esempio dei genitori e del marito, fu decapitata insieme con gli altri. 

A Torino, in Italia, la beata Giovanna Francesca della Visitazione ( Anna ) Michelotti, vergine. Fondò

l’ Istituto delle Piccole Suore del Sacro Cuore, a servizio, per amore gratuito, degli infermi poveri.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
2 Febbraio

Festa della Presentazione del Signore, dai Greci chiamata Ipapante ( cioè incontro ), perché quaranta giorni dopo il Natale del Signore, Gesù è presentato al tempio da Maria e da Giuseppe, in apparenza adempiendo esteriormente le prescrizioni della legge mosaica, ma in realtà andando incontro al suo popolo credente ed esultante, luce per illuminare le genti e gloria del suo popolo Israele.

Ad Orleans, in Francia, san Flòscolo, vescovo.

A Canterbury, in Inghilterra, san Lorenzo, vescovo; governò questa Chiesa dopo

sant’ Agostino e convertì alla fede il re Edbaldo.

A Wurzburg, in Germania, san Burcardo, vescovo, il quale, di nazionalità inglese, fu nominato da san Bonifacio primo vescovo di questa città.

A Firenze, in Toscana, il beato Simone Fidati da Cascia, sacerdote dell’ Ordine degli Eremiti di sant’ Agostino; condusse molti ad una vita più consona al Vangelo, con i suoi scritti e con la predicazione.

A Susa, in Italia, il beato Pietro Cambiani de Ruffi, sacerdote domenicano e martire; fu trucidato in

convento dai dissidenti in odio della Chiesa.

A Prato, in Toscana, santa Caterina de Ricci, vergine del Terz’ Ordine Regolare di san Domenico;

promosse il ripristino della vita religiosa e venerò costantemente i misteri della passione di Gesù Cristo,

meritando anche di sperimentarli.

A Bordeaux, in Francia, santa Giovanna de Lestonnac, la quale, ancora bambina, respinse gli inviti e le minacce della

madre di abbandonare la Chiesa Cattolica e dopo la morte del marito provvide sapientemente all’ educazione dei cinque

figli; infine fondò la Società delle Figlie di Nostra Signora per l’ educazione cristiana delle ragazze, prendendo a modello la

Società di Gesù.

A Roma, il beato Nicola Saggio da Longobardi, religioso dell’ Ordine dei Minimi; esercitò con umiltà e santità l’ ufficio di portinaio.

A Genazzano, nel Lazio, il beato Stefano Bellesini, sacerdote agostiniano, il quale, durante la rivoluzione francese, rimase fedele alla sua vocazione, dedicandosi all’ insegnamento, alla predicazione e alla cura pastorale.

Ad Hanoi, in Vietnam, san Giovanni Teòfane Vènard, sacerdote della Società per le missioni estere di Parigi, martire, il quale, dopo sei anni di ministero compiuto in clandestinità, catturato e rinchiuso in una gabbia, andò incontro al martirio con animo gioioso, sotto l’ imperatore Tu Duc.

In Germania, la beata Maria Caterina Kasher; fondò l’ Istituto delle Povere Ancelle di Gesù Cristo, per

servire il Signore nei poveri.

A Milano, in Italia, il beato Andrea Carlo Ferrari, vescovo, il quale mantenne vive le tradizioni religiose della sua gente e aprì nuove vie per far conoscere al mondo Cristo e la carità della Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
3 Febbraio

San Biagio, vescovo e martire; fu ucciso per il nome di Cristo, sotto l’ imperatore Licinio, a Sebaste, in Armenia.

Sant’ Ansgario, vescovo di Amburgo e poi anche di Brema, in Germania, il quale, ancora monaco di

Corbie, fu nominato legato pontificio di tutta l’ Europa Settentrionale, dal papa Gregorio IV; annunziò il

Vangelo ad una moltitudine di genti in Danimarca e in Svezia e pose così le fondamenta della Chiesa di

Cristo. Dopo molte sofferenze sopportate con fortezza d’ animo, consegnò a Brema la sua anima al

Signore.

A Gerusalemme, la commemorazione dei santi Simeone e Anna, i quali, il primo, vecchio, giusto e timorato di Dio, l’ altra, vedova e profetessa, quando il bambino Gesù fu portato  al tempio perché fosse circonciso secondo la consuetudine della legge mosaica, meritarono di acclamarlo Messia e Salvatore, luce per illuminare le genti e gloria del suo popolo Israele.

A Cartagine, san Celerino, lettore e martire, il quale testimoniò Cristo nonostante il carcere, i ceppi, le

catene e altre innumerevoli torture, seguendo le vestigia di sua nonna Celerina, già prima martirizzata e dei

suoi zii Lorenzo e Ignazio, i quali, prima soldati dell’ imperatore romano, ma poi autentici militi del vero Dio,

ottennero la palma e la corona del Signore con una morte gloriosa.

A Poitiers, in Francia, san Leonio, sacerdote. Si ritiene sia stato discepolo di sant’ Ilario.

A Gap, in Francia, i santi vescovi Teridio e Remedio.

A Lione, ancora in Francia, san Lumicino, vescovo al tempo della persecuzione dei Vandali.

Nel monastero di Chelles, in Belgio, sant’ Adelino, sacerdote e abate.

In Inghilterra, santa Vereburga, badessa.

A Meerbeke, in Belgio, santa Berlina, vergine; visse in questa città una vita di povertà e di carità.

Nel monastero cistercense di Troidmont, in Francia, la commemorazione del beato Elinando, monaco; era un famoso cantastorie, fattosi poi umile e nascosto cenobita.

A Londra, in Inghilterra, il beato Giovanni Nelson, sacerdote gesuita e martire. Non avendo voluto riconoscere alla regina Elisabetta I la potestà sulle cose spirituali, fu condannato

all’ impiccagione a Tyburn.

A Lione, in Francia, santa Maria di sant’ Ignazio Thèvenet, vergine, la quale, spinta dalla carità e da un

animo coraggioso, fondò la Congregazione delle Suore di Gesù e di Maria, per l’ educazione cristiana

della gioventù, soprattutto quella povera.

In Francia, la beata Maria Anna Rivier, vergine, la quale, durante la rivoluzione francese, mentre tutti gli

Ordini e le Congregazioni religiose venivano soppresse, proprio in qule tempo fondò la Congregazione

delle Suore della Presentazione di Maria, per l’ erudizione nella fede del gregge di Cristo.

Nel villaggio di Steyl, in Olanda, la beata Maria Elena Stollenwerk, vergine, la quale fu la fondatrice, insieme al beato Arnoldo Janssen, della Congregazione delle Missionarie Serve del Santo Spirito e rinunciata la carica di superiora, si dedicò completamente all’ adorazione perpetua.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
4 Febbraio

A Roma, nelle catacombe sulla via Appia, sant’ Eutichio, martire, il quale, condannato

all’ insonnia, alla fame e in ultimo gettato in un pozzo, vinse tutte le torture del tiranno per la fede in Cristo.

A Perge, nella Panfilia, i santi martiri Pàpia, Diodoro e Claudiano.

Ad Alessandria d’ Egitto,  la passione dei santi martiri Filèa, vescovo e Filòromo, tribuno, i quali, al tempo della

persecuzione dell’ imperatore Diocleziano, non lasciandosi persuadere dai parenti e dagli amici a conservarsi la vita,

 ambedue offrirono il loro collo alla spada e così meritarono dal Signore la palma del martirio.

A Pelusio, in Egitto, sant’ Isidoro, sacerdote, il quale, stimato per la sua dottrina, disprezzando il mondo e le ricchezze, preferì imitare la vita di san Giovanni il Battista nel deserto, indossando l’ abito monastico.

A Chartres, in Francia, il transito di sant’ Aventino, vescovo.

A Troyes, ancora in Francia, sant’ Aventino, si dice che sia stato discepolo di san Lupo, vescovo.

A Magonza, in Germania, san Rabàno, detto Mauro, vescovo, il quale, da monaco di Fulda, eletto vescovo

di questa città, non tralasciò mai nulla che potesse essere di onore a Dio; eminente studioso, predicatore

forbito e vescovo accetto a Dio.

A Costantinopoli, san Nicola Studita, monaco, il quale, più volte mandato in esilio per il culto delle sacre immagini, eletto egumeno del monastero di Studion, finalmente potè riposare in pace.

A Sempringham, in Inghilterra, san Gilberto, sacerdote, il quale, con l’ approvazione del papa Eugenio III,

fondò un Ordine monastico, detto Gilbertino, al quale impose una duplice disciplina di vita, cioè alle

monache la regola di san Benedetto e ai monaci e ai chierici la regola di sant’ Agostino.

A Bourges, in Francia, santa Giovanna di Valois, la quale, regina di Francia, ottenuto

l’ annullamentollamento matrimonio con il re Luigi XII, cercò rifugio in Dio, venerò con singolare devozione

la Croce e fondò l’ Ordine della Santissima Annunciazione della Beata Vergine Maria.

A Durham, in Inghilterra, il beato Giovanni Speed, martire, il quale, sotto la regina Elisabetta I condannato

alla pena capitale per aver aiutato i sacerdoti, meritò la corona del martirio.

Ad Amatrice, nel Lazio, san Giuseppe da Leonessa, sacerdote cappuccino, il quale assistette i cristiani

resi schiavi a Costantinopoli e torturato per aver predicato il Vangelo fin sotto il palazzo del sultano, tornato

in patria si prese cura dei poveri.

Nella località di Oriur, in India, san Giovanni de Britto, sacerdote gesuita e martire, il quale, avendo cercato

di convertire molta gente alla fede cristiana con metodi anticonvenzionali e illuminati, terminò il corso

terreno con un glorioso martirio.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
5 Febbraio

La memoria di sant’ Agata, vergine e martire, la quale a Catania, in Sicilia, ancora bambina, mentre

infuriava la persecuzione, conservò, con il martirio, il suo corpo incontaminato e la sua fede integra,

rendendo testimonianza a Cristo Signore.

Nel Ponto, la commemorazione di moltissimi santi, martirizzati durante la persecuzione dell’ imperatore

Massimiano, dei quali alcuni cosparsi di piombo liquefatto, altri torturati con canne appuntite sotto le

unghie e con molti altri supplizi più volte ripetuti; meritarono dal Signore, con il loro glorioso martirio, la

palma e la corona.

A Vienne, in Francia, sant’ Avìto, vescovo, per la cui fede e operosità, al tempo del re Gundobaldo, le Gallie furono difese dall’ infestazione dell’ eresia ariana.

A Sabiona, vicino Bressanone, san Genuino, che fu il primo vescovo di questa sede.

A Bressanone, in Alto Adige, la commemorazione di sant’ Albino, vescovo, il quale trasferì da Sabiona a questa città la sede vescovile.

A Colonia, in Germania, sant’ Adaleide, prima badessa del monastero di Willich, nel quale introdusse la regola di san Benedetto; poi superiora anche del monastero di Santa Maria

“ in Capitulo ” di Colonia, dove morì.

A Nagasaki, in Giappone, la passione dei santi martiri Paolo Miki e cinque compagni.

La loro memoria si celebra domani.

In Francia, la beata Francesca Meziere, vergine e martire, la quale dedicò tutte le sue forze all’ educazione della gioventù e alla cura dei malati e al tempo della rivoluzione francese, fu uccisa in odio alla fede.

A Roma, la beata Elisabetta Canori Mora, madre di famiglia, la quale sopportò con infinito amore e

cristiana pazienza l’ infedeltà del marito, le difficoltà economiche e le maligne dicerie dei vicini, offrendo la

vita al Signore per la conversione dei peccatori, per la salvezza, per la pace e la santità, aggregandosi al

terz’ Ordine della Santissima Trinità.

In località Valtiervilla, nel Messico, san Gesù Mendez, sacerdote e martire; fu ucciso per il regno di Cristo, durante la persecuzione messicana.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
6 Febbraio

A Nagasaki, in Giappone, la memoria dei santi martiri Paolo Miki e compagni. Durante la persecuzione contro i cristiani, otto sacerdoti della Società di Gesù e dell’ Ordine dei Frati Minori, alcuni europei e alcuni giapponesi e altri diciassette laici furono catturati, sottoposti a tortura e condannati a morte; tra loro anche dei bambini. Tutti, perché cristiani, furono crocifissi insieme, gioiosi di essere stati comparati alla morte di Cristo.

Ad Auvergne, in Francia, sant’ Antoliano, martire.

Ad Emesia, in Siria, la commemorazione di san Silvano, vescovo, il quale, dopo aver retto la Chiesa per quarant’ anni,

sotto l’ imperatore Massimino fu dato in pasto alle fiere, insieme con il diacono Luca e il lettore Mocio.

A Cesarea di Cappadocia, i santi martiri Dorotea, vergine e Teofilo, Rètore.

In Irlanda, san Melis, vescovo.

Ad Arras, in Francia, san Vedasto, vescovo, il quale, mandato da san Remigio, vescovo di Reims, nella

città devastata, preparò al battesimo il re Clodoveo, resse la Chiesa ristabilita per circa quarant’ anni e si

adoperò all’ evangelizzazione di popoli ancora pagani.

Ad Elnone, in Olanda, sant’ Amando, vescovo di Maastricht, il quale annunziò la Parola di Dio fino alle popolazioni slave e terminò i suoi giorni in un monastero da lui stesso fondato.

In Belgio, santa Renilde, badessa.

A Palestrina, nel Lazio, san Guarino, vescovo, illustre per austerità di vita e amore verso i poveri.

A Skara, in Svezia, san Brinolfo, vescovo, insigne per scienza e per dedizione alla Chiesa.

A Napoli, il beato Angelo da Furci, sacerdote agostiniano, illustre per lo zelo del regno di Dio.

In località Rivolta d’ Adda, presso Cremona, il beato Francesco Spinelli, sacerdote, il quale, tra infinite difficoltà e persecuzioni sopportate pazientemente, fondò e resse la Congregazione delle Suore Adoratrici del Santissimo Sacramento.

A Durango, in Messico, san Matteo Correa, sacerdote e martire, il quale, durante la persecuzione contro la Chiesa, si rifiutò di rivelare i segreti ascoltati in confessione e per questo ottenne la palma del martirio.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
7 Febbraio

A Nola, in Campania, san Massimo, vescovo, il quale resse la Chiesa di questa città in tempo di persecuzione e riposò nel Signore dopo una lunga vita.

In Grecia, san Patendo, vescovo; vissuto al tempo dell’ imperatore Costantino, si tramanda abbia

propagato la fede con la predicazione e la santa condotta di vita.

Sul monte Sinai, san Mosè, il quale, prima eremita, poi, per volontà di Màuvia, regina dei Saraceni,

ordinato vescovo, riuscì a far convivere in pace popolazioni bellicose e a salvaguardare la vita dei cristiani.

A Firenze, in Toscana, santa Giuliana, vedova.

In Puglia, san Lorenzo, vescovo.

Ad Aosta, il beato Guglielmo de Leaval, sacerdote.

A Lucca, in Toscana, la deposizione di san Riccardo, padre dei santi Villibaldo e Valburga, il quale morì mentre dall’ Inghilterra andava in pellegrinaggio a Roma con i figli.

Nella Focile, san Luca, il giovane, eremita.

Nelle Marche, il beato Riccerio; fu uno dei primi e più cari discepoli di san Francesco.

Ad Assisi, in Umbria, il beato Antonio da Stroncone, religioso dell’ Ordine dei Frati Minori.

A Londra, il beato Tommaso Sherwood, martire, il quale, commerciante di stoffe, mentre si preparava per partire per

Donai, dove intendeva studiare per diventare sacerdote, dovette invece recarsi a Londra per assistere il padre gravemente malato, dove fu arrestato mentre camminava per strada e condotto al martirio, sotto la regina Elisabetta I.

In Francia, i beati martiri Guglielmo Salès, sacerdote e Guglielmo Saultemouche, religioso, gesuiti, i quali, mandati a

fortificare nella fede cattolica le popolazioni circostanti, occupata la regione da cristiani dissidenti, un

giorno di domenica, furono trucidati davanti al popolo per la medesima fede.

A Napoli, in Campania, sant’ Egidio Maria di san Giuseppe ( Francesco ) Postillo, religioso dell’ Ordine dei Frati Minori: quotidianamente andava per le vie della città per la questua, restituendo in cambio parole di consolazione.

In Cina, san Giovanni de Triòra ( Francesco Maria ) Lantrua, sacerdote dell’ Ordine dei Frati Minori e

martire; fu ucciso per strangolamento dopo una lunga permanenza in carcere.

A Parigi, la beata Maria della Provvidenza ( Eugenia ) Smet, vergine; fondò l’ Istituto delle Suore

Soccorritrici della anime del Purgatorio.

A Roma, il beato Pio IX, papa, il quale, proclamando apertamente la verità di Cristo, alla quale aderì fin nel profondo dell’ anima, istituì molte sedi vescovili, promosse il culto della beata Vergine Maria e approvò la convocazione del Concilio Ecumenico Vaticano I.

In località Pont de Molins, vicino a Girona, in Spagna, i beati martiri Anselmo Polanco, vescovo di Teruel e Filippo Ripoll, sacerdote, i quali, insensibili alle lusinghe e alle minacce, rimasero incrollabilmente fedeli alla dottrina della Chiesa.

Vicino a Cracovia, in Polonia, il beato Adalberto Nierychlewski, sacerdote della Congregazione di san Michele e martire,

il quale, al tempo del regime militare contrario alla dignità umana e alla religione, deportato nel campo di sterminio di

Auschwitz a causa della fede in Cristo, terminò di vivere per le atroci torture.

Nel campo di concentramento della città di Angarsk, in Siberia, il beato Pietro Verhun, sacerdote e martire, il quale,

durante la persecuzione contro la religione, raggiunse la vita eterna rimanendo fedele alla dottrina della Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
8 Febbraio

San Girolamo Emiliani, il quale, trascorsa la giovinezza tra contese e bella vita, dopo essere stato fatto prigioniero e rinchiuso in carcere, si convertì al Signore, quindi profuse tutte le sue energie nella cura degli ultimi, soprattutto orfani e ammalati, insieme con altri compagni e da qui ebbe inizio la Congregazione dei Chierici Regolari, detti Somaschi.

Morì di peste che aveva contratto curando i malati a Somasca, vicino a Bergamo, in Lombardia.

Santa Giuseppina Bakhita, vergine, la quale, nata in Sudan, ancora bambina fu rapita e più volte venduta

nei mercati africani di schiavi; sopportò una crudele schiavitù, dalla quale, finalmente liberata, si fece cristiana e religiosa nella Congregazione delle Figlie della Carità a Venezia e trascorse il resto dei suoi giorni nella città di Schio nell’ agro vicentino, facendosi tutta a tutti.

Ad Alessandria d’ Egitto, la commemorazione di santa Cointa, martire, che i pagani, al tempo dell’ imperatore Decio, volevano costringere ad adorare gli dei. Rifiutando di assecondare il loro volere, le legarono i piedi con corde e così legata, trascinandola per le vie della città, la dilaniarono con orribile supplizio.

A Pavia, in Lombardia, san Giovenzio, vescovo; si impegnò strenuamente alla diffusione del Vangelo.

La commemorazione dei santi martiri, monaci del monastero di Dio di Costantinopoli, i quali, per la difesa della fede cattolica, perché avevano portato le lettere del papa san Felice III contro Acacio, furono barbaramente uccisi.

In Francia, san Giacuto, abate, il quale era ritenuto fratello dei santi Vinvelèo e Guetnòco; fondò un monastero vicino al mare, che poi prese il suo nome.

A Milano, la deposizione di sant’ Onorato, vescovo; salvò la vita a molta gente, facendola riparare a

Genova, al tempo dell’ invasione dei Longobardi.

A Verdun, in Francia, san Paolo, vescovo, il quale, prima monaco, poi eletto vescovo di questa città, promosse il decoro

del culto divino e la vita regolare dei canonici.

A Nocera Umbra, san Rinaldo, vescovo, monaco camaldolese di Fonte Avellana;

 nell’ esercizio del ministero episcopale continuò ad indossare l’ abito monastico.

Nei pressi di Barcellona, in Spagna, san Michele ( Francesco ) Febres Corsero, religioso dei fratelli delle

Scuole Cristiane, il quale per quarant’ anni fu un ottimo insegnante nella città di Concha, in Ecuador; quindi

si trasferì in Spagna, osservando scrupolosamente e con animo gioioso la regola.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
9 Febbraio

Ad Alessandria d’ Egitto, il ricordo di sant’ Apollonia, vergine e martire, la quale, sebbene duramente torturata per essersi rifiutata di bestemmiare il suo Dio, preferì essere bruciata viva pur di non rinnegare la fede.

Ancora ad Alessandria, la passione di molti santi martiri; furono uccisi dagli ariani, mentre in chiesa celebravano l’ Eucaristia

A Lemela, in Africa, il ricordo dei santi Primo e Donato, diaconi e martiri; furono massacrati dagli eretici

che volevano impossessarsi della Cattedrale Cattolica.

Ad Apamea, in Siria, san Marone, eremita, uomo di grandi penitenze e di profonda vita interiore; vicino alla sua tomba fu costruito un famoso monastero, che ha dato poi il nome alla comunità cattolica chiamata “ maronita ”.

Nel monastero di Llandolf, nel Galles, san Teliavo, vescovo e abate; il suo ricordo è molto vivo tra le popolazioni del Galles della Cornovaglia e dell’ Armorica, per le grandi opere compiute.

A Canosa, in Puglia, san Sabino, vescovo; fu amico di san Benedetto e fu mandato come rappresentante della Chiesa Romana a Costantinopoli, per difendere la retta fede

dall’ eresia monofisita.

Ad Hamount, in Francia, il transito di sant’ Ansberto; fu abate di Fontanelle e poi vescovo di Rouen. Pipino

di Heristal lo mandò in esilio.

In Baviera, la commemorazione di sant’ Altone, abate; irlandese di nascita, costruì un monastero tra i

boschi di questa regione, che dal suo nome fu chiamato Altonmunster.

A Nocera, in Umbria, san Rinaldo, vescovo, già monaco camaldolese di Fonte Avellana; durante il servizio episcopale mantenne sempre l’ abito monastico.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
10 Febbraio

Memoria della deposizione di santa Scolastica, vergine, la quale, sorella di san Benedetto, fin dall’ infanzia consacrata a Dio, ebbe con il fratello una tale comunione di intenti da incontrarsi una volta all’ anno nel monastero di Montecassino, in Campania, trascorrendo un intero giorno nelle lodi a Dio e in sacri colloqui.

A Magnesia, nella Tessalia, i santi Calarampo, Porfirio, Daucto e tre donne, martiri sotto l’ imperatore Settimio Severo.

A Roma, sulla via Labicana, al decimo miglio dalla città, i santi Zotico e Amanzio, martiri.

Vicino a Terracina, in Campania, san Silvano, vescovo.

A Besancon, nella Borgogna, san Protadio, vescovo.

In un villaggio presso Rouen, santa Austreberta, vergine e badessa; resse con prudenza il monastero di Pavilly, in Normandia, fondato poco tempo prima da sant’ Audeno.

Nell’ eremo di Malavalle, presso Siena, san Guglielmo, eremita; seguendo le sue vestigia, sorsero molte congregazioni di eremiti.

Nel monastero premostrantense di Fosses, in Belgio, il beato Ugo, abate; il fondatore dell’ Ordine san Norberto, divenuto vescovo di Magdeburgo, delegò la guida del nuovo Ordine al nostro beato, che diresse con somma sapienza per trentacinque anni.

A Rimini, la beata Chiara, vedova; espiò con penitenze, con la lacerazione della carne e con digiuni la vita

che prima aveva sprecato in dissolutezze. Infine radunò in un monastero delle compagne, che servì in

spirito di assoluta umiltà.

Presso Angers, in Francia, i beati Pietro Fremono e cinque compagni martiri; furono uccisi a fucilate

durante la rivoluzione francese per la loro fedeltà alla Chiesa Cattolica.

Nel villaggio di Krasic, presso Zagabria, in Croazia, il beato Luigi Stepinac, arcivescovo di Zagabria; con indicibile

coraggio si oppose a coloro che negavano sia la fede che la dignità umana, finchè, condannato al carcere per la fedeltà alla

Chiesa, distrutto dalla malattia e consumato dalla fame, riuscì ugualmente a portare a termine con coraggio

il suo ministero episcopale.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
11 Febbraio

La Beata Maria Vergine di Lourdes, la quale, nel IV° anno dalla proclamazione del dogma dell’ Immacolata Concezione della Beata Vergine, sui monti Pirenei sulla riva del fiume Gave, vicino alla città di Lourdes, apparve più volte all’ umile fanciulla santa Maria Bernadetta Soubirous, dentro la grotta di Massabielle; una moltitudine innumerevole di fedeli si reca con devozione in quel luogo.

A Roma, sulla via Appia, nel cimitero che porta il suo nome, santa Sotère, vergine e martire, la quale, come racconta sant’ Ambrogio, anteponendo gli onori della fede alla nobiltà della stirpe, comandata di sacrificare agli dei, rifiutò e brutalmente schiaffeggiata secondo le usanze servili, non sottrasse la faccia; infine percossa con la spada, non ebbe paura della morte.

La memoria di molti santi e martiri, i quali furono catturati in Numidia durante la persecuzione dell’

imperatore Diocleziano e non avendo acconsentito di consegnare le Sacre Scritture contro l’ editto dell’

imperatore, furono straziati con crudelissime torture e infine uccisi.

A Volturno, in Campania, san Castrense, martire.

A Castel Landon, in Francia, san Severino, abate del monastero di Agaunum.

A Roma, presso san Pietro, la sepoltura del papa san Gregorio II, il quale, al tempo

dell’ imperatore Leone Isàurico, in difficili condizioni difese la Chiesa e il culto delle sacre immagini e inviò san Bonifacio in Germania a predicare il Vangelo.

Nello stesso luogo, la sepoltura del papa san Pasquale I; tolse dalle catacombe molti corpi di santi martiri,

li fece collocare con grande onore nelle varie chiese di Roma, perché fossero debitamente venerati.

Nella Borgogna, sant’ Ardano, abate del monastero di Tournus.

A Chihuahua, in Messico, san Pietro Maldonado, sacerdote e martire; durante la persecuzione, catturato mentre amministrava il sacramento della penitenza, meritò la corona del martirio con la decapitazione.

In località Vinaroz, in Spagna, il beato Tobia ( Francesco ) Borras Romen, religioso

dell’ Ordine Ospedaliero di san Giovanni di Dio e martire; al tempo della persecuzione in odio alla fede, portò a

compimento una gloriosa battaglia.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
12 Febbraio

A Cartagine, la memoria dei santi martiri Abitinensi ( di Abitinia ), i quali, al tempo della persecuzione dell’ imperatore Diocleziano, essendosi radunati per la celebrazione dei divini misteri secondo l’ uso, contro il decreto del sovrano, furono arrestati dal comandante della colonia e dall’ ufficiale di guardia e condotti a Cartagine e interrogati dal proconsole Anolino. Anche in mezzo alle torture tutti si professarono cristiani, dichiarando di non poter interrompere la celebrazione del sacrificio eucaristico; per questo, in varie località e in tempi diversi, subirono il martirio.

A Barcellona, in Spagna, la memoria di santa Eulalia, vergine e martire.

La commemorazione di san Melezio, vescovo di Antiochia; più volte fu mandato in esilio per la fede

nicena e morì mentre presiedeva il I° Concilio Ecumenico di Costantinopoli.

San Gregorio Nisseno e san Giovanni Crisostomo lo celebrarono con grandi lodi.

Nel monastero di san Cornelio, in Germania, il transito di san Benedetto, abate di Aniane; propagò la

regola di san Benedetto, tramandò ai monaci le consuetudini da osservare e si impegnò molto per il

ripristino della liturgia romana.

A Costantinopoli, sant’ Antonio, detto Cauleas, vescovo; al tempo dell’ imperatore Leone VI, si adoperò

con tutte le forze perché fossero consolidate la pace e l’ unità della Chiesa.

Nel monastero di Jully-les-Nonnais, in Francia, la beata Ombelina, badessa del medesimo cenobio; convertita dal fratello

san Bernardo, abate di Chiaravalle, con il consenso del marito, prese l’ abito monastico.

In Alsazia, sulla sponda del fiume Scher, san Ludano; scozzese di nascita, morì mentre pellegrino si recava

a Roma per venerare le tombe degli apostoli.

A Londra, in Inghilterra, i beati martiri Tommaso Hemmerford, Giacomo Fenn, Giovanni Nutter, Giovanni Munden e Giorgio Haydock, sacerdoti, i quali, essendosi la regina Elisabetta I arrogata l’ autorità sulle cose spirituali, condannati alla decapitazione per la fedeltà alla Chiesa Romana, furono sventrati ancora vivi a Tyburn.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
13 Febbraio

Ad Atene, in Grecia, san Martiniano; aveva condotto vita eremitica presso Cesarea di Palestina.

Nei pressi di Treviri, san Càstore Aquilano, sacerdote ed eremita.

A Todi, in Umbria, san Benigno, sacerdote e martire.

A Lione, in Francia, santo Stefano, vescovo.

A Rieti, la commemorazione di santo Stefano, abate, uomo di grande pazienza, come riferisce il papa san Gregorio Magno.

A Osnabruck, in Germania, san Gosberto, vescovo degli Svevi, il quale, scacciato dalla sua sede durante la persecuzione dei pagani, guidò poi la diocesi di Osnabruck.

A Carcassone, in Francia, san Guimèra, vescovo.

A Lodève, ancora in Francia, san Fulcrano, vescovo, insigne per l’ amore verso i poveri e lo zelo del culto divino.

In Francia, san Gilberto, vescovo.

Presso Tolemaide, nella Palestina, il transito del beato Giordano di Sassonia, sacerdote domenicano; successore ed emulatore di san Domenico, propagò con grande successo

l’ Ordine e morì annegato in un naufragio.

A Spoleto, in Umbria, la beata Cristina, la quale, dopo la morte del marito, trascorse alcuni anni in modo frivolo, ma poi scelse la vita penitente nell’ Ordine secolare di sant’ Agostino, dedita all’ orazione e al servizio dei poveri e degli ammalati.

A Padova, nel Veneto, la beata Eustochia, vergine dell’ Ordine di san Benedetto.

Vicino alla città di Lezhi, in Cina, san Paolo Liu Hanzuo, sacerdote e martire, strozzato per il nome cristiano.

Nella città di Thi-Nghè, in Vietnam, san Paolo Le-Van-Loc, sacerdote e martire; fu decapitato, per il nome di Cristo, alle porte della città, sotto l’ imperatore Tu-Duc.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
14 Febbraio

La memoria dei santi Cirillo, monaco e Metodio, vescovo. Questi fratelli di Tessalonica, mandati in Moravia dal vescovo Fozio, predicarono la fede cristiana e prepararono in lingua slava i testi liturgici, scritti con caratteri detti poi appunto “ cirillici ”. Venuti a Roma, Cirillo, che prima si chiamava Costantino, colpito da grave malattia, si fece monaco e morì nella città eterna proprio in questo giorno. Metodio invece, ordinato vescovo di Sirmio dal papa Adriano II, evangelizzò la Pannonia senza risparmiare fatiche; dovette sopportare molte sofferenze da parte di invidiosi, ma fu sempre aiutato dai romani Pontefici. Ricevette il premio delle sue fatiche il 6 Aprile 885 a Velehrad.

A Roma, sulla via Flaminia, presso il ponte Milvio, san Valentino, martire.

Vicino a Spoleto, in Umbria, san Vitale, martire; lo resero santo la fede custodita e

l’ imitazione di Cristo.

A Roma, nel cimitero di Pretestato, sulla via Appia, san Zenone, martire.

Ad Alessandria d’ Egitto, la memoria dei santi martiri Bassiano, Tonione, Prato, Lucio, gettati in mare; Cirione, sacerdote, Agatone, esorcista e Mosè, bruciati vivi; Dionisio e Ammonio, uccisi con la spada: tutti meritarono la gloria eterna.

A Ravenna, sulla via Flaminia, san Eleucadio, vescovo.

Sul monte Scopa, in Bitinia, sant’ Aussenzio, sacerdote e archimandrita; dal monte dove abitava, come se fosse una cattedra, propugnò con invitto coraggio la fede del Concilio di Calcedonia.

La memoria di san Nostrano, vescovo di Napoli.

Vicino a Sorrento, in Campania, sant’ Antonino, abate; si ritirò in solitudine in un monastero distrutto dai Longobardi.

A Cordova, in Spagna, il beato Vincenzo Vilar David, martire; durante la persecuzione religiosa, ospitò nella sua casa sacerdoti e religiose e preferì morire pur di non rinnegare la fede.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
15 Febbraio

La memoria del beato Onèsimo, che l’ apostolo Paolo accolse come schiavo fuggitivo e generò in catene come figlio nella fede di Cristo, come egli stesso scrisse al suo padrone Filèmone.

A Brescia, i santi martiri Faustino e Giovìta; dopo molte lotte intraprese per la fede in Cristo, ricevettero la vittoriosa corona del martirio.

Ad Antiochia, in Siria, i santi martiri Isico, sacerdote Giosippo, diacono della Chiesa di Roma, Zòsimo, Barale e Agàpe, vergine.

Ad Auvergne, in Francia, santa Giorgia, vergine.

A Vaison, in Francia, san Quinidio, vescovo.

Ad Antrodoco, in Abruzzo, san Severo, sacerdote; di lui fa memoria il papa san Gregorio Magno.

A Capua, in Campania, san Decoroso, vescovo.

A Palazzolo, in Toscana, san Valfrido, abate; dopo aver generato cinque figli, decise con la consorte di condurre vita monastica.

A Vaxjo, in Svezia, san Vigfrido; di origine inglese, evangelizzò con grande successo le popolazioni di questi luoghi e battezzò nella fede di Cristo lo stesso re Olav.

A San Sepolcro, in Umbria, il beato Angelo Scarpetti, sacerdote dell’ Ordine degli Eremiti di sant’ Agostino.

A Paray-le-Monial, in Francia, il beato Claudio la Colombiere, sacerdote gesuita; uomo dedito soprattutto alla preghiera, con la sua ferma e santa direzione, condusse molti all’ amore di Dio.

 Torna all’ inizio della pagina

 
 
16 Febbraio

In Campania, Santa Giuliana, vergine e martire.

A Cesarea in Palestina, i Santi Martiri , Elia, Geremia,Isaia,Samuele e Daniele, i quali, cristiani dell’Egitto, mentre si occupavano dei confessori della fede condannati alle miniere in Cilicia, furono arrestati e dal Preside Firmiliano, al tempo dell’imperatore Galerio Massimiano, crudelmente torturati e quindi uccisi. Dopo di loro ricevettero la corona del martirio anche il presbitero Panfilo, i diaconi di Gerusalemme Valente e Paolo, provenienti dalla città di Iamnia, i quali erano stati tenuti in carcere per due anni; e ancora Porfirio, servo di Panfilo, Seleuco della Cappadocia, centurione, Teodulo, anziano servitore della casa del preside Firmiliano e per ultimo Giuliano della Cappadocia, il quale , essendo entrato in città proveniente  dalla campagna proprio nel momento in cui i Santi Martiri venivano uccisi e accusato di essere cristiano perché ne aveva bacaito i corpi, dal preside fu condannato ad essere bruciato a fuoco lento.

In Siria, San Maruta , vescovo, il quale ristabilita la pace nella chiesa, presiedette il concilio di Seleucia, ricostruì le chiese distrutte durante la persecuzione del re Sapore e raccolse le reliquie dei santi martiri della Persia  e le depose nella città, sede vescovile, denominata poi Martiropoli, cioè città dei martiri.

In Abruzzo la Beata Filippa Mareri, vergine , la quale disprezzate le ricchezze e le lusinghe del mondo, abbracciò nella casa dei propri genitori la forma di vita  di Santa Chiara da poco iniziata.

A Perugia , il ricordo del Beato Nicola Paglia, sacerdote domenicano: ricevette l’abito e il compito di predicare proprio da San Domenico.

A Torino il Beato Giuseppe Allamno, sacerdote: animato da  grande zelo, fondò due Congregazioni delle Missioni della Consolata, una di uomini e una di donne, per la diffusione della buona novella.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
17 Febbraio

I Sette Santi Fondatori dei Servi di Maria, cioè Bonfiglio,Bartolomeo , Giovanni, Benedetto , Gerardo, Ricovero e Alessio, i quali, negozianti fiorentini, di comune accordo si consacrarono alla Vergine Maria sul monte Senario, fondando l’Ordine sotto la regola di S. Agostino. Vengono ricordati insieme nel giorno in cui S. Alessio, il più longevo di tutti, si dice, sia morto ultracentenario

Ad Amasea nel Ponto, la passione di San Teodoro, detto Tiro, il quale al tempo dell’imperatore Massimiano, per la testimonianza della fede cristiana fi sottoposto a crudeli torture, messo in carcere in ultimo fu bruciato vivo. San gregorio Nisseno ealta le sue gesta in un celebre discorso.

A Treviri in Germania, San Bonoso, vescovo: insieme con Sant’Ilario di Poitiers si adoperò con ogni mezzo perché fosse custodita l’integrità della fede in quelle popolazioni.

In Armenia, San Mesrop, detto”il Maestro” degli Armeni: discepolo di San Mrsetee ufficiale di corte, divenuto monaco, inventò l’alfabeto per far conoscere al popolo le Sacre Scritture, tradusse il Vecchio e Nuovo Testamento e compose inni e altri innumerevoli cantici in lingua armena.

Il ricordo di San Flaviano, vescovo di Costantinopoli, il quale perché a Efeso aveva strenuamente difeso la fede cattolica fu maltrattato e percosso dall’empio Dioscoro e, stremato dall’esilio, poco dopo finì di vivere.

Nel monastero di Cluain Ednech in Irlanda, san fintano, abate, fondatore di questo monastero e celebre per austerità di vita.

A Lindisfarne sempre in Irlanda, San Finano, vescovo e abate; è ricordato per la sua dottrina e per l’evangelizzazione delle popolazioni di queste terre.

A Therouanne in Francia,San Silvino , vescovo.

Nel monastero di cava in Campania, San Costabile , abate.

A Ratzenburg in Germania, San’Evermondo, vescovo, il quale discepolo di San Norberto, nell’Ordine Premostratense, si adoperò per la conversione al cristianesimo dei Venedi.

A Padova nel Veneto, il Beato Luca Belludi, sacerdote dell’Ordine dei Minori, discepolo e compagno di Sant’ Antonio.

A Pyeongyang in Corea, San Pietro Yu Chong-Nyul, martire , il quale padre di famiglia, mentre spiegava il Vangelo nell’abitazione di un catechista ai fedeli, fu arrestato e, sottoposto a crudeli torture, rese l’anima a Dio

A Rosic in Polonia, il Beato Antonio Leszczewicz, sacerdote della Compagnia  dei Chierici Mariani e martire: durante l’occupazione  della sua patria da parte di una nazione straniera, per la confessione della fede fu bruciato vivo dai persecutori della Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
18 Febbraio

In località Beit Lapat in Persia, la passione dei santi martiri Sadoth, vescovo di Seleucia, Ctesifonte e centoventotto compagni sacerdoti, chierici e vergini consacrate, i quali essendosi rifiutati di adorare il sole, furono messi ijn carcere e , sottoposti a durissime torture, in ultimo per ordine del re furono giustiziati.

A Toledo in Spagna, sant’Elladio:prima ministro alla corte del re, poi abate del monastero di Agadi, e infine vescovo di Toledo, si distinse soprattutto per il suo amore verso il prossimo.

A Costantinopoli, san Tarasio, vescovo, insigne per erudizione e per pietà. Tenne il discorso di apertura al secondo concilio di Nicea, in cui i Padri Conciliari difesero il culto delle Sacre Immagini.

Nell’abbazia di Saint-Riquier in Francia, sant’Angilberto, abate, il quale abbandonate le cariche del palazzo imperiale e dell’esercito, con il consenso di sua moglie Berta, anche lei fattasi monaca, si ritirò a vita monastica e resse con grande sapienza il cenobio Saint-Riquer.

A Coimbra in Portogallo, san Teotonio. Si recò due volte in pellegrinaggio in Terra Santa e, dopo aver rinunciato all’incarico di custode del Santo Sepolcro, ritornò in patria dove fondò la Congregazione dei Canonici Regolari della Santa Croce.

A Roma  il beato Giovanni da Fiesole, detto Beato Angelico, sacerdote domenicano. Sempre con lo sguardo fisso a Cristo, quello che contemplava nel suo intimo, lo rappresentò così bene nei suoi dipinti da essere capaci di elevare le menti degli uomini verso le cose celesti.

A Londra in Inghilterra, il beato Guglielmo Harrington, sacerdote e martire.Nato nello Yorkshire, per aver dichiarato di essere sacerdote conseguì la corono del martirio a Tyburn sotto la regina Elisabetta prima.

Presso Londra ancora in Inghilterra, il beato Giovanni Pibhush, sacerdote e martire, il quale più volte e a lungo incarcerato, in ultimo condannato a morte perché sacerdote sotto la regina Elisabetta prima, fu impaccato e sventrato con la spada a Southwark.

Nella provincia di Hubei in Cina, san Francesco Regis Clet, sacerdote delle Congregazione della Missione e martire. Annunziò il Vangelo per trenta anni, tra incredibili difficoltà, per questo, dopo una durissima carcerazione, tirato in un tranello da un apostata fu strangolato per il nome di Cristo.

Nella città di Guizhon ancora in Cina, il santo martire Giovanni Pietro Neel, sacerdote  della Società delle Missioni Estere di Parigi. Accusato di aver annunciato il Vangelo, legato alla coda di un cavallo e trascinato a forte velocità per un lungo tratto di strada, crudelmente torturato e sbeffeggiato, finalmente terminò il suo corso con la decapitazione. Insieme con lui sono stati uccisi anche i santi martiri Martino Wu Xuesheng, catechista, Giovanni Zhang Tianshen, neofita e Giovanni Chen Xianheng.

A Bergamo in Lombardia, la beata Gertrude ( Caterina) Comensoli, vergine. Fondò la Congregazione delle Religiose per l’adorazione del SS. Sacramento e per l’educazione della gioventù.

A Rosic in Polonia, il beato Giorgio Kaszyra, sacerdote dei Chierici Mariani e martire. Durante la guerra morì per Cristo Signore bruciato vivo dai nemici della fede.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
19 Febbraio

A Napoli, nella Campania, san Quod-vult-Deus, vescovo di Cartagine, il quale, dal re ariano Genserico, imbarcato insieme al suo clero su navi sconquassate, senza remi e senza vele, contro ogni aspettativa approdò a Napoli, ed ivi, esiliato, morì confessore.

In Palestina, la commemorazione dei santi monaci ed altri martiri, crudelissimamante uccisi, per la fede di Cristo, dai Saraceni, capitanati da Alamundaro.

A Milano, san Mansueto, vescovo e confessore.

A Benevento, san Barbato, vescovo. Nato all’ inizio del VII° secolo, intervenne al Concilio di Roma, sotto papa Agatone, contro i monoteliti e lavorò per la conversione dei Longobardi.

In Francia, nella regione dell’ Aquitania, san Giorgio, monaco.

In Belgio, la deposizione del beato Bonifacio, vescovo.

In Sicilia, il beato Corrado Gonfalonieri, eremita del Terz’ Ordine di san Francesco.

In Spagna, a Cordova, la commemorazione del beato Alvaro di Zamora, sacerdote

dell’ Ordine dei Predicatori.

A Mantova, la beata Elisabetta Picenardi, vergine, che indossato l’ abito dei Servi di Maria, visse nella casa paterna la sua consacrazione a Dio, accostandosi assiduamente alla comunione eucaristica, recitando la liturgia delle ore e meditando la Sacra Scrittura.

Fu devotissima della Vergine Maria.

In Cina, presso Kaiyang, santa Lucia Yi Zhenmei, vergine e martire, condannata al taglio della testa per aver confessato la fede cattolica.

Nel campo di concentramento di Dachau, presso Monaco, in Germania, il beato Giuseppe Zappata, religioso della Congregazione del Sacratissimo Cuore di Gesù e martire, che arrestato in Polonia, sua patria, per la fede fu internato e ammalatosi, morì.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
20 Febbraio

Ad Alessandria, san Serapione, martire, che sotto l’ imperatore Decio, fu sottoposto a crudelissimi tormenti; prima gli furono spezzate le giunture delle sue membra, poi fu gettato dal piano superiore della sua casa.

A Tiro, i cinque martiri, che sotto Diocleziano furono uccisi con diversi generi di tormenti.

Erano sostenuti nella lotta dai vescovi Tirannione, Silvano, Pèleo e Nilo e dal prete Zenobio, che insieme ai fedeli conseguì la palma del martirio.

Ad Antiochia, in Siria, san Tirannione, vescovo di Tiro e martire. Istruito fin da piccolo nella fede cristiana, con uncini di ferro venne dilaniato insieme al sacerdote Zenobio.

A Tournai, in Belgio, sant’ Eleuterio, confessore. Vescovo della città dal 456 al 531 circa, lottò contro eretici e pagani e fu ucciso dagli ariani.

Ad Orleans, nel monastero di san Trudone, il transito di sant’ Eucherio, vescovo; in seguito a calunnie, fu costretto all’ esilio da Carlo Martello e si rifugiò fra i monaci del cenobio.

A Catania, san Leone, vescovo, che si dedicò con grande zelo alla cura dei poveri.

Ad Aljustrel, presso Fatima, in Portogallo, la beata Giacinta Marto, che pazientemente sopportò, pur essendo ancora bambina, una dolorosa malattia fino alla morte. Ebbe una forte devozione alla Beata Vergine Maria, che le apparve nella Cova d’ Iria il 13 Maggio 1917.

A Stutthof, in Polonia, la beata Giulia Rodzinska, vergine della Congregazione delle Suore di san Domenico e martire, che durante la guerra, fu messa in campo di concentramento, dove, colpita da una grave malattia, passò alla vita eterna.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
21 Febbraio

San Pier Damiani, vescovo di Ostia e dottore della Chiesa. Nato a Ravenna nel 1007, uomo di aspra penitenza e di prolungata preghiera, uscì dall’ amata solitudine di Fonte Avellana, accettando di essere vescovo e cardinale, per meglio promuovere la purificazione e il rinnovamento della Chiesa. E’ autore di importanti scritti liturgici, teologici e morali.

Ad Antiochia, sant’ Eustazio, vescovo, che al tempo dell’ imperatore ariano Costanzo, per difendere la fede cattolica, fu esiliato a Traianopoli, in Tracia e ivi morì.

In Svizzera, san Germano, abate, che morì insieme a san Randoaldo per mano di un gruppo di predoni, dopo essere stato spogliato dei suoi vestiti e colpito con una lancia.

A Londra, il beato Tommaso Pormort, sacerdote e martire al tempo della regina Elisabetta I.

Nella stessa Londra, san Roberto Southwell, sacerdote della Compagnia di Gesù e martire, che dopo aver svolto in quella città per molti anni il suo ministero sacerdotale e aver composto molti inni spirituali, per ordine della stessa regina fu incarcerato e torturato.

In Francia, il beato Natale Pinot, sacerdote e martire, che al tempo della rivoluzione francese, mentre si preparava alla celebrazione eucaristica, fu arrestato e condotto al patibolo.

A Torino, la beata Maria Enrichetta Dominaci, superiora delle Suore di sant’ Anna e della Provvidenza. Nacque nel 1829 e morì nel 1894.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
22 Febbraio

Festa della cattedra di san Pietro Apostolo. Questa celebrazione, con il simbolo della cattedra, pone in rilievo la missione di maestro e di pastore, conferita da Gesù a Pietro, da Lui costituito, nella sua persona e in quella dei suoi successori, principio e fondamento visibile dell’ unità della Chiesa.

A Gerapoli, nella Frigia, san Papia, vescovo, discepolo di san Giovanni apostolo e compagno di Policarpo.

A Vienne, san Pascasio, vescovo.

A Ravenna, san Massimiano, vescovo.

Presso Parigi, in francia, la beata Isabella, vergine, sorella di san Ludovico, re, la quale, avendo rinunziato a nozze regali e ai piaceri del mondo, fondò in gruppo di Suore Minori, con le quali visse in umiltà e povertà.

A Cortona, in Toscana, santa Margherita ; profondamente scossa dalla morte del suo amante, con una salutare vita di penitenza riparò i suoi peccati di gioventù. Entrata nel Terz’ Ordine di san Francesco, si dedicò alla contemplazione delle cose celesti. Fu arricchita da Dio di doni soprannaturali.

In Giappone, il beato Diego Carvalho, sacerdote della Compagnia di Gesù e martire. Dopo molte sofferenze, subite insieme ai suoi compagni, confessò Cristo fino alla morte.

A Firenze, la beata Maria di Gesù d’ Oultremont, la quale, madre di quattro figli e vedova, senza venir meno ai suoi doveri materni, si dedicò alla fondazione e alla guida della

Congregazione delle Suore di Maria Riparatrice e aiutata da Dio, superate molte sofferenze, giunse alla vita eterna.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
23 Febbraio

A Smirne, il natale di san Policarpo, discepolo di san Giovanni Apostolo e da lui stesso ordinato vescovo di quella città; fu il personaggio più illustre di tutta l’ Asia. Sotto Marco Antonino e Lucio Aurelio Comodo, in presenza del Proconsole, mentre tutto il popolo

nell’ anfiteatro gridava a gran voce contro di lui, fu dato a fuoco, quasi novantenne, mentre ringraziava Dio del dono del martirio e di prendere parte alle sofferenze di Cristo.

Presso Sirmio, il beato Sireno o Sinedrio, monaco e martire, il quale, denunciato da una certa donna che lui aveva rimproverato in precedenza per i suoi comportamenti licenziosi, fu preso per ordine del giudice e avendo confessato di essere cristiano e rifiutato di sacrificare agli idoli, fu decapitato.

In Inghilterra, santa Milburge, vergine e badessa.

In Germania, san Willigiso, vescovo, esemplare nell’ esercitare il suo ufficio di pastore.

In Calabria, san Giovanni, monaco, che si dedicò con grande amore all’ assistenza dei poveri.

In Spagna, la beata Raffaella Ybarra di Villalonga, la quale, madre di quattro figli, con il consenso del marito, emise i voti religiosi e fondò l’ Istituto delle Suore degli Angeli Custodi, per proteggere le ragazze ed educarle all’ osservanza dei comandamenti del Signore.

In Francia, il beato Nicola Tabouillot, sacerdote e martire.

A Roma, la beata Giuseppina Vannini, vergine, che fondò la Congregazione delle Figlie di san Camillo per il servizio dei poveri.

In Polonia, il beato Ludovico Mzyk, sacerdote della Congregazione del Verbo Divino e martire.

Nel campo di concentramento di Dachau, presso Monaco di Baviera, il beato Vincenzo

Frelichowski, sacerdote, il quale, deportato in carcere, non diminuì il suo impegno pastorale. Nell’ assistere i malati contrasse una malattia e dopo lunghe sofferenze, entrò nella visione della pace eterna.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
24 Febbraio

A Nicomedia, in Bitinia, il martirio di sant’ Evezio, il quale, sotto l’ imperatore Diocleziano, vedendo pubblicato sulla piazza un editto contro gli adoratori del vero Dio, pieno di ardore, di fronte a tutto il popolo, stracciò pubblicamente quel manifesto, per la qual cosa subì ogni sorta di crudeltà.

Nello stesso luogo, la commemorazione di san Pietro Palatino, martire, il quale, radicato nella fede di san Pietro Apostolo, bruciato, rese lo spirito a Dio.

A Treviri, san Modesto, vescovo.

In Inghilterra, sant’ Edilberto, re dei Canzii, convertito da sant’ Agostino, vescovo di Canterbury.

Ad Ascoli Piceno, il beato Costanzo Servoli da Fabriano, sacerdote dell’ Ordine dei Predicatori, che, sia con l’ austerità della vita che con l’ impegno, si distinse nel promuovere la pace.

A Mantova, il beato Marco de Marconi, religioso dell’ Ordine degli Eremiti di san Girolamo.

In Spagna, la beata Giuseppa Noval Girbès. Nata nel 1820, visse la sua consacrazione a Dio nel mondo e per tutta la vita raccolse attorno a sé i bambini le giovani e le donne della parrocchia, insegnando loro il catechismo. Morì nel 1893.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
25 Febbraio

A Perge, in Panfilia, il martirio di san Nestore, vescovo, il quale, al tempo della persecuzione dell’ imperatore Decio, arrestato dal preside della provincia, fu condannato alla crocifissione e mentre confessava Cristo crocifisso, subì lo stesso tormento.

A Nazianzo, in Cappadocia, nel 369, san Cesario, medico, fratello del santissimo Gregorio Nazianzeno, il Teologo.

In Belgio, santa Aldetrude, vergine e badessa.

Nel monastero di Heidenheim, in Germania, santa Valburga, vergine, figlia di san Riccardo, re d’ Inghilterra. Invitata da san Bonifacio e dai suoi fratelli Villibaldo e Vinebaldo,

dall’ Inghilterra venne in Germania, dove governò sapientemente un doppio monastero di monaci e di monache.

Ad Agrigento, san Gerlando, vescovo, che governò bene la sua Chiesa , liberata dal potere dei Saraceni.

In Francia, il transito del beato Roberto di Arbisello, sacerdote, il quale con la sua predicazione spinse alla conversione uomini e donne, che raccolse in due monasteri.

A Lucca, il beato Avertano, pellegrino e religioso dell’ Ordine dei Carmelitani.

In Messico, il beato Sebastiano dell’ Apparizione. Nato in Spagna nel 1502, emigrò in Messico, dove si formò una cospicua fortuna. Rimasto vedovo due volte, entrò in convento vivendo quale umile questuante. Morì quasi centenario nel 1600.

In Lucania, il beato Domenico Lentini, sacerdote, il quale nel suo paese esercitò il suo fruttuoso e molteplice ministero fino alla morte, conducendo una vita di orazione e penitenza.

A Malta, la beata Maria Adeodata Pisani, vergine dell’ Ordine di san Benedetto la quale, essendo badessa del monastero di san Pietro, esplicò sapientemente il suo ufficio, prendendosi cura dei poveri e degli abbandonati.

In Cina, san Lorenzo Bai Xiaoman, martire. Artigiano e neofita, patì sofferenze per non rinnegare Cristo.

In Messico, san Turibio Romo, sacerdote e martire. Durante la persecuzione, in odio al suo sacerdozio, venne ucciso.

Presso le rive del fiume Beijiang, in Cina, Luigi Versiglia, vescovo e Callisto Caravario, sacerdote, missionari salesiani, martiri nel 1930.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
26 Febbraio

Ad Alessandria, sant’ Alessandro, vescovo. Uomo di veneranda età, pieno di zelo per la conservazione della vera fede, fatto vescovo di Alessandria dopo san Pietro, scacciò dalla Chiesa il suo prete Ario, caduto in eresia, che poi venne scomunicato nel I° Concilio di Nicea.

A Bologna, san Faustiniano, vescovo, che sostenne la Chiesa durante la persecuzione di Diocleziano.

A Gaza, san Porfirio, vescovo. Nato a Tessalonica verso il 347, monaco per cinque anni nel deserto egiziano, divenne vescovo di Gaza nel 395. Dopo aver distrutto molti templi degli idoli, subì persecuzioni fino a che riposò in pace con tutti i santi, verso l’ anno 420.

A Never, in Francia, sant’ Agricola, vescovo.

Ancora in Francia, san Vittore, eremita, le cui doti furono tessute da san Bernardo.

A Firenze, sant’ Andrea, vescovo.

In Inghilterra, il beato Roberto Drurj, sacerdote e martire. Accusato di aver congiurato contro il re Giacomo I, rivestito dell’ abito sacerdotale, fu condotto, per Cristo, al patibolo.

In Spagna, a Monserrato, la beata Paola da San Giuseppe Calasanz Montal Fornes, vergine; fondò l’ Istituto delle Figlie di Maria delle Scuole Pie.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
27 Febbraio

Ad Alessandria, san Giuliano. Non potendo stare in piedi, fu portato seduto su una sedia al giudice da due servi; di questi, uno rinnegò la fede, l’ altro perseverò col suo padrone.

Furono fatti girare per tutta la città su cammelli, flagellati e bruciati sul rogo.

Nello stesso luogo, san Besa, soldato e martire; poiché difendeva i suddetti martiri, portato dal giudice, mentre difendeva con forza la sua fede, gli venne tagliata la testa.

In Francia, sant’ Onorina, vergine e martire.

A Lione, in Francia, san Baldomero, suddiacono, uomo di grande fede.

A Costantinopoli, i santi confessori Basilio e Procopio, monaci, che al tempo

dell’ imperatore Leone, difesero il culto delle immagini sacre.

Presso Lione, in Francia, sant’ Ippolito, abate e vescovo.

In Armenia, san Gregorio, monaco, dottore degli Armeni, illustre per la dottrina, per gli scritti e per la scienza mistica.

A Messina, in Sicilia, san Luca, abate del monastero del SS. Salvatore, sotto la regola dei monaci orientali.

A Londra, sant’ Anna Line, vedova e martire, la quale, morto il marito in esilio per la fede, organizzò in città una casa per i sacerdoti. Per questo motivo, la regina Elisabetta I la impiccò. Con lei furono uccisi anche i beati sacerdoti e martiri Marco Barkworth,

dell’ Ordine di san Benedetto e Rogerio Filcock, della Compagnia di Gesù.

Sempre a Londra, il beato Guglielmo Richardson, sacerdote e martire, il quale, ordinato presbitero in Spagna, al tempo della regina Elisabetta I, fu martirizzato in odio al suo sacerdozio.

Nella diocesi di Maiorca, la beata Francesca Anna Cirer Y Carbonell, che non sapendo né leggere né scrivere, fondò la Comunità delle Suore della Carità.

A Isola del Gran Sasso, san Gabriele dell’ Addolorata Possenti, accolito. Nato ad Assisi nel 1838, dopo alcuni anni di vita spensierata si fece passionista, attratto e trasformato da una straordinaria devozione ai dolori di Maria. Morì ancora giovane.

E’ patrono della Gioventù Cattolica Italiana.

A Marsiglia, la beata Maria di Gesù Deluil-Martiny, fondatrice delle Figlie del Cuore di Gesù. Nacque nel 1841 e morì nel 1884. Ferita a morte da un uomo turbolento, concluse la sua vita unita intimamente a Cristo, con l’ effusione del sangue.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
28 Febbraio

Ad Alessandria, i santi preti, diaconi e moltissimi altri, che al tempo di Valeriano, mentre infieriva una pestilenza, morirono servendo gli appestati.

Vicino a Lione, san Romano, abate, il quale, seguendo l’ esempio degli antichi monaci, divenne eremita e poi padre di moltissimi monaci.

In Siria, la commemorazione delle sante vergini Marana e Cira, che vissero all’ aperto in un luogo piccolo e recintato, senza possedere nessuna abitazione, osservando il silenzio e ricevendo il cibo necessario da una piccola apertura.

A Parigi, in Francia, il beato Daniele Brottier, sacerdote della Congregazione dello Spirito Santo, che spese la sua vita nell’ assistere gli orfani.

Ad Auschwitz, presso Cracovia, in Polonia, il beato Timoteo Trojanowski, sacerdote

dell’ Ordine dei Frati Minori Conventuali e martire, il quale, mentre la sua patria era governata da un regime ostile all’ uomo e alla religione, per la sua fede cristiana, sfinito dalle sofferenze, morì.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
29 Febbraio (anni bisestili)

A Roma, sant’ Ilaro, papa e confessore, che scrisse lettere sulla fede cattolica con le quali confermò i Concili di Nicea, di Efeso e di Calcedonia, illustrando nello stesso tempo il primato della sede di Roma.

In Inghilterra, sant’ Osvaldo, vescovo, il quale, prima canonico poi monaco, guidò le chiese a lui affidate. Stabilì in molti monasteri la regola di san Benedetto. Fu uomo affidabile e maestro di alta dottrina.

Presso l’ Aquila, in Abruzzo, la beata Antonia da Firenze, vedova, fondatrice e prima badessa del monastero del Corpo di Cristo, dove si osservava la prima regola di santa Chiara.

In Cina, nella provincia di Guanxi, sant’ Augusto Chapdelaine, sacerdote della Compagnia dei Missionari di Parigi per le Missioni Estere e martire, il quale, avendo per primo diffuso la fede cristiana in quella regione, fu arrestato dai soldati insieme a molti neofiti e dopo aver ricevuto trecento vergate, venne chiuso in una caverna stretta; infine morì con il taglio della testa.

 

Torna all’ inizio della pagina  –  Seleziona un altro mese