Marzo

Martirologio Romano

Mese di Marzo

 

Clicca sul giorno desiderato

 

123456789101112131415

16171819202122232425262728293031

 

Oppure clicca qui per selezionare un altro mese

 
1 Marzo

A Roma, presso san Paolo, sulla via Ostiense, san Felice III, papa, che fu trisavolo di san Gregorio Magno.

In Francia, presso Angers, sant’ Albino, vescovo, il quale, con coraggio rimproverò ai potenti del tempo i loro soprusi. Si adoperò per il rinnovamento della Chiesa, promovendo il III° Concilio Aurelianense.

In Cambria, san David, vescovo, il quale, imitando gli esempi dei Padri Orientali, fondò un monastero, dal quale uscirono molti monaci che evangelizzarono l’ Irlanda e altre regioni del Nord-Europa.

In Francia, san Siviardo, abate.

In Germania, san Suitberto, vescovo, il quale, compagno di san Willibrordo e ordinato vescovo da san Wilfrido, predicò il Vangelo ai Frisoni, ai Batavari e ad altri popoli della Germania. Morì nel cenobio da lui fondato.

In Vasconia, in Spagna, san Leone, vescovo e martire.

In Calabria, san Leone Luca, abate, famoso per i suoi sermoni sulla vita eremitica e cenobitica, secondo la tradizione orientale.

A Cella Nova, in Spagna, san Rudesindo, vescovo, il quale promosse e curò in quella regione la

vita monastica e lasciato il ministero episcopale, indossò l’ abito da monaco e si ritirò nel

monastero di Cella Nova, dove poi divenne abate.

In Liguria, la memoria del beato Cristoforo da Milano, sacerdote dell’ Ordine dei Predicatori. Curò con dedizione la sacra dottrina e il culto divino.

A Bassano, la beata Giovanna Maria Bonomo, badessa dell’ Ordine di san Benedetto. Favorita di doni mistici, sperimentò nel corpo e nell’ anima, i dolori della passione del Signore.

In Cina, sant’ Agnese Cao Kuiying, martire, la quale, sposata con un uomo violento, dopo la morte

del medesimo, si dedicò, per mandato del vescovo, all’ insegnamento della dottrina cristiana. Per

questo motivo venne incarcerata e subì terribili sofferenze. Sempre piena di fiducia in Dio, passò

alla vita eterna.

Torna all’ inizio della pagina

 

 
2 Marzo

A Neocasarea, nel Ponto, san Troadio, martire durante la persecuzione di Diocleziano, al cui combattimento fu presente in spirito san Gregorio Taumaturgo.

In Inghilterra, san Ceadda, vescovo di Mercii e dei Lindisfarni, il quale, seguendo l’ esempio degli antichi padri, pur vivendo in tempi difficili, condusse una vita ricca di virtù eminenti.

A Bruge, in Finlandia, san Carlo Bono, martire, il quale, essendo prima principe di Danimarca e

poi conte di Finlandia, promosse la giustizia e difese i poveri; infine fu ucciso dai soldati che egli

 aveva esortato alla pace.

A Siviglia, in Spagna, la beata Angela della Croce Guerriero Gonzales, fondatrice

dell’ Istituto delle Suore della Croce di Dio, la quale mai riservò per sé più diritti di quanti ne spettassero ai poveri, che chiamava suoi padroni e con amore li serviva.

Torna all’ inizio della pagina

 
3 Marzo

A Cesarea, in Palestina, i santi Marino, soldato e Asterio, senatore. Nella persecuzione di Valeriano, Marino, essendo stato accusato da un suo compagno d’ armi di esser cristiano, professando ad alta voce la sua fede davanti al giudice, fu decapitato. Asterio, poiché aveva raccolto la testa del martire, fu a sua volta martirizzato.

A Calahorra, in Spagna, i santi Emitèrio e Celidònio, fratelli. Mentre stavano combattendo presso

Leon, nella Galizia, durante una persecuzione, per la confessione del nome di Cristo, furono

condotti a Calahorra e ivi martirizzati.

Ad Amasia, nel Ponto, ( Asia Minore ), i santi Cleonico ed Eutropio, martirizzati sotto

l’ imperatore Massimiano essendo preside Ascleapide.

A Brescia, san Tiziano, vescovo.

In Cornovaglia, nella penisola bretone ( Francia Nord- Occidentale ), san Winwaleo, abate;

secondo la tradizione, fu discepolo di san Budoco, sull’ isola di Lauren. Diffuse in quella regione la

 vita monastica.

A Benevento, sant’ Artellaide, vergine.

A Nonantola, in Emilia, sant’ Anselmo, fondatore e primo abate del monastero, il quale promosse

per cinquant’ anni la vita monastica, sia con l’ osservanza dei precetti che con una vita virtuosa.

In Germania, santa Cunegonda, che concesse molti benefici alla Chiesa, in accordo con il marito

 sant’ Enrico, imperatore. Dopo la morte di lui, nel convento dove si era ritirata, terminò la sua vita.

Il suo corpo fu sepolto con onore accanto alle ossa di sant’ Enrico.

In Frizia, in Olanda, il beato Federico, sacerdote. Dapprima fu parroco della città di Hallum, poi

divenne abate del monastero della Beata Maria dell’ Ordine Premostratense.

A Palermo, in Sicilia, il beato Pietro Geremia, sacerdote dell’ Ordine dei Predicatori, il quale, formato alla predicazione da San Vincenzo Ferrer, si dedicò completamente alla salvezza delle anime.

A Vercelli, il beato Giacomino de Canepaciis, religioso dell’ Ordine Carmelitano, si distinse per

una vita di preghiera e di penitenza. 

A Gondar, in Etiopia, i beati Liberato Weiss, Samuele Marzorati e Michele Pio Fazoli da Zerbo, sacerdoti dell’ Ordine dei Frati Minori, martiri, i quali furono uccisi per la fede cattolica.

In Bretagna, il beato Pietro Renato Roque, sacerdote della Congregazione della Missione e

martire il quale, al tempo della Rivoluzione Francese, rifiutò di prestare il giuramento di fedeltà alla

costituzione, giuramento ingiusto imposto al clero. Di nascosto esercitò il suo ministero in favore

dei fedeli e condannato al taglio della testa, nella stessa chiesa dove celebrava  i sacri misteri,

passò alla vita eterna.

A Brescia, la beata Eustachia Verzieri, fondatrice dell’ Istituto delle Figlie del Sacro Cuore, per l’ educazione e l’ istruzione delle giovani.

A Bergamo, il beato Innocenzo da Berzo Scalvinonti, sacerdote cappuccino; si distinse per

l’ amore alla predicazione e per ascoltare le confessioni dei fedeli.

A Philadelphia, negli Stati Uniti, santa Caterina Drexel, vergine, fondatrice dell’ Istituto delle Suore del Santissimo Sacramento. Le ricchezze che ereditò, le impiegò per educare gli indi e i negri.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
4 Marzo

In Lituania, san Casimiro, figlio del re di Polonia. Alla gloria del regno temporale, preferì

l’ umiltà e la castità perfetta, nel servizio di Dio e dei poveri. Ebbe una spiccata venerazione per l’ Eucaristia e la Beatissima Vergine Maria. Ancor giovane, ammalatosi di tisi, morì nella città di Grondo, in Lituania.

A Nicomedia, in Bitinia, si ricordano i santi Fòzio, Archelao, Quirino e altri diciassette, martiri.

A Treviri, in Germania, san Basino, vescovo, il quale, originario dei principi del regno di Austrasia ( Germania ), prima fu monaco del monastero di san Massimino, a Treviri, poi abate e infine vescovo della città. Approvò la Fondazione di sant’ Irmina di Echternach.

A Comacchio, sant’ Appiano, monaco, il quale, lasciato il monastero di Pavia, visse da eremita recluso in quella città.

Nel monastero di Cava, in Campania, san Pietro, il quale si fece monaco sin da giovane, in seguito venne eletto vescovo di Policastro, ma, disgustato dalla vita del mondo, ritornò in monastero, dove fatto abate, diede grande impulso alla vita monastica.

In Savoia, il beato Umberto III, conte di Savoia, il quale, costretto ad abbandonare la vita monastica

per amministrare la cosa pubblica, rimase sempre attratto dalla vita del monastero, dove ben

presto ritornò.

A Londra, i beati Cristoforo Bales, sacerdote, Alessandro Blake e Nicola Horner, martiri, i quali, al tempo della regina Elisabetta I, durante la persecuzione, ricevettero insieme la corona del martirio.

In Francia, nel cenobio di san Salvatore, in Normandia, la beata Placida Viel, vergine. Resse con zelo e umiltà la Congregazione delle Scuole Cristiane della Misericordia.

In Polonia, presso la città di Glebokie, i beati Miecislao Bohatkewicz, Ladislao Mackowiak e Stanislao Pyrtek, sacerdoti e martiri, i quali, durante la guerra, messi in carcere, furono fucilati.

A Roma, san Lucio I, papa. Nella persecuzione di Valeriano, fu esiliato. Ritornato nella sua chiesa,

la difese dai Novaziani; fu decapitato.

A Nicomedia, sant’ Adriano, martire con altri ventitré, al tempo di Diocleziano.

A Roma, novecento martiri.

Nel Chersoneso, nel III sec., i santi vescovi Basilio, Eugenio, Agatodòro, Elipidio, Eterio, Capitone, Efrem, Nestore e Arcadio, martiri.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
5 Marzo

A Cesarea, in Palestina, san Teofilo, vescovo, il quale, sotto l’ imperatore Settimio Severo, risplendette per la sapienza e una vita integerrima.

In Panfilia, ( Palestina ), san Conone, ortolano, martire, il quale, sotto l’ imperatore Decio, con i

piedi trafitti da chiodi, fu costretto a correre davanti al carro; sfinito cadde in ginocchio e pregando

rese l’ anima a Dio.

A Roma, lungo la via Appia, nelle catacombe di san Callisto, la deposizione di san Lucio, papa, il

quale, successore nella sede apostolica di san Cornelio, per la fede in Cristo fu esiliato.

Confessore della fede, si comportò con prudenza e moderazione nelle difficoltà che dovette

affrontare.

Ad Antiochia, san Foca, ortolano, martire, che soffrì molte ingiurie per il nome di Gesù.

A Cesarea, in Palestina, sant’ Adriano, martire, il quale, durante la persecuzione dell’ imperatore Diocleziano, per ordine del preside Firmiliano, nel giorno della Festa della Fortuna, fu gettato alle fiere e poi ucciso con la spada.

In Palestina, presso il fiume Giordano, san Gerasimo, anacoreta, il quale, al tempo

dell’ imperatore Zenone, riportato alla vera fede da sant’ Eutimio, fece grandi penitenze.

A tutti quelli che volevano vivere una vita monastica guidata da lui, offrì una dura disciplina e una razione di cibo.

In Irlanda, san Ciarano, vescovo e abate.

Nella provincia di Arles, san Virgilio, vescovo, che ospitò sant’ Agostino e i monaci che andavano

in Inghilterra, mandati da san Gregorio Magno.

A Napoli, il beato Geremia da Valacchia, Kostistik, religioso. Venne a piedi in Italia, vestì l’ abito cappuccino e per quarant’ anni prestò servizio con amore e con gioia ai malati più umili e ripugnanti.

Sempre a Napoli, san Giovanni Giuseppe della Croce Gaetano, sacerdote dei Minori e confessore, il quale, seguendo gli esempi di san Pietro di Alcantara, riportò molti cenobi della provincia napoletana, all’ osservanza della regola.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
6 Marzo

A Tortona, san Marciano, vescovo e martire.

A Nicomedia, in Bitinia, san Vittorino, martire.

A Costantinopoli, sant’ Evagrio, vescovo, che al tempo dell’ imperatore Valente, fu mandato in

esilio. Morì dando testimonianza della sua fede in grado eminente.

A Toledo, in Spagna, san Giuliano, vescovo, il quale indisse tre Concili e con scritti spiegò la vera dottrina. Esercitò il suo ministero con amore e zelo.

A Sackingen, in Germania, san Fridolino, abate, originario dell’ Irlanda; peregrinando attraverso la Francia e la Germania, arrivò a Sackingen, dove fondò due monasteri in onore di sant’ Ilario.

A Metz, in Francia, san Crodegando, vescovo, il quale scrisse la Regola dei Chierici Regolari, che raggruppò in capitoli, imponendo loro la vita comune; inoltre promosse il canto nella liturgia.

In Siria, quarantadue martiri, i quali, arrestati e condotti al fiume Eufrate, ricevettero la palma del martirio.

A Barcellona, sant’ Ollegario, vescovo, che governò pure la diocesi di Tarragona, dopo che questa antichissima sede fu liberata dalla dominazione dei Mori.

A Viterbo, la beata Rosa, vergine del Terz’ Ordine di san Francesco, la quale, all’ età di soli 18 anni morì, dopo essersi assiduamente dedicata alle opere di carità.

A Praga, in Boemia, sant’ Agnese, badessa, figlia del re Ottocaro; respinte le nozze regali,

desiderosa solo di essere sposa di Cristo, abbracciò la Regola di santa Chiara nel monastero da

lei fondato, dove praticò la perfetta povertà.

A Gand, nelle Fiandre, santa Coletta Boylet, vergine, che dopo aver condotto per tre anni una vita rigidissima rinchiusa in una piccola casa costruita vicino alla chiesa, abbracciò la Regola di san Francesco e riportò molti monasteri di clarisse alla primitiva regola, ristabilendo lo spirito di pietà e penitenza.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
7 Marzo

Memoria delle sante martiri Perpetua e Felicita. Arrestate presso Cartagine, al tempo dell’ imperatore Settimio Severo, insieme ad altri adolescenti ancora catecumeni, Perpetua, madre ventiduenne di un bimbo ancora lattante e la sua giovane schiava Felicita, anche lei madre di una bimba nata in carcere, furono battezzate nell’ imminenza del supplizio. Insieme andarono incontro alla morte come ad una festa.

Nello stesso luogo, la passione dei santi Satiro, Saturnino, Revocato e Secondulo, dei quali l’ ultimo morì in carcere; gli altri, dopo essere stati dilaniati dalle fiere, mentre si abbracciavano e baciavano, furono sgozzati con la spada.

A Cesarea, in Palestina, sant’ Eùbolo. Compagno di sant’ Adriano, subì il martirio due giorni dopo di lui.

Nel Chersoneso, i santi vescovi Basilio, Eugenio, Agatodoro, Elpidio, Etereo, Capitone ed Efrem, martiri.

Nella Tebaide, in Egitto, san Paolo, il Semplice, discepolo di sant’ Antonio.

A Brescia, san Gaudioso, vescovo.

Nel monastero di Amiane, sant’ Ardone Smaragdo, sacerdote, compagno di san Benedetto di Amiane nella vita cenobitica.

In Bitinia, san Paolo, vescovo; morì in esilio per difendere il culto delle sacre immagini.

Nel monastero di Fossanova, nel Lazio, dell’ Ordine Cistercense, il transito di san Tommaso d’ Aquino, la cui memoria si celebra il 28 Gennaio.

A Londra, i beati martiri Giovanni Larke e Giovanni Ireland, sacerdoti e Germano Gardiner, i quali, per essere rimasti fedeli al Romano Pontefice, furono impiccati e Tyburn, al tempo del re Enrico VIII.

A Firenze, santa Teresa Margherita Redi, vergine, la quale, entrata nell’ Ordine delle Carmelitane Scalze, camminò nella via della perfezione con grande impegno; fu colta da morte immatura.

A Seoul, in Corea, san Giovanni Battista Nam Chong-Sam, martire.

Sempre in Corea, a Sai-Nam-Tho, i santi martiri Simeone Berneux, vescovo, Giusto Ranger de Bretenières, Ludovico Beaulieu e Pietro Enrico Dorie, sacerdoti delle Missioni Estere di Parigi, i quali, rispondendo ai loro persecutori di essere venuti in Corea nel nome di Cristo per salvare le anime, furono uccisi con il taglio della testa.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
8 Marzo

San Giovanni di Dio, religioso. Nato in Portogallo, successivamente contadino, militare, commerciante, si sentì alla fine chiamato a servire Gesù nei malati. Fondò ospedali, dove pieno di fiducia nella Provvidenza di Dio e sollecitando la cooperazione dei buoni “ Fate bene fratelli, a voi stessi ”, curò gli infermi del corpo e dello spirito. Ne continuano l’ opera i

Fatebenefratelli. Morì a Granada, in Spagna, in questo giorno.

Commemorazione di san Ponzio, il quale fu diacono a Cartagine di san Cipriano e lo assistette in esilio, fino alla morte, lasciandoci un resoconto vivace della vita e passione del vescovo.

In Egitto, i santi martiri Apollonio e Filemone.

A Como, san Provino, vescovo, discepolo di sant’ Ambrogio, il quale salvò la chiesa, a lui affidata, dall’ eresia ariana.

In Irlanda, san Senano, abate.

In Inghilterra, san Felice, vescovo, nativo della Borgogna, evangelizzò gli angli-orientali, al tempo del re Sigeberto.

A Nicomedia, san Teofilo, vescovo. Morì in esilio per il culto della immagini sacre.

In Francia, sant’ Unfrido, vescovo di Thèrouanne, il quale durante l’ invasione normanna, diede coraggio e forza al suo popolo.

In Scozia, san Dutach, vescovo di Ross.

In Navarra, san Verecondo, abate dell’ abbazia di Hirache, dove entrò da piccolo. Egli, praticando il digiuno e osservando le vigilie, incitava alla perfezione i monaci a lui soggetti.

Ad Obazine, presso Tulle, in Francia, santo Stefano, abate, il quale costruì tre monasteri che poi affidò all’ ordine cistercense.

In Polonia, il transito del beato Vincenzo Kadlubek, vescovo di Cracovia, il quale lasciato il suo ufficio, si fece monaco.

A Getafe, presso Madrid, in Spagna, il beato Faustino Miguez, religioso dei Fratelli delle Scuole Cristiane. Divenuto sacerdote, si dedicò all’ insegnamento, in particolare delle scienze naturali e fu assiduo e diligente nell’ esercizio del ministero pastorale. Fondò

l’ Istituto delle Figlie della Divina Pastora.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
9 Marzo

A Roma, santa Francesca Romana, religiosa, la quale, sposata in giovane età, visse nel matrimonio per 40 anni. Fu moglie e madre esemplare, ammirabile per la sua pietà, umiltà e pazienza. In tempi difficili, distribuì i suoi beni ai poveri e servì i malati. Morto il marito, si ritirò presso le Oblate, che lei stessa aveva riunito sotto la regola di san Benedetto.

In Armenia, presso Sebate, la passione dei 40 soldati martiri della Cappadocia, i quali, uniti non dal sangue ma dalle fede e dall’ obbedienza alla volontà del Padre Celeste, al tempo dell’ imperatore Licinio, dopo la prigionia e molti tormenti, durante un inverno rigidissimo, furono fatti dormire nudi sopra uno stagno gelato; infine, spezzate loro le gambe, consumarono il martirio.

A Barcellona, in Spagna, san Paciano, vescovo, il quale nel predicare la fede, diceva che il suo nome era cristiano e il suo cognome cattolico.

In Moravia, san Bruno-Bonifacio, vescovo di Querfurt e martire, il quale, mentre accompagnava in Italia l’ imperatore Ottone III, indotto dall’ autorità di san Romualdo, abbracciò la vita monastica e preso il nome di Bonifacio, ritornò in Germania e fatto vescovo dal papa Giovanni X, durante uno dei suoi viaggi apostolici, fu trucidato dagli idolatri insieme ai suoi 18 compagni.

A Bologna, santa Caterina, vergine dell’ Ordine di santa Chiara. Ricevette da Dio doni mistici  e si distinse per la penitenza e l’ umiltà. Nel monastero fu nominata maestra delle novizie.

A Torino, san Domenico Savio. Fin dalla fanciullezza fu di animo dolce e allegro. Camminò in fretta sulla via della perfezione; morì poco prima di compiere i 15 anni.

Nel villaggio di Nei-Ko-Ri, in Corea, i santi Pietro Ch’oe Hyong e Giovanni Battista Chong-Chang-Un, i quali condussero i genitori al battesimo e stamparono libri religiosi, per la qual cosa furono torturati e rimasero così fermi nella fede da suscitare meraviglia perfino nei loro persecutori.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
10 Marzo

Ad Apamea, in Frigia, la commemorazione dei santi Caio e Alessandro, martiri, i quali furono martirizzati durante la persecuzione di Marco Antonino e Lucio Vero, imperatori.

In Africa, san Vittore, martire, di cui parla sant’ Agostino in un sermone al popolo nel giorno della sua festa.

Nello stesso giorno, san Macario, vescovo di Gerusalemme, il quale esortò Costantino il Grande e sua madre sant’ Elena , a riportare alla luce i luoghi santi e a costruirvi sopra delle basiliche.

A Roma, san Simplicio, papa, il quale, al tempo delle invasioni barbariche, difese gli oppressi, favorì l’ unità della Chiesa, confermò la fede.

A Parigi, in Francia, san Drottoveo, abate, discepolo di san Germano, il quale lo pose a capo del monastero costruito in quella città.

A Bobbio, in Liguria, sant’ Attala, abate, il quale, sostenitore della vita cenobitica, prima si recò nel monastero di Lerins, poi in quello di Lexeuil, dove successe a san Colombano e si distinse per lo zelo e in particolare per l’ equilibrio.

A Glasgow, in Scozia, san Giovanni Ogilvie, martire gesuita, il quale passò molti anni nello studio della teologia, esule per i vari Stati Europei. Ordinato sacerdote, ritornò di nascosto in patria, dove si dedicò alla cura spirituale dei suoi concittadini; infine, sotto il re Giacomo I, venne messo in carcere e condannato a morte, conseguendo così la palma del martirio.

A Parigi, la beata Maria Eugenia Milleret de Brou, vergine e fondatrice della Congregazione delle Suore dell’ Assunzione, per l’ educazione cristiana delle fanciulle.

A Cortazar, in Messico, il beato Matteo Elia Nieves del Castello, sacerdote agostiniano e martire. Durante la persecuzione, arrestato perché esercitava il suo ministero di nascosto, in odio al sacerdozio, fu fucilato.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
11 Marzo

A Smirne, in Asia, san Pione, sacerdote e martire, il quale, per aver esaltato la fede cristiana pubblicamente, dopo un duro carcere, dove aveva esortato al martirio molti fratelli, torturato crudelmente, morì per Cristo bruciato vivo.

A Laodicea, in Siria, i santi Trofimo e Talo, martiri, i quali, sotto l’ imperatore Diocleziano, dopo terribili tormenti, ricevettero la corona della gloria.

In Scozia, san Costantino, re e martire, discepolo di santa Colomba.

In Spagna, san Vincenzo, abate del monastero di san Claudio.

A Gerusalemme, san Sofronio, vescovo, il quale ebbe come maestro e amico Giovanni Mosco, con il quale visitò diversi monasteri e dopo Modesto venne eletto vescovo della città santa, che difese quando fu occupata dai Saraceni.

In Francia, san Vindiciano, vescovo di Cambrai-Arras, il quale rimproverò il re Teodorico III per la morte di san Leodegario, affinché si pentisse del crimine commesso.

A Milano, la deposizione di san Benedetto, vescovo.

In Irlanda, nel monastero di Tallacht Hill, sant’ Oengus, detto il Culdeo, monaco, il quale compose con cura un elenco dei santi d’ Irlanda.

A Cordova, in Spagna, sant’ Eulogio, sacerdote e martire. Imprigionato per la sua fede, fu poi decapitato.

A Cupramontana, nelle Marche, il beato Giovanni Battista da Fabriano Righi, sacerdote dell’ Ordine dei Frati Minori.

In Inghilterra, il beato Tommaso Atkinson, sacerdote e martire, il quale, solo per il fatto di essere sacerdote, fu ucciso al tempo del re Giacomo I.

In Irlanda, il beato Giovanni Kearney, sacerdote dell’ Ordine dei Frati Minori e martire, il quale, transitando per l’ Inghilterra, fu condannato al taglio della testa perché sacerdote; scampò la condanna con la fuga, ma in seguito, sotto il regime di Oliviero Cromwell, per lo stesso motivo, venne impiccato.

In Tonchino, presso Hunh Yen, san Domenico Cam, sacerdote e martire, il quale per molti anni esercitò il suo ministero di nascosto, rischiando la vita. Infine, condannato al taglio della testa per ordine dell’ imperatore Tu Duc, abbracciò la croce del Signore, che con fermezza aveva rifiutato di calpestare.

A Sai-Nam-The, in Corea, I santi martiri Marco Chong Ui-Bae, catechista e Alessio U Se-Yong, i quali per la fede cristiana furono insultati dai loro stessi parenti.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
12 Marzo

In Numidia, san Mamiliano, martire, il quale, figlio del veterano Vittorio e lui stesso arruolato, disse al proconsole Dione che al cristiano non era lecito fare il servizio militare e avendo rifiutato di prestare giuramento militare, fu ucciso con la spada.

A Nicomedia, in Bitinia, i santi martiri Egduno, sacerdote, Eugenio, Massimo, Domna, Mardonio, Pietro, Smaragdo e Ilario, i quali, uno per giorno, furono soffocati per spaventare i compagni.

Nello stesso luogo, san Pietro, martire, cameriere dell’ imperatore Diocleziano; poiché non approvava i supplizi dei martiri, per ordine dello stesso imperatore, prima venne sospeso in aria e torturato con verghe, poi fu fatto arrostire sopra una graticola infuocata. Poiché Doroteo e Gorgonio, camerieri pure loro del re, protestavano, furono puniti con le stesse pene e infine impiccati.

A Roma, la deposizione di sant’ Innocenzo I, papa, il quale difese san Giovanni Crisostomo, consolò Girolamo e approvò Agostino.

A Saint-Pol-de-Leon, san Paolo Aureliano, prima vescovo della città.

A Roma, presso san Pietro, san Gregorio Magno, papa, la cui memoria si celebra il 3 Settembre, giorno della sua ordinazione.

A Siriana, in Bitinia, la deposizione di san Teofanie, monaco. Per il culto delle sacre immagini, fu imprigionato per due anni dall’ imperatore Leone l’ Armeno; poi fu deportato in Samotracia, dove morì per gli stenti.

A Winchester, in Gran Bretagna, sant’ Elfego, vescovo, il quale già monaco divenne vescovo della città. Promosse con zelo la vita cenobitica.

A San Giminiano, in Toscana, la beata Fina, o Serafina, che, colpita da una grave malattia fin da piccola, confidando solo in Dio, sopportò il male con grandissima pazienza.

A Recanati, nelle Marche, il beato Gerolamo Gherarducci, sacerdote dell’ Ordine degli Eremiti di sant’ Agostino; lavorò per indurre alla pace le popolazioni.

Ad Arezzo, in Toscana, la beata Giustina Francucci Bezzoli, vergine dell’ Ordine di san Benedetto e reclusa.

A Guiyang, in Cina, san Giuseppe Zhang Dapeng, martire, il quale, ricevuta la luce della fede, appena battezzato aprì la sua casa ai missionari e ai catechisti e venne in aiuto dei poveri, dei malati e dei fanciulli. Condotto al supplizio della croce, piangeva di gioia per essere stato fatto degno di morire per Cristo.

In Polonia, la beata Angela Salawa, vergine del Terz’ Ordine di san Francesco, la quale trascorse la vita nei servizi domestici; visse umilmente fra le serve e morì nella povertà assoluta.

A Sanremo, il beato Luigi Orione, sacerdote. Fondò la Piccola Opera della Divina Provvidenza, cui scopo era recare sollievo ai poveri, ai malati, agli orfani.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
13 Marzo

A Nicomedia, in Bitinia, i santi martiri Macedonio, sacerdote, Patrizia, sua moglie e Modesta, loro figlia.

In Egitto, san Sabino, martire, il quale soffrì molti tormenti; infine, gettato nel fiume, morì.

In Persia, santa Cristina, martire. Percossa con le verghe, al tempo di Corso I, re dei Persiani, ricevette la corona del martirio.

In Aquitania, san Pienzo, vescovo, che fu di grande aiuto alla beata Redegonda nel fondare monasteri.

In Spagna, san Leandro, vescovo, fratello maggiore dei santi Isidoro, Fulgenzio e Fiorentina. Con la predicazione e il suo modo di fare, convertì i Visigoti alla fede cattolica, aiutato dal re Reccaredo.

Nel monastero di Novalesa, ai piedi del Moncenisio, nella valle di Susa, sant’ Eldorado, abate, il quale, amante del culto divino, curò il salterio e costruì nuove chiese.

A Cordova, la passione di san Ruderico, prete e Salomone, martiri. Il primo dei due, avendo rifiutato di credere che Maometto fosse l’ unico profeta mandato dall’ Onnipotente, fu gettato in carcere, dove incontrò Salomone, il quale aveva prima abbracciato la religione maomettana e insieme morirono per Cristo.

A Camerino, nelle Marche, sant’ Ansovino, vescovo.

In Capanna, san Pietro II, abate.

In Gran Bretagna, il beato Angelo de Pisis, sacerdote. Mandato da san Francesco prima in Francia poi in Inghilterra, ivi istituì l’ Ordine dei Minori e promosse lo studio delle scienze sacre. 

In Francia, la beata Francesca Trèhet, vergine della Congregazione della Carità e martire.

Si dedicò all’ educazione dei fanciulli e alla cura dei malati;  al tempo della rivoluzione francese

subì il martirio.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
14 Marzo

In Macedonia, sant’ Alessandro, martire.

A Milano, san Lazzaro, vescovo.

In Francia, san Leonino, vescovo.

A Quedlimburg, in Germania, santa Matilde, moglie fedelissima del re Enrico. Di grande umiltà e pazienza, si dedicò alla cura dei poveri e fondò ospedali e monasteri.

A Fulda, in Germania, santa Paolina, religiosa.

A Liegi, in Belgio, la beata Eva, che visse in clausura vicino al monastero di san Martino.

Insieme a  santa Giuliana, priora dello stesso monastero, si adoperò perché il papa

Urbano IV istituisse la Solennità del Corpus Domini.

A Palermo, il beato Giacomo Cusmano, il quale fondò le Suore, i Frati e i Missionari Servi dei Poveri. Suoi prediletti furono i malati poveri da cui non accettava compenso.

A Roma, presso san Paolo, sulla via Ostiense, il beato Placido Riccardo, dell’ Ordine di san Benedetto. Pur malato di febbri continue, malattie varie e paralisi, osservò perfettamente la regola, coltivò lo spirito di preghiera e insegnò agli altri a fare altrettanto.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
15 Marzo

A Parium, nell’ Ellesponto, in Asia, san Menigno, tintore, che fu martirizzato al tempo

dell’ imperatore Decio.

A Roma, san Zaccaria, papa. Negoziò con successo la pace fra i Longobardi e l’ impero greco, convalidò l’ assunzione della corona franca di Pipino e resse la Chiesa di Dio con vigilanza e prudenza.

A Cordova, in Spagna, santa Leocrizia, vergine e martire. Nata da genitori mori, si convertì di nascosto al cristianesimo e catturata in casa con sant’ Eulogio, quattro giorni dopo il suo martirio fu uccisa con il taglio della testa, nella persecuzione degli Arabi.

A Burgos, in Spagna, san Sisebuto, abate di Cardegna.

In Inghilterra, il beato Guglielmo Hart, sacerdote e martire, il quale, ordinato nel collegio romano degli Inglesi, sotto la regina Elisabetta I, poiché aveva persuaso alcuni ad abbracciare la fede cattolica, fu giustiziato a York.

A Parigi, santa Luisa de Marillac, vedova, religiosa. Si dedicò ai poveri, guidata da san Vincenzo de Paoli, di cui divenne collaboratrice in tutte le opere di carità. Egli fondò con lei le Figlie della Carità, che furono le prime religiose a vivere fuori convento.

A Vienna, san Clemente Maria Hofbauer, sacerdote redentorista.

Si dedicò alla diffusione della fede in regioni lontane e riformò la vita ecclesiatica; sia con

l’ ingegno che con le virtù, spinse molte persone, distinte per scienza ed arti, ad aderire alla Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
16 Marzo

Ad Aquileia, in Veneto, sant’ Ilario, vescovo e san Taziano, diacono, martiri.

In Persia, san Papa, martire, il quale, originario della Licaonia, dopo aver subito molti supplizi, morì martire.

In Cilicia, san Giuliano, martire, il quale, sotto il preside Marciano, a lungo tormentato, venne chiuso in un sacco con dei serpenti e poi gettato in mare.

In Neustria, santa Eusebia, badessa di Hamage. Dopo la morte del padre, insieme alla madre santa Rictrude, entrò in convento e ancora giovinetta, fu eletta badessa, succedendo alla nonna santa Gertrude.

A Colonia, sant’ Eriberto, vescovo, cancelliere di Ottone III. Eletto vescovo contro la sua volontà, guidò con zelo il clero e il popolo. 

A Vicenza, il beato Giovanni Sordi o Cacciafronte, vescovo e martire. Prima fu fatto abate, ma per la sua fedeltà al papa fu mandato in esilio; poi venne eletto vescovo di Mantova. In seguito venne trasferito alla sede di Vicenza; per la libertà della Chiesa, venne ucciso da un sicario.

In Canada, la passione di san Giovanni de Brebeuf, sacerdote della Compagnia di Gesù, il quale, mandato dalla Francia in missione nell’ Orinoco, dopo molte fatiche sostenute, morì torturato per mano di alcuni pagani del luogo. La sua memoria si celebra il 19 Ottobre.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
17 Marzo

In Irlanda, san Patrizio, vescovo, il quale, nato in gran Bretagna, fu portato prigioniero in Irlanda. Riacquistata la libertà, volle essere annoverato fra i chierici e ritornato nella sua isola, ne divenne vescovo e la evangelizzò, dando fondamento alla Chiesa Cattolica.

Morì infine a Duno.

Ad Alessandria d’ Egitto, la commemorazione di moltissimi martiri, i quali, al tempo

dell’ imperatore Teodosio, crescendo il numero di cristiani, furono uccisi per non aver adorato Seràpide.

In Francia, sant’ Agricola, vescovo, il quale resse per lungo tempo la Chiesa e radunò diversi Concilii.

A Nivelle, nel Brabante, santa Gertrude, badessa; di nobili origine, ricevette il velo delle vergini dal vescovo sant’ Amando. Guidò con sapienza il monastero costruito dalla madre; fu assidua nella lettura della Sacra Scrittura e si consumò nel praticare le vigilie e i digiuni.

A Cipro, san Paolo, monaco. Morì bruciato per aver difeso il culto delle sacre immagini.

A Bari, il beato Corrado, il quale condusse vita eremitica in Palestina, abitando fino alla morte in una grotta.

In Moravia, san Giovanni Sarkander, sacerdote e martire, il quale, rifiutando di tradire il segreto confessionale, fu condannato al supplizio della ruota e quasi moribondo venne gettato in carcere, dove spirò un mese dopo.

In Canada, la passione di san Gabriele Lalemant, sacerdote della Compagnia di Gesù, il quale con tanto zelo, diffuse la gloria di Dio, parlando lo stesso linguaggio del popolo.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
18 Marzo 

San Cirillo di Gerusalemme, vescovo e dottore della Chiesa, il quale, perseguitato dagli ariani e spesso scacciato dalla sua sede, istruì i suoi fedeli con omelie, catechesi sulla retta dottrina e spiegò la Scrittura e i sacri misteri.

La commemorazione di sant’ Alessandro, vescovo e martire. Dalla Cappadocia andò a Gerusalemme per governare la Chiesa della Città Santa. Fondò biblioteche e aprì scuole.essendo già anziano, nella persecuzione dell’ imperatore Decio, condotto a Cesarea, morì martire per Cristo.

A Lucca, in Toscana, san Frediano, vescovo. Venuto dall’ Irlanda, raccolse nel monastero i chierici e per il bene del popolo, ordinò di cambiare il corso al fiume Serculo, facendone un territorio fertile. Convertì i Longobardi che avevano invaso la sua regione.

A Tour, in Francia, san Leopardo, che si rinchiuse in una cella presso l’ abbazia di Marmoutier, praticando l’ astinenza e l’ umiltà.

In Spagna, san Braulio, vescovo, amico di sant’ Isidoro; lo aiutò a ristabilire la disciplina ecclesiastica in tutta la Spagna. Fu un esperto scrittore e ottimo predicatore.

In Inghilterra, sant’ Edoardo, re degli Inglesi, il quale, ancora giovane, fu assassinato per istigazione della sua matrigna.

A Mantova, sant’ Anselmo, vescovo di Lucca, il quale, fedelissimo alla sede apostolica, ricevuto mal volentieri l’ anello e il pastorale da Enrico IV, li consegnò nelle mani dal papa san Gregorio VII. Cacciato dai canonici, i quali si erano ribellati per non voler vivere la vita comune, fu fato dal papa, a cui diede sempre il suo appoggio, legato apostolico per la Lombardia.

A Cagliari, san salvatore da Horta Grionesos, religioso dei frati Minori, il quale si fece umile strumento di Cristo per la salute della anime e dei corpi.

In Inghilterra, i beati Giovanni Thules, sacerdote e Rogerio Wrenno, martiri di Cristo, sotto il re Giacomo I.

In Francia, la beata Marta Le Boutillier, vergine, suora delle Scuole Cristiane della Misericordia; si dedicò sempre pazientemente ad umili servizi.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
19 Marzo

Solennità di san Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria, il quale, uomo giusto, discendente della famiglia di Davide, fu padre putativo del Figlio di Dio, Gesù Cristo, il quale volle esser chiamato figlio di Giuseppe ed essere a lui sottomesso come un figlio al padre. E’ venerato dalla Chiesa come speciale patrono, che Dio ha posto a custodia della sua casa.

A Spoleto, in Umbria, san Giovanni, abate, il quale fu padre di molti servi di Dio.

A Pavia, il beato Isnardo de Chiampo, sacerdote dell’ Ordine dei Predicatori, il quale fondò in questa città un convento del suo ordine.

A Siena, il beato Andrea Gallerani, il quale visitava e confortava gli infermi e gli afflitti.

Radunò i Fratelli della Misericordia, i quali, rimanendo laici senza voti, servivano i poveri e gli infermi.

A Camerino, nelle Marche, il beato Giovanni Burallo da Parma, sacerdote dell’ Ordine dei Minori, il quale fu inviato dal papa Innocenzo IV, quale suo legato, per tentare, presso i Greci, una riconciliazione con i Latini.

A Pavia, in Lombardia, la beata Sibillina Riscossi, vergine, che, divenuta cieca a 12 anni, trascorse la sua vita per 65 anni reclusa presso la Chiesa dell’ Ordine dei Predicatori.

Tutti quelli che accorrevano da lei, erano illuminati dalla sua luce interiore.

A Vicenza, nel Veneto, il beato Marco de Marchio da Montegallo, sacerdote dell’ Ordine dei Minori, il quale, per venire incontro alle necessità dei poveri, fondò l’ opera detta del Monte di Pietà.

Presso Monaco, in Germania, il beato Narciso Turchan, sacerdote dell’ Ordine dei Frati Minori e martire, il quale per la sua fede fu deportato dalla Polonia, sottoposta ad un infame regime, nel campo di concentramento di Dachau, dove morì sfinito dalle torture.

A Mauthausen, in Austria, il beato Marcello Callo. Giovane di origine francese, durante la guerra, mentre confortava con cristiano ardore i suoi compagni condannati ai lavori forzati, fu ucciso nel campo di sterminio.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
20 Marzo

In Asia, sant’ Archippo, compagno di san Paolo Apostolo, che lo ricorda nella lettera a Filemone e ai Colossesi.

Ad Antiochia, in Siria, i martiri Paolo, Cirillo, Eugenio e altri quattro.

A Metz, in Francia, sant’ Urbicio, vescovo.

A Braga, in Lusitania, san Martino, vescovo, il quale, venuto dalla Pannonia, fu fatto vescovo prima di Dumio, poi di Braga. Con la predicazione e lo zelo fece in modo che gli Svevi, lasciata l’ eresia ariana, abbracciassero la fede cattolica.

Nell’ isola di Farne, il transito di san Cutberto, vescovo di Lindisfarne. Nel ministero pastorale, eccelse per la sua diligenza e per il suo zelo, non meno di quanto ne dimostrò quando era nel monastero e nell’ eremo. Inoltre seppe mirabilmente far adattare l’ austera vita dei Celti, al modo di vivere dei Romani.

Nel monastero di Fontanelle, in Francia, la deposizione di san Vulfranno, il quale, prima monaco poi vescovo di Sens, si recò a portare l’ annuncio del Vangelo ai Frisoni. Infine ritornò al monastero di Fontanelle dove morì.

La commemorazione di san Niceta, vescovo di Apollonia, in Macedonia. Morì esiliato

dall’ imperatore Leone Armeno per il culto delle sante immagini.

In Palestina, la passione di 20 santi monaci. Dai Saraceni furono soffocati dal fumo, nella Chiesa della Madre di Dio.

A Siena, il beato Ambrogio Sansedoni, sacerdote domenicano, discepolo di sant’ Alberto Magno; benché uomo di dottrina e predicatore di fama, si presentava sempre con grande semplicità.

A Praga, in Boemia, san Giovanni Nepomuceno, sacerdote e martire. Nel difendere la Chiesa, fu molto ingiuriato dal re Venceslao IV. Dopo molte sofferenze e torture, fu gettato nel fiume Moldava.

A Mantova, il beato Battista Spagnoli, sacerdote carmelitano. Si adoperò per pacificare e principi del suo tempo e riformò il suo stesso ordine, a capo del quale lo aveva posto, contro sua voglia, il Papa Leone X.

A Firenze, il beato Ippolito Galantini; si dedicò al ministero della catechesi e fondò la Congregazione della Dottrina Cristiana.

Nell’ eremo di Mediano, in Francia, la beata Giovanna Veron, vergine e martire; si dedicò alla cura dei fanciulli e dei malati. Durante la rivoluzione francese, nascose i sacerdoti dai persecutori; per questo fu uccisa. 

In Spagna, il beato Francesco di Gesù Maria Giuseppe Palau Quer, sacerdote carmelitano scalzo, il quale dovette sostenere nel suo ministero gravi persecuzioni e accusato ingiustamente, fu relegato nell’ isola di Iviza, dimenticato da tutti.

In Spagna, santa Maria Giuseppa del Cuore di Gesù Rancho de Guerra, vergine, la quale fondò la Congregazione delle Suore Serve di Gesù, destinandole principalmente alla cura dei malati e dei poveri.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
21 Marzo

In Egitto, san Serapione, anacoreta.

Ad Alessandria, i martiri che furono uccisi sotto l’ imperatore Costanzo, mentre gli ariani e i pagani invadevano le chiese.

A Lione, in Francia, il natale di san Lupicino, abate, il quale con il fratello san Romano, diede impulso alla vita monastica, che egli aveva organizzato in una regione boscosa.

In Irlanda, sant’ Edneo, abate, il quale fondò un cenobio in una isola di Aran ( Irlanda ), tanto famosa che fu chiamata l’ Isola dei Santi.

A Montecassino, il natale di san Benedetto, abate, la cui memoria viene celebrata l’ 11 di Luglio.

A Costantinopoli, la passione di san Giacomo, chiamato il Confessore, il quale lottò con tutte le forze per il culto delle sacre immagini. Terminò la vita con un glorioso martirio.

A Vienne, in Francia, san Giovanni, vescovo, il quale dovette sopportare coraggiosamente molte avversità per difendere la giustizia. Aiutò con grande carità i contadini, i poveri e i mercanti falliti.

A Ranft, in Svizzera, san Nicola della Flue, il quale, spinto da una superiore ispirazione a conseguire una più alta meta spirituale, lasciata la moglie e 10 figli, si ritirò sul monte e condusse una vita da anacoreta nella penitenza, nella preghiera e nel disprezzo delle cose del mondo. Solo una volta uscì dalla cella, per far da paciere fra i cantoni in guerra.

In Inghilterra, il beato Tommaso Pilchard, sacerdote e martire, uomo dotto e mite; perché sacerdote, fu condotto al patibolo, sotto la regina Elisabetta I. insieme a lui viene commemorato anche il beato Guglielmo Pike, martire, falegname, il quale, sotto la stessa regina, per essersi riconciliato con la Chiesa Romana, fu tagliato a pezzi.

Sempre in Inghilterra, il beato Matteo Flathers, sacerdote e martire, il quale, alunno del collegio degli Inglesi, sotto il re Giacomo I, per Cristo, fu dilaniato ancora vivo.

A Sichuan, in Cina, la commemorazione di sant’ Agostino Zhao Rong, sacerdote e martire, il quale, durante la persecuzione, messo in carcere, affrontò la morte per Cristo.

A Ronco, in Liguria, santa Benedetta Cambiagio Frassinello, la quale, rinunciata la vita coniugale, fondò l’ Istituto delle Suore Benedettine della Provvidenza, per la cristiana educazione delle fanciulle, dei poveri e degli abbandonati.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
22 Marzo

La commemorazione di sant’ Epafrodito, che san Paolo chiama fratello, cooperatore e compagno di viaggio.

A Narbone, in Francia, la deposizione di san Paolo, vescovo e martire.

In Galazia, le sante martiri Callinìca e Basilissa.

Ad Ankara, in Galazia, san Basilio, sacerdote e martire, il quale, per tutto il tempo in cui governò Costanzo, si oppose con forza agli ariani; in seguito sotto l’ imperatore Giuliano, avendo pregato Dio che nessun cristiano abbandonasse la fede, per questa cosa fu arrestato, condotto dal preside della provincia e torturato consumò il martirio.

La commemorazione di santa Lea, vedova romana; delle sue virtù e della sua morte ne parla san Girolamo.

A Osimo, san Benvenuto Scotivoli, vescovo, il quale, eletto a questa sede dal papa

Urbano IV, si adoperò per pacificare i cittadini e volle morire sulla nuda terra, secondo la spirito dei Frati Minori.

A Lontra, san Nicola Owen, religioso della Compagnia di Gesù e martire, il quale procurò rifugi per i sacerdoti perseguitati; per questo sotto il re Giacomo I, fu incarcerato e torturato a morte e letteralmente fatto a pezzi.

In Francia, il beato Francesco Charter, sacerdote e martire, il quale, al tempo della rivoluzione francese, perché era sacerdote, gli venne tagliata la testa.

In Polonia, nel campo di concentramento di Stutthof, i beati Mariano Gorecki e Bronislao Komorowski, sacerdoti e martiri, i quali, al tempo in cui la loro patria era occupata da seguaci di dottrine ostili alla fede, furono fucilati.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
23 Marzo

A Lima, in Perù, san Turibio de Mongrovejo, vescovo; nato in Spagna, eletto vescovo di Lima, operò senza sosta a formare i cristiani e il clero, visitò la grande diocesi più volte, spesso a piedi, creò nuove comunità e seminari, celebrò sinodi per estirpare scandali e abusi tra il clero. Morì a Sanna, in Perù.

In Cornubia, san Fimgar o Guignero, martire.

La commemorazione dei santi martiri Vittoriano, proconsole di Cartagine, Frumenziano e un altro Frumenziano, mercanti e due fratelli aquiregensi, i quali, nella persecuzione dei Vandali, sotto il re ariano Enterico, per la loro fermezza nel confessare le fede, furono torturati orribilmente e così ricevettero la corona del martirio.

A Pointoise, in Francia, san Gualtiero, primo abate del monastero del luogo, il quale, messo da

parte l’ amore per la solitudine, ristabilì fra i monaci l’ osservanza della regola, dando per primo lui

l’ esempio e condannò la simonia fra il clero.

In Irpinia, sant’ Ottone, eremita.

A Gubbio, il beato Pietro, sacerdote dell’ Ordine degli Eremiti di sant’ Agostino.

In Inghilterra, il Beato Edmondo Sykes, sacerdote e martire, il quale, perché sacerdote, sotto la regina Elisabetta I, fu mandato in esilio, ma ritornato in Inghilterra, dopo molte torture, fu ucciso.

A Naas, in Irlanda, presso Dublino, il beato Pietro Higgins, sacerdote domenicano e martire, il quale, per la fedeltà alla Chiesa Romana, sotto il re Carlo I, senza giudizio, fu impiccato.

A Barcellona, in Spagna, san Giuseppe Oriol, sacerdote. Praticò la penitenza corporale, ebbe il culto della povertà e della meditazione; per questo manifestava grande gioia interiore. 

A Cemmo, in Lombardia, la beata Annunciata Cocchetti, vergine, fondatrice dell’ Istituto di santa Dorotea, che governò con sapienza, fortezza e umiltà.

Ad Ad-Dahr, in Libano, santa Rebecca Ar-Rayyas da Himlaya, vergine dell’ Ordine Libanese di sant’ Antonio dei Maroniti; cieca per 30 anni, colpita da malattie in tutto il corpo, confidando solo in Dio, visse nella continua  preghiera.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
24 Marzo

A Cesarea, in Palestina, i martiri Timolo, Dionigi, Pàuside, Romolo, Alessandro, un altro Alessandro, i quali, nella persecuzione dell’ imperatore Diocleziano, con le mani legate furono obbligati dal prefetto Urbano a dichiararsi cristiani e dopo pochi giorni, insieme ai compagni Agapito e un altro Dionisio, furono decapitati; così ricevettero la corona del martirio.

In Mauritania, san Secondo, il quale morì per la fede in Cristo.

In Irlanda, san Mac.Cairthind, vescovo, che fu discepolo di san Patrizio.

A Fabriano, nelle Marche, san Giovanni del Bastone, sacerdote e monaco, compagno di san Silvestro, abate.

In Svezia, santa Caterina, vergine, figlia di santa Brigida; costretta a sposarsi, conservò la verginità col consenso del marito e dopo la sua morte, condusse una vita pia. Fu pellegrina a Roma e in Terra Santa trasportò le reliquie della madre in Svezia e le conservò nel monastero di Vadstena, dove vestì essa stessa l’ abito monacale.

In Spagna, il beato Diego Giuseppe da Cadice Lopez-Caamagno, sacerdote cappuccino. Fu predicatore insigne e difensore della libertà della Chiesa.

In Polonia, la beata Maria Karlowska, vergine, la quale, perché le ragazze e le donne povere cadute in un comportamento morale sconveniente potessero ricuperare la loro dignità di figlie di Dio, fondò la Congregazione delle Suore del Divino Pastore della Provvidenza Divina.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
25 Marzo

Annunciazione del Signore, quando nella città di Nazareth l’ angelo del Signore portò

l’ annuncio a Maria: “ Ecco, concepirai e partorirai un figlio, che si chiamerà Figlio dell’ Altissimo ”; Maria rispondendo disse: “ Ecco la serva del Signore, sia fatto secondo la tua parola ”. Così, nella pienezza dei tempi, Colui che era prima dei tempi, l’ Unigenito Figlio di Dio, per noi uomini e per la nostra salvezza, si è incarnato per opera dello Spirito Santo nel seno di Maria Vergine e si è fatto uomo.

Commemorazione del santo ladrone, il quale riconobbe Cristo sulla croce e da lui meritò di sentirsi dire: “ Oggi sarai con me in Paradiso ”.

A Nicomedia, san Dula, martire.

A Roma, nel cimitero di Ponziano, san Quirino, martire.

A Tessalonica, in Macedonia, santa Matrona, martire, la quale, serva di una certa Giudea, adorando Cristo di nascosto, scoperta dalla sua padrona e da lei torturata, fu infine bastonata fino alla morte e così rese lo spirito a Dio.

A Milano, san Mona, vescovo.

Nell’ isola di Aindre, in Francia, sant’ Ermelando, il quale, da coppiere del re si fece monaco a Fontanelle e poi fu primo abate del monastero del luogo.

In Boemia, san Procopio, il quale, lasciata la moglie e il figlio si ritirò a vita eremitica, guidò il monastero da lui fondato e celebrò le lodi divine secondo il rito greco con la lingua slava.

In Svevia, il beato Everardo, che abbracciò la vita monastica nel monastero di Tutti i Santi, da lui stesso costruito.

In Umbria, il beato Tommaso, eremita, il quale trascorse per 65 anni la vita da anacoreta e insegnò ad altri a fare altrettanto.

In Inghilterra, santa Margherita Clitherow, martire, la quale, col consenso del marito, aderì alla fede cattolica, nella quale educò pure i figli e si adoperò perché i sacerdoti ricercati trovassero rifugio nella sua casa; per questo venne arrestata, sotto la regina Elisabetta I e non volle difendersi davanti ai giudici in tribunale. Condannata, morì per Cristo, schiacciata da un enorme peso.

Sempre in Inghilterra, il beato Giacobbe Bird, martire, il quale, sotto la stessa regina, a 19 anni e da poco diventato cattolico, non volendo partecipare ad una liturgia non cattolica, fu ucciso e così passò a celebrare la liturgia nel cielo.

In Toscana, santa Lucia Filippini, fondatrice dell’ Istituto Maestre Pie per l’ educazione cristiana delle fanciulle, delle donne e dei poveri.

Presso Leopoli, in Ucraina, la beata Giuseppa Hordashevska, vergine, la quale esercitò il servizio dove maggiore era la necessità, nell’ Istituto delle Suore Serve di Maria Immacolata da lei fondato.

A Lublino, in Polonia, il beato Emiliano Kovc, sacerdote e martire, il quale, portato in campo di concentramento in tempo di guerra, morì combattendo per difendere la fede.

A Monaco, in Germania, presso il campo di concentramento di Dachau, il beato Ilario Januszewski, sacerdote dell’ Ordine dei Frati Scalzi della Beata Vergine del Monte Carmelo e martire, il quale, in tempo di guerra, portato dalla Polonia in questo carcere straniero per la sua fede in Cristo, assistendo i malati, prese il tifo e pieno di fede e carità, terminò la sua vita.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
26 Marzo

A Roma, sulla via Labicana, san Castolo, martire.

In Anatolia, i santi Emmanuele, Sabino, Cordato e Teodosio, martiri.

A Smirne, in Pannonia, i santi martiri Montano, sacerdote e Massima, coniugi, i quali, avendo professato la loro fede in Cristo, furono fatti precipitare in mare dagli infedeli.

La commemorazione di sant’ Eutichio, martire, suddiacono di Alessandria, il quale, al tempo dell’ imperatore Costanzo, sotto il vescovo ariano Giorgio, fu ucciso per la fede cattolica.

A Sebaste, in Armenia, san Pietro, vescovo, fratello maggiore di san Basilio Magno.

Difese la vera fede contro l’ eresia ariana.

In Francia, san Bercario, primo abate del monastero di Hautvilliers. Colpito con un pugnale da un pessimo monaco il Giovedì Santo, morì il giorno di Pasqua.

In Toscana, i santi Baronzio e Desiderio, eremiti.

In Sassonia, il transito di san Liudgario, vescovo, il quale, istruito da Alcuino, predicò il Vangelo in diverse regioni. Costruì molti monasteri, veri centri di propagazione della fede.

A Catania, in Sicilia, la beata Maddalena Caterina Morano, vergine dell’ Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. Si dedicò all’ insegnamento catechistico, percorrendo in lungo e in largo la regione.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
27 Marzo

A Salisburgo, san Ruperto, vescovo, il quale, abitando prima a Worms, pregato dal comandante Teodo, andò in Baviera; nella città di Salisburgo edificò una chiesa e un monastero. Fu vescovo e abate e si adoperò per diffondere la fede cristiana.

A Camerino, nelle Marche, il beato Pellegrino da Falerone, sacerdote, uno dei primi discepoli di san Francesco; andò in Terra Santa, dove suscitò l’ ammirazione anche dei Saraceni.

A Novara, la beata Panacea de Muzzi, vergine e martire, la quale venne uccisa a 15 anni dalla matrigna, mentre pregava in chiesa.

A Torino, il beato Faà di Bruno, sacerdote, il quale seppe ben armonizzare la carità con lo studio delle scienze fisiche e matematiche.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
28 Marzo

A Tarso, san Càstore, martire.

La commemorazione dei santi martiri Prisco, Malco e Alessandro. Questi tre, nella persecuzione di Valeriano, abitando in un piccolo campiello intorno a Cesarea, dove venivano preparati per la corona del martirio, presentandosi davanti al giudice lo rimproveravano, perché infieriva contro i cristiani; per questo furono anch’ essi dati alle fiere.

A Elaiopoli, in Fenicia, san Cirillo, diacono e martire. Fu ucciso in modo orribile sotto

l’ imperatore Giuliano l’ Apostata.

Ad Alessandria, in Egitto, san Protervo, vescovo, il quale il Giovedì Santo fu crudelmente ucciso dai monofisiti, seguaci del suo predecessore Dioscoro.

In Francia, san Guntranno, re dei Franchi. Si dedicò alle opere spirituali e distribuì largamente i

suoi tesori alle chiese e ai poveri.

In Bitinia, sant’ Ilarione, il quale difese con forza il culto delle sante immagini.

A Citeaux, in Francia, santo Stefano Harding, abate, il quale, venuto da Moleste con altri monaci, governò questo celebre monastero, istituì i fratelli conversi, accolse il famoso Bernardo con 300 compagni, fondò 12 monasteri e redasse la Carta della Carità, che prescriveva ai monaci di vivere nell’ amore, con una sola regola e del proprio lavoro, rifiutando ogni genere di donazione.

A Naso, in Sicilia, il beato Conone, monaco secondo la regola degli orientali, il quale, ritornando dai luoghi santi, avendo trovato i genitori morti, diede tutte le sue ricchezze ai poveri e abbracciò la vita eremitica. 

A Siena, il beato Antonio Patrizi, sacerdote dell’ Ordine degli Eremiti di sant’ Agostino, il quale si distinse per l’ amore ai fratelli e al prossimo.

In Francia, la beata Giovanna Maria di Mellè, la quale, morto il marito in guerra, ridotta in povertà, cacciata di casa e abbandonata da tutti, visse in una piccola cella presso il convento dei Minori, mendicando perfino il pane, ma sempre piena di fiducia in Dio.

In Inghilterra, il beato Cristoforo Wharton, sacerdote e martire, che fu ucciso in odio al suo sacerdozio, sotto la regina Elisabetta I.

In Francia, la beata Renata Maria Feillatreau, martire e sposata, la quale, durante la rivoluzione francese, per la sua fedeltà alla Chiesa Cattolica, venne uccisa con il taglio della testa.

In Polonia, il beato Giuseppe Sebastiano Pelezar, vescovo e fondatore della Congregazione delle Serve del Sacro Cuore di Gesù e maestro eccellente di vita spirituale.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
29 Marzo

A Napoli, la commemorazione di sant’ Eustachio, vescovo.

La commemorazione di san Marco, vescovo di Aretusa, in Siria, il quale, al tempo

dell’ eresia ariana, mai si allontanò dalla vera fede. Sotto l’ imperatore Giuliano l’ Apostata fu torturato. Da san Gregorio Nazianzeno fu detto uomo straordinario e anziano santissimo.

Sul monte Carmelo, in Palestina, il beato Bertoldo, militare, il quale fu ammesso fra i fratelli che praticavano la vita religiosa su questo monte; in seguito fu fatto priore e affidò alla Madre di Dio la pia comunità.

A Poitiers, in Francia, san Guglielmo Tempier, vescovo, uomo prudente e risoluto; difese la chiesa a lui affidata dai soprusi dei nobili, riformò i costumi, offrendo egli stesso l’ esempio di una vita integerrima.

A Ratzeburg, in Germania, san Ludolfo, vescovo e martire. Per comando del duca Alberto, fu gettato in carcere per difendere la libertà della chiesa e in seguito alle percosse subite, morì.

In Inghilterra, la commemorazione del beato Giovanni Hambey, sacerdote e martire, il quale perché sacerdote, in un giorno non preciso intorno alla festa di Pasqua, fu condotto al patibolo e così morì, uniformandosi alla Passione di Cristo.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
30 Marzo

Ad Asti, san Secondo, martire.

A Tessalonica, in Macedonia, san Donnino, martire.

In Francia, san Regolo, vescovo di Arles.

La commemorazione di molti santi martiri, che a Costantinopoli, al tempo dell’ imperatore Costanzo, per ordine del vescovo ariano Macedonio, furono cacciati in esilio e straziati da indicibili tormenti.

Al Monte Sinai, san Giovanni, abate. Scrisse un famoso libro “ La scala del Paradiso ”, per la formazione dei monaci, dove egli rappresenta la vita spirituale come una salita di 30 gradini; per questo fu soprannominato “ quello della scala ”.

A Siracusa, san Zosimo, vescovo, il quale prima fu umile custode della tomba di santa Lucia, poi divenne abate del monastero della città.

A Coventry, in Inghilterra, santa Osburga, prima badessa del monastero del luogo.

Ad Aquino, nel Lazio, san Clinio, abate.

In Spagna, san Pietro Regalato da Valladolid, sacerdote dei Minori, di grande penitenza e umiltà. Costruì due stanze dove solo dodici fratelli potevano vivere.

A Vercelli, il beato Amedeo, duca di Savoia, il quale, esercitando la sua autorità, favorì la pace e sostenne con zelo e con i fatti la causa dei poveri, delle vedove e degli orfani.

In Corea, i santi martiri Antonio Develuy, vescovo, Pietro Aumaitre, Martino Luca Huin, sacerdoti, Giuseppe Chang Chu-gi, Tommaso son Cha-son e Luca Hwang Sok-tu, catechisti, i quali, per la fede in Cristo, furono decapitati.

A Napoli, il beato Ludovico da Casoria Palmentieri, sacerdote dell’ Ordine dei Frati Minori, il quale, spinto dall’ amore di Cristo per i poveri, fondò due Congregazioni: una dei Fratelli della Carità e l’ altra delle Suore Francescane di santa Elisabetta.

A Torino, san Leonardo Murialdo, sacerdote. Fondò la Congregazione di san Giuseppe per la formazione cristiana dei giovani poveri, orfani e abbandonati.

In Messico, san Giulio Alvarez, sacerdote e martire. Durante la persecuzione religiosa, versò il sangue per rimanere fedele a Cristo Signore e alla sua Chiesa.

 Torna all’ inizio della pagina

 
 
31 Marzo

In Persia, a Tessifonte, san Beniamino, diacono, il quale, poiché non desisteva dal predicare la Parola di Dio, sotto il re Vararane V, fu martirizzato, dopo essere stato torturato con canne appuntite conficcate fra le unghie.

A Roma, santa Balbina, il cui titolo fondato sull’ Aventino porta il suo venerabile nome.

A Koeln, in Germania, sant’ Agilolfo, vescovo, uomo di santità di vita e famoso predicatore.

Nel parmense, san Giudo, abate del monastero di Pomposa. Fu seguito da molti discepoli, ristrutturò molte chiese e si dedicò alla preghiera, alla contemplazione e al culto. Nella sua vita ritirata volle occuparsi solo delle cose di Dio.

A Udine, il beato Bonaventura Tornicelli, sacerdote dei Servi di Maria. Predicò in diverse regioni d’ Italia, esortando il popolo alla penitenza. Morì a 80 anni mentre predicava un quaresimale.

In Inghilterra, il beato Cristoforo Robinson, sacerdote e martire; fu testimone del martirio di san Giovanni Boste. Perché sacerdote, sotto la regina Elisabetta I, fu condotto al patibolo e così ricevette la corona del martirio.

A Ravensbruck, in Germania, la beata Natalia Tulasiewicz, martire, la quale, al tempo

dell’ occupazione militare della Polonia, fu portata in campo di concentramento dai seguaci di una dottrina contraria alla dignità dell’ uomo e alla fede. Messa in una camera a gas, rese l’ anima a Dio.

 

Torna all’ inizio della pagina  –  Seleziona un altro mese