Ottobre

Martirologio Romano

Mese di Ottobre

Clicca sul giorno desiderato

123456789101112131415

16171819202122232425262728293031

1 Ottobre

Memoria di S. Teresa di Gesù Bambino, vergine e dottore della Chiesa. Entrò ancora ragazza nel monastero delle carmelitane, a Lisieux, in Francia. Fu maestra di santità in Cristo, con una vita innocente e semplice. Insegnò la via dell’infanzia spirituale per giungere alla perfezione cristiana. Diede tutta sé stessa per la salvezza delle anime e la crescita della Chiesa, concludendo la sua vita a 25 anni. Morì il 30 Settembre.

A Seclin, in Francia, ricordo di S. Piatone, evangelizzatore degli abitanti di Tournai e martire.

A Lisbona, in Portogallo, ricordo dei santi Verissimo, Massima e Giulia, martiri.

A Treviri, in Renania, san Nicezio, vescovo, il quale, secondo quello che dice san Gregorio di Tour, fu forte nel predicare, terribile nelle argomentazioni, costante nell’insegnamento e sotto il re dei Franchi, Clotario, fu mandato in esilio.

A Costantinopoli, san Romano, diacono. Fu chiamato Melodico per la sua sublime arte nel comporre inni ecclesiastici in onore del Signore e dei Santi.

Presso Gand, in Belgio, san Bavone, monaco. Fu discepolo di S. Amando e abbandonato il mondo distribuì i suoi beni ai poveri e si ritirò in monastero.

A Condè-sur-l’Escaut, in Belgio, san Vasnulfo, monaco, di origine irlandese.

A Canterbury, in Inghilterra, ricordo di san Geraldo Edwards, presbitero e martire, che, ordinato sacerdote in Francia e ritornato in patria mentre infuriava la persecuzione di Elisabetta I, portò a compimento il suo martirio sul patibolo dopo lunga prigionia. Insieme con lui patirono i beati Roberto Wilcox e Cristoforo Buxton, presbiteri anch’essi, perché sacerdoti cattolici e Roberto Widmerpool, per aver aiutato un sacerdote.

A Chichester, in Inghilterra, ricordo dei beati Rodolfo Crockett ed Edoardo James, presbiteri e martiri, che, ritornati in patria dal seminario inglese di Reims, vennero condotti al supplizio del patibolo per il solo fatto di essere sacerdoti cattolici.

A Ipswich, in Inghilterra, ricordo del beato Giovanni Robinson, presbitero e martire, che, padre di famiglia, dopo la morte della moglie, fu coronato dal martirio a motivo del ministero sacerdotale ricevuto in età avanzatissima.

A Nagasaki, in Giappone, ricordo dei beati Gaspare Hikojiro ed Andrea Yoshida, martiri, che, catechisti, vennero decapitati per aver accolto in casa dei sacerdoti cattolici.

Nel villaggio di Rotglà y Corbera, in Spagna, ricordo della B. Fiorenza Caerols Martinez, vergine e martire, che al tempo della persecuzione contro la fede, meritò di conseguire la gloria della vita eterna attraverso il martirio.

A Villana, presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Alvaro Sanjuan Canet, presbitero della Società Salesiana e martire, che nel corso della medesima persecuzione venne condotto alla palma della vittoria attraverso la battaglia per la fede.

Presso Monaco di Baviera, in Germania, ricordo del beato Antonio Rewera, presbitero e martire, che, deportato dalla Polonia nel campo di concentramento di Dachau, per aver testimoniato Cristo, giunse, attraverso i tormenti, alla corona del martirio.

Torna all’ inizio della pagina

2 Ottobre

Memoria dei Santi Angeli Custodi. Chiamati in primo luogo a contemplare il volto di Dio, dal Signore furono pure posti vicino agli uomini, perché con la loro invisibile ma sollecita presenza, potessero seguirli e consigliarli.

A Nicomedia, in Bitinia, ricordo di sant’ Eleuterio, martire.

A Numanzia, in Spagna, san Saturio, eremita.

Nei pressi di Arras, nell’ Artois, in Francia, passione di san Leodegario, vescovo di Autun, che Ebroino, maestro di palazzo di re Teodorico, uccise ingiustamente dopo avergli inflitto molte ferite e mutilazioni. Con lui si venera la memoria di suo fratello, san Gerino, martire, che due anni prima era stato lapidato a morte per ordine della stesso Ebroino.

A Saint-Hubert, nella Ardenne, san Beregiso, abate, che fondò e ivi guidò un monastero.

A Costantinopoli, san Teofilo, monaco. Per la difesa delle sante immagini fu flagellato ed esiliato da Leone Isaurico.

In Rezia, sant’ Ursicino, vescovo di Coira e primo abate del monastero di Dissentis, in Svizzera, fondato da lui stesso.

A Nagasaki, in Giappone, ricordo dei beati Ludovico e Lucia Yakichi, coniugi e i loro figli Andrea e Francesco, martiri, patirono la morte per Cristo; i fanciulli decapitati assieme alla madre, dinanzi al padre e questi, infine, bruciato vivo.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del beato Giorgio Edmondo Renè, presbitero e martire, che, canonico di Vèzelay, al tempo della Rivoluzione Francese, condannato alla galera per aver esercitato il ministero sacerdotale, vi perì presto consunto da grave malattia.

A Lione, il beato Antonio Chevrier, sacerdote, fondatore dell’ Opera della Provvidenza del Prado, dove i sacerdoti si preparano ad insegnare ai giovani poveri la fede cristiana.

In Spagna, i beati Francesco Carceller, dell’ Ordine dei Sacerdoti Regolari delle Pie Scuole ed Isidoro Bover Oliver, della Fraternità dei Sacerdoti Operai Diocesani, presbiteri e martiri, che, infuriando la persecuzione, consumarono il loro martirio venendo fucilati in odio al sacerdozio, di fronte al muro del cimitero.

Nel villaggio di Sax, in Spagna, ricordo dei beati Elia e Giovanni Battista Carbonell Mollà, presbiteri e martiri, che, fratelli, vennero fucilati nel corso della medesima persecuzione.

A Silla, presso Valencia, in Spagna, ricordo della B. Maria Guadalupe ( Maria Francesca ) Ricart Olmos, religiosa dell’Ordine dei Servi di Maria e martire, che venne coronata del martirio nel corso della stessa persecuzione, per aver testimoniato Cristo.

A Stanislawow, in Polonia, ricordo della B: Maria Antonina Kratochwil, vergine della Congregazione delle Sorelle Discepole di Nostra Signora e martire, che, in tempo di guerra, fu per la sua fede gettata in prigione, dove andò incontro alla morte per Cristo Suo Sposo, minata dalle numerose ferite.

Torna all’ inizio della pagina

3 Ottobre

La commemorazione di san Dionigi, l’ Aeropagita: fu convertito nell’ areopago di Atene da san Paolo e divenne il primo vescovo degli Ateniesi.

A Roma, nel cimitero di Ponziano, sulla via Portuense, santa Candida, martire.

Ad Alessandria d’ Egitto, il ricordo dei santi Fausto, Caio, Pietro, Paolo, Cheremone, Lucio e di altri due, confessori della fede, i quali, prima sotto l’ imperatore Decio, poi sotto Valeriano, per ordine del governatore Emiliano, insieme con il vescovo san Dionigi, dovettero subire infinite torture e in più Fausto meritò la corona del martirio sotto l’imperatore Diocleziano.

A Maiuma, in Palestina, il ricordo di sant’ Esichio, monaco, discepolo di sant’ Ilarione e suo compagno nei viaggi.

Il ricordo di san Massimiano, vescovo di Bagai, nella Numidia: gravemente ferito dagli eretici, venne poi fatto precipitare da una torre e fu creduto morto; ma, soccorso da alcuni passanti e curato, continuò con coraggio a difendere la fede cattolica.

A Tolone, in Francia, san Cipriano, vescovo; discepolo di san Cesario di Arles, difese in molti sinodi la retta fede cattolica sulla grazia divina.

Nella Sassonia, due santi martiri di nome Evaldo, l’ uno detto Nero, l’ altro Bianco, i quali, sacerdoti di nazionalità inglese, sull’ esempio di san Villibrado e dei suoi compagni, si recarono nella regione dei Sassoni a predicare il Vangelo. Catturati dai pagani, furono uccisi.

Nel monastero di Metten, in Baviera, il beato Utto, fondatore e primo abate di questo monastero.

A Namur, in Belgio, san Gerardo, fondatore e primo abate del monastero di Brogne; si adoperò ad introdurre la vita monastica nel Belgio e nelle Fiandre e riportò molti monasteri alla primitiva osservanza della regola.

A Coira, in Svizzera, il beato Adalgotto, vescovo; discepolo di san Bernardo nel monastero di Claivaux, fu di esempio nella vita monastica.

In Brasile, i beati Ambrogio Francesco Ferro, sacerdote e compagni, martiri, uccisi durante la persecuzione contro la fede cattolica.

A Madrid, in Spagna, il beato Crescenzio Garcìa Pobo, sacerdote del Terz’ Ordine di san Francesco della Beata Vergine Addolorata e martire; sparse il suo sangue per Cristo durante la persecuzione contro la Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

4 Ottobre

La memoria di san Francesco, il quale, dopo una gioventù gaudente, ritornato sulla retta via ad Assisi, in Umbria, scelse la vita evangelica. Avendo scorto il volto di Cristo nei poveri e soprattutto nei derelitti, lui stesso fattosi povero a servizio degli ultimi, radunò in comunità intorno a sé i Frati Minori; predicò l’ amore di Dio per tutti raggiungendo perfino la Terra Santa. Cercò la perfetta sequela di Cristo nell’ insegnamento e nella vita pratica e volle morire sulla nuda terra.

A Bologna, in Emilia, san Petronio, vescovo; rinunciando al potere terreno si fece sacerdote e nell’ esercizio del servizio episcopale rifulse per dottrina e per santità di vita.

A Tours, in Francia, san Quintino, martire.

A Parigi, ancora in Francia, santa Aurea, badessa, che sant’ Eligio pose a capo del monastero da lui fondato dentro le mura della città sotto la regola di san Colombano, dove aveva radunato trecento vergini.

A New Orleans, negli Stati Uniti d’ America, il beato Francesco Saverio Seelos, sacerdote redentorista, tedesco di nascita, impegnato nell’ assistenza dei fanciulli, dei giovani e dei migranti.

Nel Villaggio di Xaraco, in Spagna, il beato Enrico Morant Pellicer, sacerdote e martire; in tempo di persecuzione, portò a termine la battaglia per la fede.

Vicino alla città di Gandia, sempre in Spagna, il beato Giuseppe Canet Ginet, sacerdote e martire; per la fedeltà a Cristo, meritò di essere associato al sacrificio del Salvatore.

Nella città di Bellrreguat, ancora in Spagna, il beato Alfredo Pellicer Munoz, religioso dell’ Ordine dei Frati Minori e martire; nella stessa persecuzione testimoniò la fede in Cristo fino al raggiungimento della palma del martirio.

Torna all’ inizio della pagina

5 Ottobre

A Treviri, in Germania, il ricordo dei santi martiri, si crede, abbiano conseguito la palma del martirio al tempo della persecuzione dell’ imperatore Diocleziano.

A Coryeus, in Cilicia, santa Caritina, martire.

Il ricordo di santa Mamlaca, vergine e martire: partita dalla Germania per raggiungere la Persia, fu fatta uccidere dal re Sapore II.

A Valence, in Francia, sant’ Apollinare, vescovo; fratello di sant’ Avito, vescovo di Vienne e uomo giusto e onesto, restituì l’ autorità e il decoro antico alla sede vescovile di Valence per lungo tempo rimasta vacante.

Il ricordo dei santi Mauro e Placido, monaci, i quali fin dalla fanciullezza furono i discepoli prediletti di san Benedetto.

In Belgio, san Girolamo, vescovo; la sua chiesa fu arricchita dalla sua munificenza e dalla sua sollecitudine pastorale.

Vicino a Paderbon, in Germania, il ricordo di san Meinulfo, diacono; fondò e abbellì il monastero di Bodeken, dove costituì una comunità di sante vergini.

A Leon, in Spagna, il ricordo di san Froilano, vescovo; da eremita eletto vescovo, evangelizzò le popolazioni liberate dalla schiavitù dei Mori, fu grande riformatore e propagatore della vita monastica e anche munifico verso i bisognosi.

A Zamora, ancora in Spagna, il ricordo di sant’ Attilano, vescovo; prima monaco, fu di grande aiuto a san Froilano nel ricondurre a Cristo le popolazioni liberate dalla schiavitù dei Mori.

A Firenze, in Toscana, il beato Pietro da Imola; cavaliere dell’ Ordine di san Giovanni di Gerusalemme, dedicò la sua vita alla cura degli infermi.

A Beaulieu, in Francia, il ricordo di santa Flora, vergine dell’ Ordine di san Giovanni di Gerusalemme; curò gli ammalati poveri negli ospedali e comunicò alla passione di Cristo con il cuore e con il corpo.

A Cora, nel Lazio, il beato Santo, sacerdote dell’ Ordine degli Eremiti di sant’ Agostino; con la predicazione riportò molti sulla retta via.

A Norimberga, in Germania, il beato Raimondo delle Vigne, sacerdote domenicano; fu la prudente guida di santa Caterina da Siena e scrisse un libro sulla vita della santa.

In Lombardia, il beato Matteo ( Giovanni Francesco ) Carceri, sacerdote domenicano; fu uno dei più grandi predicatori del suo tempo.

A Lontra, i beati martiri Guglielmo Hartley e Giovanni Helvett, sacerdoti e Roberto Sutton; per  la fedeltà alla Chiesa Cattolica furono impiccati, ognuno in vari posti della città, sotto la regina Elisabetta I.

In località Mindelstetten, in Germania, la beata Anna Schaffer, vergine; a 19 anni, mentre espletava le funzioni di domestica, si ustionò con acqua bollente e non risanandosi le ferite, passò il resto della sua vita in povertà e in preghiera, offrendo le sue sofferenze per la salvezza delle anime.

A Pompei, in Italia, il beato Bartolo Longo, avvocato; appassionato del culto mariano e della formazione cristiana dei contadini e dei giovani, fondò il Santuario del Rosario a Pompei e la Comgregazione delle Suore del Santo Rosario, con l’ aiuto generoso della sua pia consorte.

In località Tepatitlan, in Messico, san Tranquillino Ubiarco, sacerdote e martire; durante la persecuzione contro la Chiesa, continuò senza interruzione ad esercitare il ministero pastorale. Per questo, appeso ad un albero, portò a termine un glorioso martirio.

A Cracovia, in Polonia, santa Maria Faustina ( Elena ) Kowalska, vergine della Congregazione delle Suore della Beata Maria Vergine della Misericordia; si impegnò a far conoscere e a svelare i misteri della Divina Misericordia.

Nella città di Plonkowo, ancora in Polonia, il beato Mariano Skrzypczak, sacerdote e martire; durante l’ occupazione della Polonia da parte di un regime avverso alla legge di Dio, per la sua fede incrollabile, fu fucilato davanti alla chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

6 Ottobre

San Bruno, sacerdote; nato a Colonia, in Germania, dopo aver insegnato teologia in Francia, desiderando condurre vita solitaria, con pochi compagni fondò l’ Ordine dei Certosini a Chartreuse, cercando di conciliare la vita eremitica con una certa forma di vita cenobitica. Chiamato a Roma dal beato papa Urbano II perché gli fosse di aiuto nel governo della Chiesa, tuttavia volle trascorrere gli ultimi anni della sua vita in una certosa, vicino al monastero La Torre, in Calabria.

A Laodicea, in Frigia, san Sagaris, vescovo e martire al tempo di Paolo Servilio, proconsole dell’ Asia.

Ad Angen, in Francia, santa Fede, martire.

Ad Auxerre, sempre in Francia, san Romano, vescovo.

A Venezia, il ricordo di san Magno, vescovo; si racconta che a causa dell’ invasione dei Longobardi, sia fuggito dalla città di Oderzo con la maggior parte della popolazione e abbia fondato una nuova città di nome Eraclea e a Venezia abbia fatto costruire otto chiese.

In Francia, sant’ Ivo, diacono e monaco; discepolo di Cutberto, vescovo di Lindisfarne, attraversò il mare e si stabilì in questa regione, assiduo nelle veglie e nei digiuni.

A Guèret, in Francia, san Pardolfo, abate; famoso per santità di vita, si racconta che abbia scacciato dal suo monastero i Saraceni sconfitti dal re Carlo Martello.

A Lambach, in Austria, il beato Adalberone, vescovo di Wurzburg; dopo aver molto sofferto per la sede apostolica ed essere stato più volte scacciato dalla sua sede, passò gli ultimi anni della sua vita nel monastero di Lambach, da lui fondato.

Nella certosa di Arvieres, in Francia, sant’ Artoldo, vescovo di Belley, monaco; quasi novantenne, fu eletto vescovo contro la sua volontà, ma dopo due anni ritornò alla vita monastica e visse fino a 106 anni.

A Napoli, in Campania, santa Maria Francesca delle Piaghe di Nostro Signore Gesù Cristo ( Anna Maria ) Gallo, vergine del Terz’ Ordine Regolare di san Francesco, ammirevole per la pazienza tra le sofferenze e le avversità, per la penitenza e per l’ amore di Dio e delle anime.

A Rochefort, in Francia, il beato Francesco Hunot, sacerdote e martire, il quale, infuriando la persecuzione contro la Chiesa, rinchiuso in una nave-prigione perché sacerdote, vi trovò la morte sfinito dalla febbre.

A Longueuill, in Canada, la beata Maria Rosa ( Eulalia ) Durocher, vergine, fondatrice della Congregazione delle Suore dei Santi Nomi di Gesù e Maria, per la formazione umana e cristiana della gioventù femminile.

Nella città di An-Hoa, in Vietnam, san Francesco Tran Van Trung, martire, il quale, soldato, essendogli stato ordinato di abiurare la fede cristiana, rifiutò decisamente; per questo venne decapitato per ordine dell’ imperatore Tu Duc.

In Belgio, il beato Isidoro di san Giuseppe de Loor, religioso passionista; espletò santamente le le mansioni affidategli e gravemente ammalato, fu di esempio ai confratelli nel sopportare le atroci sofferenze.

Torna all’ inizio della pagina

7 Ottobre

La memoria della Beata Maria Vergine del Rosario, nel giorno in cui con la recita del rosario o corona mariana, si invoca l’ aiuto della Santa madre di Dio mentre siamo intenti alla meditazione dei misteri di Cristo sotto la guida di Maria, la quale fu associata in modo tutto speciale all’ incarnazione, alla passione e alla gloria della risurrezione del Figlio di Dio.

A Capua, in Campania, san Marcello, martire.

A Padova, nel Veneto, santa Giustina, vergine e martire.

In Siria, i santi martiri Sergio e Bacco.

A Soma, san Marco, papa; fondò il titolo “in Pallacinis” e la basilica nel cimitero di Balbina, sulla via Ardeatina, dove è sepolto.

A Bourges, in Francia, sant’ Augusto, sacerdote e abate, il quale, avendo le mani e i piedi così rattrappiti da non potersi sostenere se non con le ginocchia e con i gomiti, guarito per intercessione di san Martino, costituì comunità di monaci e si dedicò ininterrottamente alla preghiera.

A Saintes, ancora in Francia, san Palladio, vescovo; costruì una basilica sulla tomba di sant’ Eutropio e propagò nella sua città il culto dei santi.

Nel monastero di Valparaiso, in Spagna, il beato Martino, soprannominato “il Cid”, abate; fondò questo cenobio e lo aggregò all’ Ordine cistercense.

A Rochefort, in Francia, il beato Giovanni Hunot, sacerdote e martire; durante la Rivoluzione Francese, gettato in una nave-prigione perché sacerdote, portò a termine il tempo della sua incarcerazione nella totale fedeltà a Dio.

In località Benaguacil, in Spagna, il beato Giuseppe Llosà Balaguer, religioso del

Terz’ Ordine di san Francesco dei Capitolari della Beata Vergine Addolorata e martire, il quale patì il martirio nella persecuzione contro la fede.

Torna all’ inizio della pagina

8 Ottobre

Ad Antiochia, in Siria, santa Pelagia, vergine e martire, che san Giovanni Crisostomo esalta con grandi lodi.

Il ricordo di santa Reparata; in molte località è venerata come vergine e martire.

A Como, san Felice, vescovo; ordinato da sant’ Ambrogio di Milano, fu il primo a guidare la Chiesa in questa città.

A Rouen, in Francia, sant’ Evodio, vescovo.

In Belgio, santa Ragenfreda; fu badessa di un monastero che lei stessa fece costruire con le sue ricchezze.

A Genova, sant’ Ugo, religioso; dopo aver prestato servizio militare per lungo tempo in Terra Santa, rifulse per bontà e carità verso i bisognosi come maestro della Commenda dell’ Ordine di san Giovanni di Gerusalemme.

A Londra, i beati Giovanni Adams, Roberto Dibdale e Giovanni Lowe, sacerdoti e martiri: al tempo della regina Elisabetta I, sebbene avessero amministrato separatamente i sacramenti ai fedeli cattolici, tuttavia, dopo atroci sofferenze, tutti insieme furono condannati a morte a Tyburn.

Torna all’ inizio della pagina

9 Ottobre

I santi Dionigi, vescovo e compagni, martiri; secondo la tradizione Dionigi fu mandato in Francia dal Papa e divenuto il primo vescovo di Parigi, morì martire nelle vicinanze di questa città insieme con il sacerdote Rustico e con il diacono Eleuterio.

San Giovanni Leonardi, sacerdote; a Lucca, in Toscana, imparò l’ arte di farmacista che poi abbandonò per diventare sacerdote. Si dedicò alla predicazione, soprattutto insegnando ai fanciulli la dottrina cristiana. Fondò l’ Ordine dei Chierici Regolari, poi denominato della Madre di Dio, per il quale ebbe a sopportare molte tribolazioni. A Roma istituì il Collegio per la propagazione della fede, “de Propaganda Fide”, dove santamente morì spezzato dal peso dei tanti impegni.

Il ricordo di sant’ Abramo, patriarca e padre di tutti i credenti, il quale, chiamato da Dio, uscì dalla città di Ur dei Caldei, sua patria ed errò lui e la sua discendenza per la terra che Dio gli aveva promesso. Infine manifestò tutta la sua fede in Dio quando, sperando contro ogni speranza, non si rifiutò di offrire in sacrificio il suo unico figlio Isacco, donato dal Signore a lui già vecchio e in più da una consorte sterile.

A Laodicea, in Siria, la passione dei santi Diodoro, Diomede e Didimo.

Nel territorio di Parma, sulla via Claudia, san Donnino, martire.

Ad Antiochia, in Siria, il ricordo di santa Publia, la quale, rimasta vedova ed in seguito entrata in monastero, mentre l’ imperatore Giuliano l’ Apostata per caso passava da quelle parti, sentendo cantare delle sante vergini i versetti di un salmo di David che recitava

“gli idoli delle genti sono argento e oro” e “sia come loro chi li fabbrica” e interpretando questi versetti come un affronto a lui diretto, comandò che fosse crudelmente percossa e quindi uccisa.

Alle pendici dei Pirenei, san Sabino, eremita; propagò la vita monastica in Francia.

A Terni, in Umbria, san Donnino, eremita.

A Mons, in Belgio, san Gisleno; visse da monaco in una cella da lui stesso costruita.

Vicino a Cassino, san Deusdedit, abate; messo in carcere dal tiranno Sicèrdo, rese lo spirito a Dio stremato dalla fame e dalla privazioni.

In Boemia, la sepoltura di san Guntero, eremita; abbandonate le ricchezze terrene, prima si ritirò nel segreto del monastero, poi nella completa solitudine tra le foreste della Baviera e della Boemia, dove visse e morì tanto unito a Dio quanto lontano dagli uomini.

In Francia, san Bernardo, abate dei Canonici regolari.

A Valenza, in Spagna, san Ludovico Betran, sacerdote domenicano; evangelizzò le popolazioni indigene dell’ America Meridionale e le difese dagli oppressori.

In località Turon, in Spagna, i santi martiri Innocenzo dell’ Immacolata ( Emanuele ) Canora Arnau, sacerdote passionista e otto compagni, religiosi dei fratelli delle Scuole Cristiane; furono uccisi senza processo in odio alla fede.

Torna all’ inizio della pagina

10 Ottobre

Il ricordo di san Pinito, vescovo di Crosso, nell’ isola di Creta; visse al tempo degli imperatori Marco Antonino Vero e Lucio Aurelio Comodo e con i suoi scritti fu di molto aiuto alla crescita spirituale del gregge a lui affidato.

A Nicomedia, in Bitinia, i santi Eulampio e sua sorella Eulampia, martiri durante la persecuzione dell’ imperatore Diocleziano.

A Colonia, in Germania, i santi Gereone e compagni, martiri; con grande coraggio esposero i loro colli alla spada per la vera fede.

Ancora vicino a Colonia, in Germania, i santi Vittore e Malloso, martiri.

A Bonn, ancora in Germania, i santi martiri Cassio e Fiorenzo.

A Nantes, in Francia, san Chiaro; fu il primo vescovo di questa città.

A Piombino, in Toscana, san Cerbonio, vescovo; come racconta san Gregorio Magno, durante l’ invasione dei Longobardi si rifugiò nell’ isola d’ Elba, dimostrandosi uomo di grandi virtù.

A Rochester, in Inghilterra, san Paolino, vescovo di York, il quale, monaco e discepolo di san Gregorio Magno, mandato con altri ad evangelizzare le popolazioni inglesi, convertì alla fede di Cristo Edwin, re della Northumbia e battezzò moltissima gente.

In Belgio, santa Telchilde, badessa; nobile di nascita, illustre per meriti, di costumi irreprensibili, insegnò alle vergini consacrate di andare incontro a Cristo con le lampade accese.

Vicino a Troyes, in Francia, santa Tanca, vergine e martire; secondo la leggenda, fu uccisa per la difesa della sua verginità.

In Marocco, la passione di 7 santi martiri dell’ Ordine dei Minori e cioè Daniele, Samuele, Angelo, Leone, Nicola e Ugolino, sacerdoti e Domno; mandati ad evangelizzare i Mori da frate Elia, sottoposti a insulti, carcere e torture, furono in ultimo decapitati, ricevendo la palma del martirio.

A Bridlington, in Inghilterra, san Giovanni, sacerdote; priore del monastero dei Canonici Regolari di sant’ Agostino, rifulse per austerità e mansuetudine.

A Khartoum, in Sudan, il beato Daniele Comboni, vescovo; fondò l’ Istituto delle Missioni della Nigrizia e eletto vescovo in Africa, si prodigò con tutte le sue energie a predicare il Vangelo e a far rispettare i diritti dovuti alla persona umana.

A Cracovia, in Polonia, la beata Angela Maria ( Sofia Camilla ) Truszkowska, vergine; fondò la Congregazione Francescana delle Suore di san Felice da Cantalice in aiuto dei fanciulli abbandonati, dei poveri e dei separati.

A Dzialdowo, ancora in Polonia, il beato Leone Wetmanski, vescovo ausiliare di Plock; durante la II Guerra Mondiale conseguì la palma del martirio con una morte coraggiosa in un campo di concentramento.

A Linz, in Austria, il beato Edoardo Detkens, martire; polacco di nascita, sempre durante la II Guerra Mondiale, fu ucciso per avvelenamento.

Torna all’ inizio della pagina

11 Ottobre

La commemorazione di san Filippo, uno dei sette diaconi scelti dagli Apostoli, che convertì la Samaria alla fede di Cristo, battezzò l’ eunuco etiope della regina Candace ed evangelizzò le popolazioni dove era di passaggio, finchè raggiunse la Cesarea, dove, secondo la tradizione, terminò i suoi giorni.

In Cilicia, i santi martiri Taraco, Probo e Andronico; offrirono la loro vita per testimoniare Cristo durante la persecuzione dell’ imperatore Diocleziano.

In Francia, la commemorazione dei santi martiri Nicasio, Quirino, Scubicolo e Pienza.

A Verdum, ancora in Francia, il santo vescovo Santino; si tramanda che sia stato il primo a predicare il Vangelo in questa regione.

Il ricordo di san Sàrmata, abate nella regione della Tebaide e discepolo di sant’ Antonio; fu ucciso dai Saraceni.

A Uzes, in Francia, san Firmino, vescovo; discepolo di san Cesareo di Arles, fu un ottimo pastore per il suo gregge.

In Irlanda, san Canico, abate, famoso per aver fondato molti monasteri.

Sui monti del Caucaso, il natale di sant’ Anastasio, sacerdote, apocrisario della Chiesa di Roma; compagno di san Massimo il Confessore nell’ esilio e nella lotta contro le eresie, rese l’ anima a Dio mentre proferiva “le cose sante ai santi” durante la santa sinassi.

In Belgio, san Gemmario; soldato consacrato a Dio, con le sue ricchezze costruì un oratorio dove è sepolto.

A Colonia, in Germania, san Bruno, vescovo; fratello dell’ imperatore Ottone I, con

l’ episcopato assunse anche il potere temporale. Esercitò l’ uno con la premura del pastore e l’ altro con la magnanimità del principe.

A Gniezno, in Polonia, san Gaudenzio, vescovo; fratello di sangue e di intenti e fedele compagno di sant’ Adalberto, vescovo di Praga, assistette alla sua uccisione, per poi essere messo lui stesso in carcere.

A Riga, nel Mar Baltico, il ricordo di san Meinardo, vescovo; già monaco in Germania, in età avanzata volle portarsi in Lettonia per evangelizzare quel popolo, costruì una chiesa a Yxkill e ordinato vescovo, pose le fondamenta della religione cristiana in quella regione.

A Bologna, in Emilia, il beato Giacomo Griesinger di Ulm, religioso domenicano; sebbene illetterato, fu un famosissimo pittore su vetro e per 40 anni fu un esempio di lavoro e di preghiera.

In Lombardia, il transito di sant’ Alessandro Sauli, vescovo prima della diocesi di Aleria e poi di Pavia; quale superiore della Congregazione dei Chierici Regolari, fu veramente generoso verso i poveri.

Ad Hanoi, in Vietnam, san Pietro Le Tuy, sacerdote e martire; fu decapitato per Cristo sotto l’ imperatore Minh Mang.

A Madrid, in Spagna, santa Maria Desolata ( Emanuela ) Torres Acosta, vergine; fin dalla giovane età mostrò grande amore per i poveri, per i quali, non potendo soccorrerli da sola, fondò la Congregazione delle Ancelle di Maria per la cura dei malati.

A Barcellona, in Spagna, il beato Angelo Ramos Velazquez, religioso salesiano e martire; portò a termine la battaglia per la fede durante la persecuzione contro la Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

12 Ottobre

A Roma, sulla via Lairentina, sant’ Edisto, martire.

In Cilicia, santa Donnina, martire; secondo la tradizione, dovette molto soffrire sotto

l’ imperatore Diocleziano e il preside Licia e morì in seguito in carcere.

La commemorazione di 4966 santi martiri e confessori della fede; durante la persecuzione vandalica in Africa, alcuni vescovi, sacerdoti e diaconi della Chiesa Cattolica, insieme con una immensa massa di fedeli, per ordine del re ariano Unnerico, furono confinati

nell’ orribile deserto del Sahara e per ultimo, in vario modo sottoposti a torture, ottennero la palma del martirio. Tra loro in particolare si ricordano i vescovi Cipriano e Felice.

A Piacenza, in Emilia, sant’ Opilone, diacono.

A Roma, il papa san Felice IV; trasformò due templi del Foro Romano in chiese in onore dei santi Cosma e Damiano e si prodigò con grande zelo per la propagazione della fede cattolica.

San Massimiliano; si dice sia stato vescovo di Lorch.

A Pavia, in Lombardia, san Rotobaldo, vescovo, uomo di grande astinenza, dedito al culto divino e alla ricerca delle reliquie dei santi.

Ad Ascoli Piceno, nelle Marche, san Serafino di Monte Granaro ( Felice ) de Nicola, religioso dell’ Ordine dei frati Minori Cappuccini; fu un vero povero, splendente di umiltà e di pietà.

A Londra, il beato Tommaso Bullaker, sacerdote dei frati Minori e martire; arrestato mentre celebrava la Santa Messa al tempo del re Carlo I, perché sacerdote fu impiccato a Tyburn e sviscerato ancora vivo.

Nel villaggio di Ribarroja de Turìa, in Spagna, il beato Giuseppe Gonzales Huguet, sacerdote e martire; mentre infuriava la persecuzione contro la Chiesa, portò a termine

un’ egregia battaglia per Cristo.

In contrada Massamagrel, ancora in Spagna, il beato Pacifico ( Pietro ) Salcedo Puchades, religioso cappuccino; nella stessa persecuzione si conformò alla passione di Cristo.

Nel campo di sterminio di Auschwitz, vicino a Cracovia, in Polonia, il beato Romano Sitko, sacerdote e martire; durante l’ occupazione della Polonia nella II Guerra Mondiale, brutalmente torturato dai persecutori degli uomini e della dignità della religione, passò alla visione della beatitudine eterna.

Torna all’ inizio della pagina

13 Ottobre

Il ricordo di san Teofilo, vescovo di Antiochia, uomo di grande erudizione; fu il sesto vescovo di questa città dopo l’ apostolo Pietro e compose un trattato contro Marcione per la difesa della fede ortodossa.

A Cordova, in Spagna, i santi martiri Fausto, Gennaro e Marziale, i quali ornano la città come tre corone.

A Tessalonica, in Macedonia, san Fiorenzo, martire; secondo la leggenda, sembra sia stato bruciato dopo innumerevoli torture.

A Matuziano, in Liguria, la sepoltura di san Romolo, vescovo di Genova; pieno di ardore apostolico, morì durante le visite pastorali alle popolazioni rurali.

In Belgio, san Lubenzio, sacerdote.

A Tours, in Francia, san Venanzio, abate; essendosi sposato in giovane età ed essendosi recato in visita alla basilica di san Martino ed essendo attratto dalla vita dei monaci, con il consenso della consorte, decise di entrare in monastero.

A Limoges, sempre in Francia, san Leobono, solitario.

In Scozia, la sepoltura di san Comgano, abate; con la sorella santa Chentigerna e alcuni missionari, dall’ Irlanda raggiunse questa regione.

In Germania, san Sinberto, vescovo e abate.

In Francia, san Geraldo; conte di Aurillac, per la salvaguardia dei suoi territori condusse segretamente vita monastica in abiti secolari, lasciando un luminoso esempio per i potenti.

Nella Lucania, san Luca, abate dei monaci di rito orientale; prima condusse vita monastica in Sicilia, sua patria, poi in altri luoghi a causa dell’ invasione saracena. In ultimo, terminò i suoi giorni in un monastero da lui fondato.

A Gerusalemme, il beato Gerardo; costruì un ospizio, attiguo alla chiesa di san Giovanni, per accogliere i pellegrini e curare gli infermi. Fu fondatore e primo superiore dell’ Ordine di san Giovanni di Gerusalemme.

Vicino a Subiaco, nel Lazio, santa Celidonia, vergine; si dice che abbia condotto vita solitaria e durissima al solo servizio di Dio per 42 anni.

Nel Monferrato, la beata Maddalena Panatieri, vergine, suora di penitenza di san Domenico.

Torna all’ inizio della pagina

14 Ottobre

San Callisto I, papa e martire, che, diacono dopo un lungo esilio in Sardegna, si prese cura delle catacombe sulla via Appia che prenderanno il suo nome, dove espose le spoglie dei martiri alla venerazione dei posteri; eletto papa, promosse la retta dottrina e riconciliò con benevolenza gli apostati, terminando il suo operoso episcopato con un glorioso martirio.

In questo giorno si celebra la deposizione del suo corpo a Roma sulla via Aurelia, nel cimitero di Calepodio.

A Capua, in Campania, ricordo di san Lupulo, martire.

A Rimini, san Gaudenzio, che al tempo della persecuzione si crede sia stato il primo vescovo di questa città.

A Bruges, in Belgio, san Donaziano, vescovo di Reims, le cui reliquie sono conservate in questa città.

A Todi, san Fortunato, vescovo, che, come riferisce san Gregorio Magno papa, si prodigò in tutte le maniere per assistere gli ammalati.

In Francia, santa Menechilde, vergine.

In Liguria, san Venanzio, vescovo, che ebbe principalmente cura del clero e dei monaci e fu amico del papa san Gregorio Magno e tenuto da quest’ ultimo in grande considerazione.

A Beauvais, in Francia, santa Andagrisma, badessa del cenobio fondato da sant’ Ebrulfo e chiamato Oratorio, per poter avere dei luoghi dove il Signore venisse onorato senza interruzione.

A San Severino, nelle Marche, san Domenico, che per la cintura ferrea che portava intorno ai fianchi era chiamato Cintura, sacerdote dell’ Ordine dei Camaldolesi; ordinato somoniacamente, si fece monaco eremita, discepolo di san Pier Damiani. Condusse una vita austera e di penitenza.

Ad Angers, in Francia, ricordo del beato Giacomo Laigneau de Langellerie, presbitero e martire, che, infuriando la Rivoluzione Francese, venne ghigliottinato perché sacerdote.

A Picadero di Paterna, presso Valencia, in Spagna, ricordo della beata Anna Maria Aranda Riera, vergine e martire, che, mentre infuriava la persecuzione contro la fede, sparse il proprio sangue per Cristo.

Nel campo di prigionia di Dachau, presso Monaco, in Germania, ricordo dei beati Stanislao Mysakowski e Francesco Roslaniec, presbiteri e martiri, che nella Polonia occupata in tempo di guerra dai nemici di Dio e dell’ umanità, consumarono il loro martirio avvelenati dai vapori maligni.

A Leopoli, in Ucraina, ricordo del beato Romano Lysko, presbitero e martire, che al tempo della persecuzione contro la fede, seguendo docilmente la tracce di Cristo, pervenne con l’ aiuto della Sua grazia al regno dei cieli.

Torna all’ inizio della pagina

15 Ottobre

Memoria di santa Teresa di Gesù, vergine e dottore della Chiesa. Entrata ad Avila, in Spagna, nell’ Ordine Carmelitano, divenne madre e maestra di una osservanza più rigida, considerando nel suo cuore il cammino spirituale come una salita per gradi dell’ anima verso Dio. Per la riforma del suo Ordine dovette sopportare molte difficoltà, che superò con grande forza d’ animo. Scrisse dei libri di altissima dottrina che manifestano la sua profonda esperienza mistica.

A Edessa, in Siria, san Barsen, vescovo. Fu relegato in regioni lontane, per le fede cattolica,  dall’ imperatore ariano Valente e sfinito per aver cambiato tre volte il luogo dell’ esilio, morì in un giorno sconosciuto di Marzo.

A Treviri, san Severo, vescovo; discepolo di san Lupo, aiutò san Germano a sradicare nella Britannia Maggiore gli errori di Pelagio. Predicò il Vangelo di Cristo presso i Germani.

A Kitzingen, in Germania, santa Tecla, badessa. Mandata dall’ Inghilterra in aiuto a san Bonifacio, prima diresse il monastero di Ochsenfurt e poi quello di Kitzingen.

Nel monastero di Trebnitz, in Polonia, santa Edvige, religiosa, la cui memoria ricorre domani.

In Portogallo, il beato Gonsalvo de Lagos, sacerdote dell’ Ordine degli Eremiti di

sant’ Agostino, che si dedicò all’ istruzione dei fanciulli nella dottrina cristiana.

A Nagasaki, in Giappone, ricordo di santa Maddalena, vergine e martire, che sotto

l’ imperatore Yemitsu, fu forte d’ animo tanto nella difesa della fede che nella paziente sopportazione, per tredici giorni, del supplizio della forca.

A Valencia, in Spagna, ricordo del beato Narciso Bastè, presbitero e martire, che, seguendo fedelmente l’ esempio di Cristo, in tempi di persecuzione contro la fede, passò gloriosamente alla vita eterna attraverso la morte.

Torna all’ inizio della pagina

16 Ottobre

Santa Edvige, religiosa, nata in Baviera e duchessa di Polonia. Si dedicò ad aiutare i poveri per i quali fondò ospizi e dopo la morte del marito Enrico passò gli ultimi anni della sua vita nel monastero delle monache cistercensi, che lei aveva fatto costruire e di cui era badessa la figlia Gertrude; morì a Trzebnica, in Polonia il 15 Ottobre.

Santa Margherita Maria Alacoque, vergine; entrata fra le monache dell’ Ordine della Visitazione della B.V.Maria, percorse velocemente la via della perfezione e arricchita di doni mistici, diffuse la devozione al Sacro Cuore di Gesù nella Chiesa. Morì a Paraj-le-Monial il 14 Ottobre.

A Gerusalemme, san Longino, che aprì con la lancia il costato, dalla parte destra, di Gesù appeso sulla croce.

A Toul, in Francia, ricordo di sant’ Elisio, che avrebbe ricevuto la corona del martirio.

Memoria dei santi Martiniano e Saturiano, martiri in Africa assieme ai loro due fratelli, che al tempo della persecuzione vandalica, sotto il re ariano Genserico, essendo servitori di un ariano e convertiti alla fede in Cristo dalla vergine santa Massima, anch’ essa serva del loro stesso padrone, poiché mantennero ferma la loro fede cattolica, vennero per questo dapprima fustigati duramente e dilaniati sino all’ osso, poi mandati in esilio nelle terre dei Mori, laddove vennero condannati a morte per aver convertito alcuni alla fede di Cristo; Massima invece, liberata dopo aver superato molte prove, morì in pace in un monastero, madre di molte altre vergini.

Nel territorio di Limoges, in Aquitania, sant’ Amando e il suo discepolo Iuniano, eremiti.

Ad Arbona, in Germania, san Gallo, sacerdote e monaco; ancora fanciullo fu accolto da san Colombano nel monastero di Bangor, in Irlanda. In seguito diffuse il Vangelo in questa regione e trasmise ai frati la disciplina monastica finchè morì quasi centenario.

A Noyon, in Francia, san Mommolino, vescovo; dapprima come monaco aiutò

sant’ Audomaro nell’ evangelizzazione, poi successe a sant’ Eligio nella sede episcopale.

Nel monastero di Hersfeld, in Germania, san Lull, vescovo di Magonza; fu compagno e aiutante nella predicazione di san Bonifacio, da lui stesso ordinato vescovo. Fu maestro per i sacerdoti, ispiratore della regola per i monaci, fedele predicatore e pastore per il popolo cristiano.

A Nantes, in Francia, san Vitale, eremita.

Sempre in Francia, presso i Pirenei, san Gauderico, agricoltore, devoto della Madre di Dio.

A Brioude, presso Alvier, in Francia, santa Bonita, vergine.

Presso i Pirenei, in Francia, sant’ Anastasio, monaco; veneto di nascita, prima condusse una vita eremitica presso l’ isola di Tumalena, presso Mont-Saint-Michel, poi monastica a Cluny. Infine visse gli ultimi anni in solitudine.

A Comminges, in Francia, san Bertrando, vescovo. Consigliato dal papa san Gregorio VII, si dedicò alla riforma della Chiesa; ricostruì la sua città distrutta parecchi secoli prima e la sua cattedrale, dove insediò i Canonici Regolari di sant’ Agostino.

In Francia, il beato Gerardo di Chiaravalle, abate; visitando un monastero fu ucciso da un iniquo monaco.

In Lucania, san Gerardo Maiella, religioso della Congregazione del Santissimo Redentore; rapito dall’ amore di Dio, abbracciò uno stile di vita rigorosissimo e consumato dall’ amore di Dio e delle anime, morì ancora giovane.

Nel campo di sterminio di Auschwitz, presso Cracovia, in Polonia, il ricordo dei beati Aniceto Koplinski, dell’ Ordine dei Frati Minori Cappuccini e Giuseppe Jankowski, della Società dell’ Apostolato Cattolico, presbiteri e martiri che, deportati dalla patria invasa dai seguaci di una ideologia nemica dell’ umanità  e ostile a Dio, uno avvelenato nella camera a gas, l’ altro invece trucidato dagli aguzzini del campo, testimoniarono la fede in Cristo fino alla morte.

Torna all’ inizio della pagina

17 Ottobre

Memoria di sant’ Ignazio, vescovo e martire, che discepolo di san Giovanni Apostolo, secondo dopo san Pietro, resse la Chiesa di Antiochia e dato in pasto alle belve sotto

l’ imperatore Traiano, venne inviato a Roma, dove fu coronato di un glorioso martirio.

Lungo il viaggio, mentre i guardiani aizzavano la ferocia dei leopardi, scrisse sette lettere a diverse chiese, con le quali esortava i fratelli a servire Dio in unità con i vescovi e a consentirgli di immolarsi come vittima per Cristo.

Commemorazione di sant’ Osea, profeta, il quale, non tanto per le parole ma anche con la vita, indicò al popolo infedele d’ Israele il Signore, sposo sempre fedele e di infinita misericordia.

Memoria dei santi Rufo e Zosimo, martiri, che il beato Policarpo associò nel ricordo del martirio, scrivendo ai Filippesi: “Vollero essere resi partecipi della passione del Signore, né amarono la gloria di questo mondo, ma solo Colui che per loro e per tutti è morto e risorto”.

Nell’ Africa proconsolare, ricordo dei santi martiri Volitani, che furono celebrati da

sant’ Agostino in un suo discorso.

A Licopodi, in Egitto, san Giovanni, eremita. Fu insigne per il suo spirito profetico, oltre a possedere tante altre virtù.

In Aquitania, san Dulcido, vescovo, che difese la fede cattolica contro l’ empietà ariana.

Ad Orange, in Francia, san Fiorenzo, vescovo.

A Tolosa, in Francia, il natale del beato Gilberto, abate cistercense, di origine inglese; uomo di scienza sublime, difese l’ esule Tommaso Becket.

A Rinasco, in Lombardia, il beato Baldassarre Ravaschieri di Chiavari, sacerdote dell’ Ordine dei Minori.

A Wrexham, nel Galles, ricordo di san Riccardo Gwyn, martire, padre di famiglia e maestro di scuola, il quale abbracciò la fede cattolica e arrestato per aver convinto altri a compiere il medesimo passaggio, sempre saldo nella fede anche dopo numerose torture, venne impiccato e poi sventrato mentre ancora respirava.

A Roma, il beato Pietro della Natività della B.V.Maria Casani, sacerdote; mise a servizio dei piccoli le sue doti naturali e di grazia, lieto di servire Dio nei fanciulli.

A Paray-le-Monial, il transito di santa Maria Margherita Alacoque, vergine, la cui memoria si è celebrata ieri.

A Beauvais, in Francia, ricordo del beato Giacomo Burin, presbitero e martire, che al tempo della Rivoluzione Francese, mentre era intento con ogni cura ad espletare il suo ministero di pastore, all’ improvviso, fuggendo di casa in casa dalla masnada di assalitori, venne infine trafitto a morte, tenendo il calice fra le mani.

A Valence, in Francia, ricordo delle beate Maria Natalia di san Ludovico ( Maria Ludovica Giuseppa ) Vanot e quattro compagne, vergini dell’ Ordine delle Orsoline e martiri, che, infuriando la Rivoluzione Francese, condannate a morte in odio alla fede cattolica, salirono al patibolo intonando il “Miserere”.

Ad Huei, nell’ Annam, ricordo di sant’ Isidoro Gagelin, presbitero della Società Parigina per le Missioni Straniere e martire, che venne strangolato per Cristo sotto l’ imperatore

Minh Mang.

A Suna, Novara, presso il lago di Verbania, il beato Contardo Ferrini. Dedicò la sua vita di cristiano mettendo a disposizione la sua scienza per educare i giovani.

Presso Ciudad Real, in Spagna, ricordo del beato Fedele Fuidio Rodriguez, religioso della Società di Maria e martire, che, infuriando la persecuzione contro la fede, venne fucilato e migrò così al Signore.

A La Nucia, presso Alicante, in Spagna, il ricordo del beato Raimondo Stefano Bou Pascual, presbitero e martire, che, al tempo della medesima persecuzione, meritò di essere redento, quale fedele discepolo, col sangue di Cristo.

Ad Algemesì, presso Valencia, in Spagna, ricordo della beata Tarsilla Cordoba Belda, martire, madre di famiglia, che nel corso della stessa persecuzione trovò la pace nella gloria di Cristo.

Torna all’ inizio della pagina

18 Ottobre

San Luca Evangelista, che come è riferito, nacque ad Antiochia e faceva il medico. Convertito a Cristo e divenuto compagno carissimo di san Paolo Apostolo, ordinò diligentemente nel Vangelo ciò che Gesù fece e insegnò ed è chiamato lo scrittore della mansuetudine di Cristo. Negli Atti degli Apostoli narrò i primi anni della vita della Chiesa fino alla venuta a Roma di Paolo.

Ad Antiochia, sant’ Asclepìade, vescovo. Fu uno del famoso numero dei confessori della fede al tempo della persecuzione.

A Pozzuoli, in Campania, i santi martiri Procolo, diacono, Eutichio e Acuzio.

A Riom, in Aquitania, sant’ Amabile, sacerdote.

A Nassogne, in Austrasia, san Monone, martire, che si dice sia stato eremita nella selva delle Ardenne.

Ad Alcantara Estremadura, in Spagna, san Pietro di Alcantara, sacerdote dell’ Ordine dei Frati Minori; di vita austera e penitente, riformò la disciplina regolare nei conventi del suo Ordine in Spagna. Fu consigliere di santa Teresa di Gesù nella riforma dell’ Ordine Carmelitano.

Ad Ossernenon, in Canada, la passione di sant’ Isacco Jogues, presbitero della Società di Gesù e martire, che venne dapprima ridotto in schiavitù dagli indigeni, poi mutilato delle dita; infine ebbe il cranio spaccato da un colpo di scure. La sua memoria e quella dei suoi compagni si celebrano domani.

A Roma, san Paolo della Croce, la cui memoria si celebra domani.

Torna all’ inizio della pagina

19 Ottobre

Memoria dei santi martiri Giovanni de Brèbeuf, Isacco Jogues, presbiteri e compagni della Società di Gesù, nello stesso giorno nel quale san Giovanni de La Lande, religioso, venne assassinato dai pagani nel luogo chiamato Ossernenon, allora in territorio canadese, laddove in verità, pochi anni prima, anche san Renato Goupil aveva conseguito la palma del martirio. In questo giorno si venera anche la memoria dei loro confratelli, i santi Gabriele Lalemant, Antonio Daniel, Carlo Garnier e Natale Chabanel, che nella diocesi del Canada, in giorni diversi, dopo aver speso molta fatica nella missione evangelizzatrice presso gli Uroni, morirono martiri per annunciare Cristo al popolo di quelle terre.

San Paolo della Croce, sacerdote. Famoso fin da giovane per la penitenza, lo zelo e l’ amore a Cristo Crocifisso nel volto dei poveri e degli ammalati. Fondò la Congregazione dei Chierici Regolari della Croce e della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo. La sua morte avvenne a Roma nel giorno precedente.

Commemorazione di san Gliele, profeta, che annunciò il grande giorno del Signore e il mistero dell’ effusione del suo Spirito su ogni uomo, che nel giorno di Pentecoste la Divina Maestà perfezionò in Cristo.

A Roma, ricordo dei santi Tolomeo, Lucio e altri compagni, che, come narra san Giustino, dimostrarono pubblicamente di essere cristiani, per il rifiuto della scostumatezza e

dell’ ingiustizia nelle sentenze; vennero condannati a morte dal prefetto dell’ Urbe Lollo, sotto Antonino, il Pio.

Ad Ostia, nel Lazio, ricordo di sant’ Asterio, martire.

A Sens, in Francia, ricordo dei santi Sabiniano e Potenziano, che furono i primi pastori di questa città e portarono a termine la loro confessione di fede con il martirio.

In Egitto, ricordo di san Varo, soldato, che sotto l’ imperatore Massimiano, visitando e confortando i sei santi eremiti tenuti in carcere, ed essendo morto il settimo, ne volle prendere il posto in prigione; orribilmente torturato, meritò con i suoi compagni di conseguire la palma del martirio.

Ad Oleron, presso i Pirenei, in Francia, san Grato, vescovo, il quale, al tempo di Alarico, re ariano dei Goti, fu presente al Concilio di Agde per instaurare la Chiesa in questa regione della Francia.

In Britannia Minore, sant’ Etbino, monaco, che condusse una vita solitaria.

Nel territorio di Orlèans, in Francia, san Verano, vescovo, dotato di grandi virtù soprattutto nella cura degli ammalati.

Ad Evreux, in Francia, sant’ Aquilino, vescovo, il quale, come si racconta, essendo soldato, si dedicò alle opere buone e inoltre con il consenso della moglie, fece voto di continenza e fu eletto a questa sede.

Ad Oxford, in Inghilterra, santa Fridesvida, vergine. Di stirpe regale e fatta badessa, resse due cenobi; uno di monaci, l’ altro di monache.

A Biville, in Normandia, il beato Tommaso Helye, sacerdote, che trascorreva il giorno nel sacro ministero, la notte invece nella preghiera e nella penitenza.

A Londra, in Inghilterra, ricordo di san Filippo Howard, martire, conte di Arundel e padre di famiglia. Caduto in disgrazia durante il regno della regina Elisabetta, dopo aver abbracciato la fede cattolica, venne gettato in carcere e lì, dedito alla penitenza e alla preghiera, meritò di ricevere la corona del martirio, consunto dalle privazioni e dalle vessazioni.

A Nagasaki, in Giappone, ricordo dei santi Luca Alonso Gorda, presbitero e Matteo Kohioye, religioso, entrambi dell’ Ordine dei Frati Predicatori. Il Primo fu un intrepido nunzio del Vangelo, dapprima nelle Filippine, poi per un decennio in Giappone; l’ altro, ventiduenne, fu suo compagno nella diffusione e nella testimonianza della fede.

A Langeac, in Francia, la beata Agnese di Gesù Galand, vergine dell’ Ordine dei Predicatori.

Priora del cenobio, nutrì un ardente amore per Gesù Cristo, offrendogli continue preghiere.

Torna all’ inizio della pagina

20 Ottobre

Commemorazione di san Cornelio, centurione, che fu battezzato da san Pietro Apostolo a Cesarea in Palestina, primizia della Chiesa proveniente dai pagani.

Ad Agen, in Francia, san Capraio, martire.

Nella zona di Reims, san Sindolfo, eremita. Condusse una vita solitaria, noto solo a Dio.

A Salisburgo, in Baviera, san Vitale, vescovo; originario dell’ Irlanda, discepolo di san Ruperto, suo compagno di viaggio e suo imitatore nel lavoro e nelle veglie, da lui stesso eletto suo successore, convertì alla fede di Cristo il popolo di Pinzgau ( una valle presso Salisburgo ).

A Costantinopoli il ricordo di sant’ Andrea, detto “in Krisis” o “il Calibita”, monaco e martire, che, nato sull’ isola di Creta, sotto l’ imperatore Costantino Copronimo, venne sovente fustigato e infine condannato all’ estremo supplizio, per aver difeso il culto delle Sacre Immagini; venne fatto precipitare fra le immondizie dalle mura della città.

In Francia, a Troyes, sant’ Aderaldo, arcidiacono. Illustrò la regola canonica con gli ammonimenti e i suoi esempi, anche quando in Terra Santa era tenuto prigioniero dai Saraceni.

A Savigny, in Normandia, santa Adelina, prima badessa del monastero di Mortain, che costruì con l’ aiuto di san Vitale, suo fratello.

A Leopoli, in Russia, san Giacomo Strepa, vescovo di Halicz, dell’ Ordine dei Minori, illustre per la sua sollecitudine pastorale e per le sue virtù apostoliche.

A Tarvisio, in Italia, santa Maria Bertilla Boscardin, vergine della Congregazione delle Suore di santa Dorotea dei Sacri Cuori. In ospedale fu sollecita della salute corporale e spirituale degli ammalati.

A Vienna, in Austria, il beato Giacobbe Kern, sacerdote dell’ Ordine dei Premostratensi; ancora seminarista, fu coinvolto nella I Guerra Mondiale e fu ferito gravemente. In seguito si dedicò totalmente al ministero pastorale, che esercitò brevemente; infatti fu colpito da un male lungo e terribile che sopportò con fortezza d’ animo, affidandosi pacatamente alla volontà di Dio.

In Portogallo, santa Irene, vergine e martire.

Torna all’ inizio della pagina

21 Ottobre

A Nicomedia, in Bitinia, ricordo dei santi martiri Dasio, Zotico e Caio, che, servitori di Diocleziano, falsamente accusati dell’ incendio del palazzo, vennero condannati a morte e fatti precipitare in mare con pesanti macine legate al collo.

A Colonia, in Germania, ricordo delle sante vergini che portarono a termine la vita col martirio per Cristo, avvenuto laddove in seguito verrà edificata la basilica dedicata alla fanciulla Orsola, vergine innocente, sorta di modello del loro virtuoso comportamento.

Nell’ isola di Cipro, sant’ Ilarione, abate, il quale, seguendo gli esempi di sant’ Antonio, condusse prima una vita solitaria presso Gaza, poi in questa regione fu fondatore ed esempio di vita eremitica.

La commemorazione di san Malco, monaco. San Girolamo espose la sua illustre vita ascetica a Maronia, presso Antiochia.

A Bordeaux, in Francia, san Severino, vescovo, il quale ricevette con onore il vescovo

sant’ Amaldo, venuto dall’ oriente e lo volle come suo successore.

Presso Laon, in Francia, santa Cilìnia, madre dei santi vescovi Principio di Soissons e Remigio di Reims.

A Lione, in Francia, san Viatore, lettore, discepolo e ministro di san Giusto, vescovo di Lione; egli lo seguì in Egitto nella solitudine e nella morte.

Presso Treviri, in Austrasia, san Vendelino, eremita.

A Marsiglia, in Francia, san Mauronto, vescovo, che fu pure abate della chiesa di san Vittore.

A Cortona, in Toscana, il beato Pietro Cappucci, sacerdote dell’ Ordine dei Predicatori, il quale guidò se stesso alle cose celesti meditando sulla morte e con una fervente predicazione ammonì i fedeli perché non cadessero nella morte eterna.

A Seoul, in Corea, ricordo di san Pietro Yu Tae-ch’ol, martire, che, tredicenne, esortò in carcere i compagni di prigionia a sopportare i supplizi; portò a compimento il martirio per strangolamento, dopo aver patito numerose sofferenze.

Torna all’ inizio della pagina

22 Ottobre

Commemorazione di san Marco, vescovo di Gerusalemme, che fu il primo vescovo non giudeo a reggere la Chiesa della città santa, che lui riuscì a riunire in un momento in cui era dispersa per paura.

A Gerapoli, in Frigia, sant’ Abèrcio, vescovo, discepolo di Cristo Buon Pastore; si dice che abbia propagato la fede per diverse regioni e che sia nutrito di un cibo mistico.

Ad Adrianopoli, in Tracia, ricordo dei santi martiri Filippo, vescovo di Eraclea ed Ermete, diacono, dei quali il primo, iniziando la persecuzione di Diocleziano, ed essendogli stato ordinato di chiudere la chiesa  e di consegnare tutti i vasi e i libri e avendo risposto al governatore Basso che glieli richiedeva che non era lecito né a lui darli via, né a lui riceverli nelle sue mani, venne bruciato col suo diacono, dopo la prigionia e la fustigazione.

A Rouen, in Francia, san Mallone, vescovo, il quale, si dice, che in questa città abbia annunciato la fede e costituito la sede episcopale.

In Germania, san Valerio, diacono della chiesa di Langres, ucciso dai pagani.

A Javols, in Francia, san Lupenzio, abate della basilica di san Privato; accusato da Innocenzo, conta della città, dovette sostenere molte ingiurie. In seguito fu decapitato.

Ad Auch, in Aquitania, san Leotadio, vescovo.

A Berceto, in Lombardia, san Moderano, abate e un tempo vescovo di Rennes, in Francia.

E’ famoso per l’ amore alla solitudine e per l’ amore verso i luoghi dei santi.

Nel territorio della Britannia Minore, san Benedetto, che condusse vita eremitica.

A Huesca, in Spagna, ricordo delle sante Nunilone e Alodia, vergini e martiri, che, nate da un infedele ma istruite dalla madre nella dottrina cristiana, poiché si rifiutarono di abbandonare la fede in Cristo, dopo aver patito una lunga detenzione, per ordine del re Abd Ar-Rahman II, vennero uccise con la spada.

In Toscana, a Fiesole, san Donato Scoto, vescovo. Famoso per la scienza e la pietà, pellegrino dall’ Irlanda a Roma, per volere divino fu dato come pastore al popolo di questa città.

Torna all’ inizio della pagina

23 Ottobre

Nella nostra comunità di Marotta ricordiamo l’ anniversario della consacrazione della Chiesa Parrocchiale avvenuta il 22 Ottobre 2000.

San Giovanni da Capestrano, sacerdote dell’ Ordine dei Minori; rinvigorì la disciplina regolare e si adoperò per quasi tutta l’ Europa per confermare la fede e i costumi cattolici.

Incoraggiò il popolo dei fedeli con il fervore delle sue esortazioni e preghiere e si impegnò a difendere la libertà dei cristiani. Morì presso Ujlak, sulle rive del Danubio, in Ungheria.

A Cadice, in Spagna, ricordo dei santi Servando e Germano, martiri durante la persecuzione di Diocleziano.

Ad Antiochia, in Siria, ricordo di san Teodoreto, presbitero e martire che, come si narra, arrestato dall’ empio Giuliano, duce d’ Oriente, poiché resistette nel confessare Cristo, venne condotto al martirio.

A Colonia, in Germania, san Severino, vescovo, lodevole per tante virtù.

A Pavia, in Lombardia, ricordo di san Severino Beozio, martire che, illustre per la dottrina e gli scritti, rinchiuso in carcere, scrisse il trattato Sulla consolazione della filosofia, rimanendo fedele a Dio sino alla morte, inflittagli dal re Teodorico.

A Siracusa, in Sicilia, san Giovanni, vescovo, di cui san gregorio Magno loda i costumi, la giustizia, la sapienza, il pregevole consiglio e la cura delle cose della Chiesa.

A Rouen, in Francia, san Romano, vescovo. Distrusse i templi pagani, che ancora erano molto frequentati in città, cercando di promuovere il bene e di riprovare il male.

A Poitiers, in Francia, san Benedetto, sacerdote.

A Costantinopoli, sant’ Ignazio, vescovo. Fu mandato in esilio e dovette subire molte ingiurie da Barda Cesare per avergli rimproverato il ripudio della moglie, ma il papa san Nicola lo rimise nella sua sede. Morì in pace.

A Runsey, in Inghilterra, santa Efleda. Nel monastero fondato dal Padre Etelvoldo, si consacrò a Dio fin dall’ infanzia. Divenuta badessa, resse ottimamente il monastero fino alla vecchiaia.

A Campuliano, in Toscana, sant’ Allucio, pacificatore dei poveri, difensore dei pellegrini e liberatore degli schiavi.

A Mantova, in Lombardia, il beato Giovanni Buono, eremita; da giovane, lasciata la madre, esercitava l’ arte del lancio del giavellotto e dell’ attore, girando per varie parti d’ Italia. A circa 40 anni, ammalatosi gravemente, si votò al Signore, lasciando il mondo e si diede tutto a Cristo e alla Chiesa, con la penitenza e l’ amore. Fondò una Congregazione sotto la regola di sant’ Agostino.

A Milano, il beato Angelo Porro, sacerdote dell’ Ordine dei Servi di Maria. Priore del convento, tutti i giorni di festa stava sulla porta della chiesa o girava per i vicoli e raccoglieva i ragazzi per insegnare loro la dottrina cristiana.

A York, in Inghilterra, ricordo del beato Tommaso Thwing, presbitero e martire, che, falsamente incriminato, venne impiccato e poi sventrato atrocemente per ordine del re Carlo II, conseguendo così la palma del martirio.

A Valence, in Francia, ricordo delle Beate Maria Clotilde Angela di san Francesco Borgia

( Clotilde Giuseppa ) Paillot e cinque compagne, vergini e martiri che, consacrate a Dio, al tempo della Rivoluzione Francese, vennero condannate a morte in odio alla fede; davanti al popolo che le guardava, salirono devotamente al patibolo.

A Tho-Duc, in Annam, ricordo di san Paolo Tong Viet Buong, martire, che, soldato, morì per Cristo, sotto l’ imperatore Minh Mang.

A rems, in Francia, il beato Ernoldo Reche, fratello delle Scuole Cristiane. Sempre docile in tutto alla Spirito Santo, formò con impegni i giovani, sempre esercitando il suo ufficio di insegnante e pregando assiduamente.

A Ciudad Real, in Spagna, ricordo dei beati martiri Ildefonso Garcia e Giustino Cuesta, presbiteri ed Eufrasio de Celis, Onorino Carracedo, Tommaso Cuartero e Giuseppe Maria Cuartero, religiosi della Congregazione della Passione, che, infuriando la persecuzione contro la religione, vennero fucilati per Cristo e la Chiesa.

Ad El Saler, in Spagna, ricordo del beato Leonardo Olivera Buera, presbitero e martire, che al tempo della medesima persecuzione religiosa, emulando la passione di Cristo, meritò di conseguire il premio eterno.

Nella cittadella di Benimaclet, in Spagna, ricordo dei beati Ambrogio Leone ( Pietro ) Lorente Vicente, Fiorenzo Martino ( Alvaro ) Ibanez Lazaro ed Onorato ( Andrea ) Zorraquino Herrero, religiosi dei fratelli delle Scuole Cristiane e martiri, che sparsero il loro sangue per Cristo durante la stessa persecuzione.

Torna all’ inizio della pagina

24 Ottobre

Sant’ Antonio Maria Claret, vescovo; ordinato sacerdote, si dedicò per molti anni alla predicazione tra il popolo della Catalogna, regione della Spagna. Fondò la Società dei Missionari Figli del Cuore Immacolato della Beata Vergine Maria ( detti Claretiani ) e eletto vescovo di Santiago de Cuba, fu un ottimo presule, attento alle necessità del gregge. Ritornato in Spagna, dovette sopportare ancora molte sofferenze per la Chiesa e morì confinato in un monastero cistercense vicino a Narbonne, in Francia.

A Ierapoli, in Frigia, i santi martiri Ciriaco e Claudiano.

A Costantinopoli, san Proco, vescovo. Proclamò con fermezza la Beata Maria come vera Madre di Dio e riportò in città dall’ esilio, con una processione trionfale, il corpo di san Giovanni Crisostomo; per questo si meritò il titolo di “Grande” nel Concilio Ecumenico di

Calcedonia.

A Nagran, in Arabia, la passione di sant’ Areta, prefetto della città e 340 soci, uccisi al tempo dell’ imperatore Giustino, sotto la reggenza di Dhu Nuwas, re degli Omeriti.

Vicino a Tours, in Francia, san Senoco, sacerdote; costruì un monastero su antichi ruderi.

Fu assiduo nelle veglie, nella preghiera e rispettoso verso il personale di servizio.

Nel monastero di Vertou, in Francia, san Martino, diacono e abate; san Felice, vescovo di Nantes, lo inviò a convertire i pagani della regione.

In Germania, sant’ Evergislo, vescovo di Colonia e martire; in viaggio verso Poitiers per svolgere il servizio episcopale, fu catturato dai ladroni e morì a seguito di crudeli torture.

Nel Galles, san Maglorio, discepolo di sant’ Iltuto; secondo la leggenda, successe a san Sansone, vescovo di Dol e terminò i suoi giorni nell’ isola della Manica.

A Coutances, in Francia, san Fromundo, vescovo; fondò un monastero per monache ed esercitò il servizio pastorale secondo il cuore del Signore.

Ad Hanoi, in Vietnam, san Giuseppe Le Dang Thi, martire e capitano dell’ esercito; messo in carcere perché cristiano, tra le torture testimoniò la fede, dalla quale non si allontanò mai. Alla fine fu soffocato con la garrota, sotto l’ imperatore Tu Duc.

A Como, il beato Luigi Guanella, sacerdote;  fondò la Congregazione dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Provvidenza, per provvedere sia alle necessità dei poveri e degli afflitti, che alla cura della loro salute.

A Ronchi dei Legionari, in Italia, san Giuseppe Babbo, sacerdote; impegnato nella cura pastorale, fondò la Congregazione delle Piccole Figlie di san Giuseppe, per l’ assistenza ai vecchi e agli ammalati e per la formazione dei bambini e dei giovani.

Torna all’ inizio della pagina

25 Ottobre

A Roma, nel cimitero di Trasone, sulla via Salaria Nuova, i santi martiri Crisanto e Daria, che san Damaso papa ricorda lodandoli.

A Soisson, in Francia, i santi martiri Crispino e Crispiniano.

A Firenze, in Toscana, san Miniato, martire.

A Pèrigueuz, in Francia, san Frontone; si dice che sia stato il primo evangelizzatore di questa città.

A Costantinopoli, i santi martiri Martirio, suddiacono e Marciano, musico; furono uccisi dagli ariani sotto l’ imperatore Costanzo.

A Brescia, san Gaudenzio, vescovo; ordinato da sant’ Ambrogio, primo tra i presuli del suo tempo per dottrina e virtù, ammaestrò il suo popolo con la parola e con gli scritti e fece costruire una basilica, che volle chiamare “Assemblea dei Santi”.

A Mende, in Francia, sant’ Ilario, vescovo.

A Segovia, in Spagna, i santi frutto, Valentino ed Engrazia, i quali, fratelli, condussero vita eremitica su una rupe scoscesa. Valentino ed Engrazia furono poi uccisi dai Mori.

A Pecs, in Ungheria, san Mauro, vescovo; per quasi tutta la vita fu maestro di retorica, poi si fece monaco e divenne abate del monastero di san Martino.

A Vich, in Spagna, san Bernardo Calbò, vescovo; abbandonato l’ ufficio di giudice, prima fu eletto abate dei monaci cistercensi, poi elevato alla sede vescovile di Vich, promosse con vigore la retta dottrina.

Ad Ivrea, in Piemonte, il transito del beato Taddeo Machar, vescovo di Cork e di Clone, in Irlanda; essendogli negato l’ accesso nella diocesi e desiderando perorare la sua causa, si recò a Roma, ma morì durante il viaggio di ritorno.

A Nules, in Spagna, il beato Recaredo Centelles Abad, sacerdote dell’ Associazione dei Sacerdoti Operai Diocesani e martire; durante l’ infuriare della persecuzione contro la Chiesa, fu ucciso davanti al cimitero perché sacerdote.

Vicino a Valenza, sempre in Spagna, le beate Maria Teresa Ferragud Roig e le sue figlie Maria di Gesù ( Vincenza ), Maria Veronica ( Gioacchina ), Maria Felicita Masià Ferragud, vergini dell’ Ordine delle Clarisse Cappuccine e Giuseppa della Purificazione ( Raimonda )

Masià Ferragud, vergine dell’ Ordine delle Agostiniane Scalze, martiri, le quali, durante la stessa persecuzione, ricevettero la corona del martirio per l’ impavida testimonianza di Cristo.

Torna all’ inizio della pagina

26 Ottobre

A Nicomedia, in Bitinia, i santi martiri Luciano e Marciano; si dice che siano stati bruciati vivi al tempo dell’ imperatore Decio per ordine del proconsole Sabino.

A Cartagine, il ricordo di san Ragaziano, sacerdote; al tempo della persecuzione

dell’ imperatore Decio, san Cipriano gli affidò la guida della Chiesa di Cartagine e insieme con san Felicissimo dovette sopportare sofferenze e carcere per il nome di Cristo.

A Strasburgo, in Francia, sant’ Amando; si dice sia stato il primo vescovo di questa città.

A Narbonne, in Francia, san Rustico, vescovo; desideroso di rinunciare all’ episcopato e di ritirarsi in solitudine, incoraggiato da san Gregorio Magno a mantenere gli impegni assunti, rimase al suo posto e portò a termine con frutto la sua mansione.

In Germania, sant’ Attonio, vescovo.

A Lastingham, nel Northumberland, san Cedda; fratello di san Ceadda, da san Finano fu ordinato vescovo dei Sassoni Orientali e in mezzo a loro si adoperò per gettare le fondamenta della Chiesa.

Nel Northumberland, sant’ Eata, vescovo; uomo dolcissimo e semplicissimo, guidò molti monasteri e chiese, finchè da abate e vescovo si ritirò in solitudine per morire sotto

l’ obbedienza monastica.

A Metz, in Francia, san Sigebaldo, vescovo, fondatore di molti monasteri.

In Germania, la sepoltura di sant’ Albino, primo vescovo di Buraburg; inglese di nascita, fu scelto insieme con altri da san Bonifacio e mandato nell’ Assia per spargere in questa regione i semi della Parola di Dio.

In Scozia, san Beano, vescovo di Mortlach.

A Pavia, san Fulco, vescovo, scozzese, uomo pacifico, premuroso e caritatevole.

A Reggio Emilia, il beato Damiano Furcheri, sacerdote domenicano, famoso predicatore.

A Ravello, in Campania, il beato Bonaventura da Potenza, sacerdote dell’ Ordine dei Frati Minori Conventuali, eminente per obbedienza e carità.

Torna all’ inizio della pagina

27 Ottobre

A Roma, il papa sant’ Evaristo; quarto successore di san Pietro, guidò la Chiesa Romana al tempo dell’ imperatore Traiano.

Vicino a Smirne, in Asia, san Trasea, vescovo di Eugenia, in Siria, martire.

A Clermont, in Francia, san Namazio, vescovo; fece costruire la chiesa cattedrale.

A Napoli, in Campania, la sepoltura di san Gaudioso, vescovo; secondo la tradizione, per la persecuzione di Vandali fuggì dalla sua sede episcopale di Abitina in Africa, per rifugiarsi in Campania, dove terminò i suoi giorni in monastero.

In Scozia, sant’ Otturano, monaco; fu uno dei primi discepoli di san Colomba.

A Vicenza, nel Veneto, il ricordo del beato Bartolomeo di Breganze, vescovo domenicano; in questa città fondò una sorta di ordine militare per la difesa della fede cattolica e per la libertà della chiesa.

A Paterna, in Spagna, il beato Salvatore Mollar Ventura, religioso dei Frati Minori e martire; durante la persecuzione contro i cristiani, come discepolo fedele meritò di essere redento nel sangue di Cristo.

Torna all’ inizio della pagina

28 Ottobre

La festa dei santi apostoli Simone e Giuda, dei quali il primo era soprannominato “il Cananeo” o “lo Zelota”, l’ altro chiamato anche Taddeo, figlio di Giacomo; nell’ ultima cena chiese spiegazioni al Signore sulla sua manifestazione, il quale gli rispose: “ Se uno mi ama osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui”.

A Magonza, in Germania, san Ferruccio, martire; si congedò dall’ esercito per meglio servire Cristo e si dice sia stato ucciso per la fede.

Vicino a Como, in Lombardia, san Fedele, martire.

Ad Avila, in Spagna, i santi Martiri Vincenzo, Sabina e Cristeta; si rifugiarono in questa città, dove trovarono ugualmente una morte crudele.

In Francia, san Genesio; viene ricordato perché andò incontro al martirio vestito di bianco.

Ancora in Francia, san Salvio, vescovo, impegnato fin dalla gioventù nello studio della teologia e uomo di integrità di costumi.

A Meaux, in Francia, san Farone, vescovo; prima domestico del re, spinto da sua sorella santa Fara a seguire più da vicino il Signore, riuscì a persuadere sua moglie a prendere il velo monacale, per poter così anche lui diventare sacerdote e, eletto vescovo, donò le sue ricchezze alla Chiesa. Eresse parrocchie e fondò monasteri.

Ad Annecy, ancora in Francia, san Germano, abate.

A Fujian, in Cina, i santi martiri Francesco Serrano, vescovo e Gioacchino Royo, Giovanni

Alcober e Francesco Diaz del Rincon, sacerdoti domenicani; tutti furono uccisi per la stessa causa.

A Cha-Ra, in Vietnam, san Giovanni Dat, sacerdote e martire, decapitato per Cristo.

A Ejutla, in Messico, san Rodrico  Aguilar, sacerdote e martire; durante la persecuzione, appeso ad un albero dai soldati, portò a termine il martirio che tanto aveva desiderato.

Vicino a Valenza, in Spagna, il beato Salvatore Damiano Enguix Garès, padre di famiglia; fu ucciso per la fede durante la persecuzione.

A Gilet, ancora in Spagna, il beato Giuseppe Ruiz Bruitola, sacerdote e martire; durante la stessa persecuzione testimoniò con la morte la sua fede.

Torna all’ inizio della pagina

29 Ottobre

A Cartagine, san Feliciano, martire.

Il ricordo di san Narciso, vescovo di Gerusalemme, ammirevole per santità, pazienza e fede.

In perfetta sintonia con il papa san Vittore sul giorno della celebrazione della Pasqua cristiana, asserì che il mistero della Risurrezione del Signore non poteva che essere celebrato nel giorno di domenica e all’ età di 116 anni morì nella pace del Signore.

A Vercelli, sant’ Onorato, vescovo. Discepolo di sant’ Eusebio in monastero e compagno in prigionia, successe al maestro su questa sede episcopale, che guidò con saggezza, ed ebbe il grande privilegio di amministrare il viatico a sant’ Ambrogio, vescovo di Milano.

A Sidone, nella Fenicia, san Zenobio, sacerdote; durante la persecuzione dell’ imperatore Diocleziano, mentre esortava gli altri cristiani alla perseveranza, lui stesso conquistò la corona del martirio.

A Edessa, in Mesopotamia, sant’ Abramo, anacoreta; il diacono sant’ Efrem raccontò le sue gesta.

Ancora in Mesopotamia, san Giacomo, vescovo; nei suoi sermoni e nelle sue omelie rimase sempre fedele alla retta fede e insieme con sant’ Efrem è considerato dottore e colonna della chiesa di Siria.

A Vienne, in Francia, san Teodario, abate; discepolo di san Cesario di Arles, costruì le celle per i monaci e fu costituito dal suo vescovo “oratur ad Deum” e penitenziere maggiore per tutta la diocesi.

A Duac, in Irlanda, san Colmano, vescovo.

Vicino a Cambrai, in Francia, san Dodone, abate.

Torna all’ inizio della pagina

30 Ottobre

A Siracusa, in Sicilia, san Marciano; secondo la tradizione, fu il primo vescovo di questa città.

Il ricordo di san Serapione, vescovo di Antiochia; illustre per l’ insegnamento e la dottrina, ancor più per la fama della sua santità.

Ad Alessandria d’ Egitto, santa Eutropia, martire; fu uccisa barbaramente per non aver voluto rinnegare Cristo.

A Tangeri, in Marocco, san Marcello, centurione. Durante la festa per il genetliaco

dell’ imperatore, mentre tutti sacrificavano agli dei, gettò via le armi, le insegne e i gradi e professandosi cristiano, dichiarò conseguentemente di non poter più rispettare il giuramento militare, ma di obbedire soltanto a Cristo Signore; per questo portò a termine il martirio con la decapitazione.

A Leon, in Spagna, i santi martiri Claudio, Luperco e Vittorio; subirono il martirio per il nome di Cristo sotto l’ imperatore Diocleziano.

A Cuma, in Campania, san Massimo, martire.

A Capua, ancora in Campania, san Germano, vescovo; di lui parla san Gregorio Magno.

A Potenza, in Lucania, san Gerardo, vescovo.

A Cividale del Friuli, la beata Benvenuta Boiani, vergine, suora di penitenza di san Domenico; trascorse tutta la sua vita in preghiera e astinenza.

A Winchester, in Inghilterra, il beato Giovanni Slade, martire; fu impiccato e poi fatto a pezzi per non aver voluto riconoscere la supremazia del re sugli affari religiosi.

A Limerick, in Irlanda, il beato Terenzio Alberto O’ Brien, vescovo e martire; sacerdote domenicano, eletto vescovo, si impegnò con grande coraggio e zelo nella cura degli appestati, ma catturato perché sacerdote, in odio alla fede cattolica, fu condotto al patibolo dai soldati al tempo del re Oliver Cromwell.

Ad Acri, in Calabria, il beato Angelo da Acri, sacerdote cappuccino; percorse il lungo e in largo il territorio del Regno di Napoli, predicando la parola di Dio in modo semplice e appropriato agli illetterati.

Ad Angers, in Francia, il beato Giovanni Michele Langevin, sacerdote e martire; ucciso con la decapitazione a causa del sacerdozio, primo tra una schiera di quasi cento uomini e donne durante la Rivoluzione Francese, tutti insieme confessarono il nome di Cristo con coraggio e fino alle estreme conseguenze.

Vicino a Vienna, in Austria, la beata Maria Restituta ( Elena ) Kafka, vergine della Congregazione delle Suore Francescane della Carità Cristiana e martire; boema di nascita e infermiera, durante la II Guerra Mondiale fu fatta prigioniera dai nemici della fede e decapitata.

Nel Kazakistan, il beato Alessio Zaryckyj, sacerdote e martire; durante un regime ostile alla legge di Dio, deportato in un campo di concentramento, raggiunse la vita eterna per aver combattuto per le fede.

Torna all’ inizio della pagina

31 Ottobre

Ad Alessandria d’ Egitto, sant’ Epimachio Pelusiota, martire, il quale, secondo la leggenda, al tempo della persecuzione dell’ imperatore Decio, constatando che il prefetto costringeva i cristiani a sacrificare agli dei, tentò di distruggere l’ ara sacrificale; per questo fu catturato, torturato e in ultimo decapitato.

A Vermand, in Francia, san Quintino, martire; cittadino romano dell’ ordine senatorio, subì il martirio sotto l’ imperatore Massimiano.

A Fosses, in Belgio, san Follano, sacerdote e abate; irlandese di nascita, fratello e compagno di san Furseo, fedele alle consuetudini monastiche della sua terra, fondò a Celles e a Nivelles monasteri divisi in due, per uomini e donne. Fu ucciso da briganti mentre li andava a visitare.

A Milano, sant’ Antonino, vescovo; si impegnò soprattutto per estirpare l’ eresia ariana tra i Longobardi.

A Ratisbona, in Germania, san Volfango, vescovo; dopo aver insegnato teologia e indossato l’ abito monastico, eletto vescovo, riformò la disciplina ecclesiastica e morì durante una missione evangelizzatrice in Ungheria.

A Cahors, in Francia, il beato Cristoforo di Romagna, sacerdote dell’ Ordine dei Minori; mandato da san Francesco, morì centenario dopo aver bene operato per la salvezza delle anime.

A Rieti, nella Sabina, il beato Tommaso Bellaci da Firenze, religioso dell’ Ordine dei Minori; partito per annunciare il Vangelo in Terra Santa e in Etiopia, dovette sopportare il carcere e le torture da parte degli infedeli e ritornato in patria, terminò i suoi giorni quasi centenario.

In Irlanda, il beato Domenico Collins, religioso gesuita e martire; per lungo tempo tenuto in carcere, con insistenza sottoposto a interrogatorio e crudelmente torturato, testimoniò ugualmente con fermezza la sua fede e per questo fu condannato all’ impiccagione.

A Palma di Maiorca, sant’ Alfonso Rodriguez; perduti la moglie, i figli e i beni, accolto come religioso tra i gesuiti, svolse per molti anni la mansione di portinaio, ergendosi ad esempio di obbedienza e di umiltà.

A Piotrkòw Kujawski, in Polonia, il beato Leone Nowakowski, sacerdote e martire; durante l’ occupazione militare della Polonia, fu fucilato per aver difeso strenuamente la fede davanti a un regime nemico di Dio.

Torna all’ inizio della pagina  –  Seleziona un altro mese