Settembre

Martirologio Romano

Mese di Settembre

 

Clicca sul giorno desiderato

 

123456789101112131415

161718192021222324252627282930

 

Oppure clicca qui per selezionare un altro mese

 
1 Settembre Commemorazione di San Giosuè, figlio Nun , servo di Dio. Dopo che Mosè gli impose le mani fu pieno dello spirito di sapienza e dopo la morte di Mosè, introdusse in modo prodigioso il popolo di Israele, attraverso il giordano, nella terra promessa.

A Rems in Francia San Sisto , primo vescovo di questa città

A Capua sulla Via Aquaria, in Campania, ricordo di S. Prisco, martire

A Todi in Umbria S. Terenziano, vescovo

 Ad Aquae Augustae in Aquitania, ricordo di S. Vincenzo, vescovo e martire.

A Zurigo presso il fiume Reno, Santa Verena , vergine.

In Francia S. Vittorio, vescovo di cui parla S. Gregorio di Tours

Ad Aquino nel Lazio S. Costanzo, vescovo , di cui S. Gregorio Magno papa loda il dono della profezia.

Nella provincia di Narbòna, S. Egidio, dal cui  prende nome la città , che in seguito costruì nella valle Flaviana , ivi eresse un monastero e si dice in quel luogo abbia pure terminato il corso della sua vita.

A Sens in Francia,  S. Lupo, vescovo.Fu esiliato perché aveva apertamente affermato di fronte a un notabile uomo del luogo che  da sacerdote era opportuno occuparsi  del popolo e obbedire  a Dio più che ai principi.

A Venezia la Beata Giuliana di Collalto, abbadessa dell’Ordine di S. Benedetto.

A Firenze  la Beata Giovanna Sederini, vergine , del Terzo Ordine dei Servi di Maria. Eminente per la preghiera e l’austerità.

Presso Madrid in Spagna, ricordo dei Beati Cristino (Michele) Roca Huguet, presbitero, e undici compagni, martiri, che, tutti dell’Ordine di S. Giovanni di Dio, infuriando la guerra civile, furono uccisi in odio alla religione.

A Paterna presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Alfonso Sebastia Viñals, presbitero e martire, che, sovrintendente della scuola pubblica di Valencia, ricevette la corona gloriosa del martirio durante la persecuzione contro la fede.

A Barcellona in Spagna, ricordo dei Beati martiri Pietro Rivera, presbitero dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, Maria del Monte Carmelo Moreno Benitez e Maria del Rifugio Carbonell Muñoz, vergini dell’Istituto di Maria Ausiliatrice, che, durante la medesima persecuzione, conformandosi alla passione di Cristo loro sposo, ottennero il premio della vita eterna.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
2 SettembreA Nicomedia in Bitinia, ricordo di S. Zenone, martire.

A Nicea in Bitinia, passione di S. Teodota con i figli Evodio, Ermogène e Callisto

Ad Edessa in Mesopotamia, ricordo di S. Habib, diacono e martire, che, sotto Licinio imperatore, portò a compimento un nobile martirio, venendo gettato vivo nel fuoco per ordine del governatore Lisania.

Ad Apamea in Siria, ricordo di S. Antonino, martire, che, tagliapietre, per aver distrutto gli idoli dei pagani, fu ucciso a vent’anni di età dai pagani, a motivo dell’ardore della sua fede.

A Tarragona in Spagna San Prospero , vescovo.

A Lione in Francia San Giusto , vescovo. Avendo rinunciato all’episcopato dopo il concilio di Aquilea e andato in un eremo  Egitto con Viatore lettore, dove per alcuni anni visse insieme ai monaci umilmente. Il suo corpo da S.Viatore fu poi portato a Lione.

Sul monte Soratte vicino aRoma, S. Nonnoso abate.

A Autun in Francia San Siagrio, vescovo, il quale eccelse per  scienza e zelo nei concilii ai quali partecipò.

Ad Avignone in Francia S. Agricola vescovo, il quale dopo aver vissuto in monastero nell’isola di Lerens, aiutò S. Magno, padre suo, e a lui successe nell’episcopato.

Nelle Marche, S. Elpidio , che diede il nome alla città dove è sepolto il suo corpo.

A Pontida  i Santi Alberto e Vito, monaci, dei quali il primo alle armi e agli onori del mondo antepose il servizio a Cristo e nella sua città costruì un monastero dove introdusse la regola di Cluny, l’altro lo governò.

Sul Monte Carmelo in Palestina presso la fonte di Elia, il Beato  Brocardo , priore degli Eremiti , ai quali S. Alberto vescovo di Gerusalemme diede una regola di vita: che giorno e notte meditassero la legge del Signore e fossero vigilanti nella preghiera.

A Skanninge in Svezia     la Beata Ingrid. Divenuta vedova offrì tutti  tutti i suoi averi a di Dio, e dopo un pellegrinaggio in Terra Santa indossò l’abito delle monache dell’Ordine dei Predicatori

A Parigi in Francia, passione dei Beati Martiri Giovanni Maria du Lau d’Allemans, Francesco Giuseppe e Pietro Ludovico de la Rochefoucauld, vescovi, e novantatré compagni, chierici e religiosi, che, per aver rifiutato di prestare l’empio giuramento imposto ai religiosi durante la Rivoluzione Francese, vennero rinchiusi nel convento dei Carmelitani e assassinati in odio alla religione di Cristo

A Parigi in Francia, nel medesimo anno e giorno, ricordo dei Beati Pietro Giacomo Maria Vitalis, presbitero, e venti compagni, martiri, che furono uccisi nell’abbazia di Saint- Germain-des-Prés in odio alla Chiesa, durante la medesima persecuzione.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
3 SettembreMemoria di S. Gregorio Magno, Papa e Dottore della Chiesa. Iniziata la vita monastica fu mandato quale legato a Costantinopoli, e poi in questo giorno venne eletto alla sede romana .Trattò le cose terrene  e curò le cose sacre come servo dei servi. Fu un vero pastore nel governare la Chiesa, nell’ aiutare i poveri, nel promuovere la vita monastica e in particolare nel confermare e propagare ovunque la fede . Scrisse molto su argomenti di morale e pastorale. Morì il 12 marzo.

Commemorazione di Santa Febe, serva del Signore, fra i fedeli di Creta

A Nicomedia in Bitinia, ricordo di S. Basilissa, vergine e martire.

A Cordoba in Spagna, ricordo di S. Sandalio, martire

A Toul, in Francia, S. Mansueto, primo vescovo di questa città.

In Irlanda S. Macanisio , vescovo.

A Milano, S. Ausano vescovo.

Nel monastero di Stavelot in Germania , San Rimaclo, vescovo e abate, dopo Solignac fondò due monasteri di Malmedy e di Stavelot nella solitudine della foresta delle Ardenne.

Sull’isola di Lérins, in Provenza, ricordo di S. Aigulfo, abate, e dei monaci suoi compagni, che si tramanda subirono il martirio durante un’incursione dei Saraceni.

A Metz in Francia, ricordo di S. Crodegango, vescovo e martire

In Lombardia nel monastero di San Sepolcro d’Astino vicino a Bergamo il Beato Guala, vescovo di Brescia dell’Ordine dei Predicatori. Al tempo dell’imperatore Federico secondo fortemente e prudentemente operò per il bene della Chiesa e della società civile e dovette pure subire l’esilio.

A Nagasaki in Giappone, ricordo dei Beati Bartolomeo Gutierrez, presbitero dell’ordine degli Eremiti di S. Agostino e cinque compagni, martiri, che, in odio alla fede cristiana, furono dapprima immersi nell’acqua bollente e quindi bruciati vivi.

A Piacenza in Emilia la Beata Birgitta di Gesù Morello. Divenuta vedova si consacrò al Signore con la penitenza e fece opere di carità . Per educare cristianamente le fanciulle fondò la Congregazione delle Suore Orsoline di Maria Immacolata.

A Parigi in Francia, passione dei Beati Andrea Abel Alricy, presbitero, e settantuno compagni, martiri, tra cui numerosi presbiteri, che, dopo la strage del giorno precedente, furono rinchiusi nel Seminario di S. Firmino e assassinati in odio alla Chiesa .

A Parigi in Francia, nel medesimo giorno del medesimo anno, ricordo dei Beati martiri Giovanni Battista Bottex, Michele Maria Francesco de la Gardette e Francesco Giacinto le Livec de Tresurin, che durante la medesima persecuzione diedero la vita per Cristo nella prigione denominata “La Force”.

A Seul in Corea, passione dei Santi Giovanni Pak Hu-jae e cinque compagni, martiri, che, infuriando la persecuzione, condotti dinanzi al tribunale criminale in quanto cristiani, sopportarono numerosi tormenti per la loro fede, prima di venire decapitati.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
4 SettembreCommemorazione di S. Mosè, profeta, che Dio scelse per liberare il popolo dall’Egitto e condurlo nella terra promessa. A lui Dio si rivelò al monte Sinai dicendo :”IO SONO COLUI CHE SONO. Gli consegnò pure la legge che doveva governare il popolo eletto. Quel servo di Dio carico di anni morì sul Monte Nebo davanti alla terra promessa.

A Chalon-sur-Saône, in Francia, ricordo di S. Marcello, martire.

Sul monte Titano presso Rimini  San Marino , diacono e anacoreta. Si tramanda che abbia condotto la gente ancora pagana alla luce del Vangelo e alla libertà di Cristo.

A Roma nel cimitero di Massimo sulla via Salaria, S. Bonifacio I, papa, il quale riusci e risolvere molte controversie sulla disciplina ecclesiastica.

A  Chartres in Francia S. Caletrico, vescovo.

Ad Herzfeld in Sassonia, Santa Ida, vedova del comandante Ecberto, di grande carità verso i poveri e assidua . nell’orazione.

A Mimatis in Aquitania, ricordo di S. Fredaldo, vescovo e martire.

A Colonia in Germania Santa Irmengarda, contessa di Suchteln, impiego i suoi aver per costruire chiese.

A Palermo in Sicilia S. Rosalia, vergine, che si dice abbia condotto vita solitaria sul monte Pellegrino.

A Carmagnola, la Beata Caterina Mattei, vergine, suora della Penitenza di S. Domenico. Sopportò con grande carità e virtù una lunga malattia, le calunnie degli uomini e  tante tentazioni.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Scipione Gerolamo Brigeat de Lambert, presbitero e martire, che, canonico di Avranches, durante la persecuzione scatenatasi con la Rivoluzione Francese, imprigionato sulla galera perché sacerdote, morì consumato dalla fame e dagli stenti subiti.

Nella città di Sillery Quebec in Canada, la Beata Maria di S. Cecilia Romana Bélanger, vergine della Congregazione delle Religiose di Gesù e Maria, sopportò non per pochi anni una grave malattia confidando solo in Dio.

  A Oropesa sulla costa della Spagna, ricordo del B. Giuseppe Pasquale Carda Saporta, presbitero della Confraternita dei preti operai diocesani e martire, che, infuriando la persecuzione contro la fede, venne condotto a un glorioso martirio, in odio alla religione cristiana che professava.

Nel villaggio di Teulada, presso Alicante in Spagna, ricordo del B. Francesco Sendra Ivars, presbitero e martire, che, durante la medesima persecuzione contro la fede, patì anch’egli il martirio.

B. Bernardo (Giuseppe) Bieda Grau , religioso dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini e martire, che, durante la medesima persecuzione, condusse egregiamente la buona battaglia per Cristo.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
5 SettembreA Porto Romano, ricordo dei Santi Aconto, Nonno, Ercolano e Taurino, martiri

A Capua in Campania, ricordo di S. Quinto, martire.

A Nicomedia in Bitinia, ricordo dei Santi Urbano, Teodoro, Menedemo e compagni, sia chierici che laici, che, per ordine dell’imperatore Valente, furono rinchiusi su un battello che fu poi dato alle fiamme, a motivo della loro fede cattolica.

In Flandria, San Bertino ,abate di Sithin. Morì nel monastero che aveva fondato con S. Mummolino e che venne chiamato con il suo nome.

A Tortona  Sant’Alberto, si dice sia stato il  fondatore e il primo abate del monastero di Budrio

In Dalmazia il Beato Giovanni Bono di Siponto, abate che edificò il monastero di S. Michele in riva al mare in Dalmazia, davanti al Monte Gargano.

A in Inghilterra, ricordo del B. Guglielmo Browne, martire, che, sotto re Giacomo I, venne condannato a morte per aver convinto altre persone ad aderire alla fede cattolica: per questo venne impiccato e poi sventrato.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Fiorenzo Dumontet de Cardaillac, presbitero e martire, che, condannato al tempo della Rivoluzione Francese perché sacerdote, portò a termine il suo martirio colpito da malattia, mentre assisteva con grande carità i suoi compagni di prigionia ammalati.

A Ninh Tai nel Tonchino, ricordo dei Santi martiri Pietro Nguyen Van Tu, presbitero dell’Ordine dei Frati Predicatori e Giuseppe Hoàng Luong Canh, medico, che furono decapitati in odio al nome di Cristo.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
6 SettembreCommemorazione di San Zaccaria Profeta, che predisse il ritorno nelle terra promessa del popolo in esilio e annunciò l’arrivo di un re pacifico, che Cristo Signore mirabilmente ha compiuto nel suo trionfale ingresso nella città Santa di Gerusalemme

La commemorazione di S. Onesìforo, che ad Efeso spesso diede sollievo  al B. Paolo Apostolo e non si vergognò delle sue catene . Andato a Roma lo cercò e sollecitamente lo trovò.

Memoria dei Santi Donaziano, Presidio, Mansueto, Germano, Foscolo e Lieto, vescovi in Africa, che, durante la persecuzione dei Vandali, per ordine del re ariano Hunnerico, poiché avevano ribadito la verità cattolica, furono frustati selvaggiamente e quindi esiliati; tra costoro Lieto, vescovo di Nefta in Byzacena, uomo dottissimo e indomito, che morì bruciato dopo un lungo periodo di dura prigionia.

A Spoleto S. Eleuterio , abate, che S. Gregorio Magno papa loda per la sua semplicità e  per il dolore dei peccati

A Laon in Francia San Cagnoaldo, vescovo, discepolo di San Colombano, che  nell’eremo presso Breghenz  fu l’unico suo superiore.

Presso il litorale di St.Bee’s Head in Inghilterra, paese chiamato con il suo nome , Santa  Bega, monaca.

Nel monastero di Fussen in Baviera, San Magno , abate.

Nel monastero Cistercense di Bouchet in Provenza, commemorazione del Beato Bertrando di Garrigue, sacerdote e uno dei  primi discepoli di S. Domenico, cercò sempre di imitare l’esempio del maestro.

A S. Ginesio nelle Marche il Beato Liberato di Lauro, sacerdote dell’Ordine dei Minori, mirabile nell’austerità di vita e nella assidua contemplazione delle cose divine.

A Gata de Gorgos, presso Alicante in Spagna, ricordo del B. Didaco Llorca Llopis, presbitero e martire, che, durante la persecuzione contro la Chiesa, fu coronato dal martirio per aver testimoniato Cristo.

A Carcaixent presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Pasquale Torres Lloret, martire, che, padre di famiglia, portando la croce di Cristo, meritò di pervenire al premio celeste.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
7 SettembreAd Alise-Sainte-Reine in Borgogna, in Francia, ricordo di S. Regina, martire.

  A Pompeiopoli in Cilicia, ricordo di S. Sozonte, martire.

A Benevento in Campania, ricordo dei Santi martiri Festo, diacono, e Desiderio, lettore.

Ad Orléans in Francia  S. Evorzio vescovo.

Ad Aosta, S.Grato, vescovo.

A Brolio presso  Troyes, in Francia, S. Nemorio e compagni, martiri, che si dice siano stati uccisi da Attila, re degli Unni.

In Francia S. Albino , vescovo che fu discepolo di S. Lupo.

Nel territorio di Parigi, S. Clodoàldo, prete , di origine regia, dopo che furono uccisi il padre e i fratelli, fu accolto dalla nonna S. Clotilda e poi lasciato il regno terreno si fece chierico.

Ad Albia in Francia , Santa Carissima , vergine  reclusa.

A Mobeuge in Francia ,Santa  Madelberta, abbadessa, che succedette  alla sorella Aldetrude.

Nelle Fiandre, la commemorazione di  S. Ilduardo, vescovo.

A Toul in Francia San Gozzelino, vescovo , che favorì la disciplina monastica.

A Gubbio in Umbria  San Giovanni  da Lodi, vescovo ,che fu compagno di San Pier Damiani nelle sue legazioni.

A Kosice in Slovacchia, sui Monti Carpazi, ricordo dei Santi martiri Marco Crisino, presbitero di Esztergom, Stefano Pongracz e Melchiorre Grodziecki, presbiteri della Società di Gesù, i quali né la fame, né la tortura della ruota o quella del fuoco poterono indurre ad abiurare la fede cattolica.

A Nagasaki in Giappone, ricordo dei Beati martiri Tommaso Tsuji, presbitero della Società di Gesù, Ludovico Maki e suo figlio Giovanni, che furono condannati ad essere bruciati in odio alla fede cristiana.

A Londra in Inghilterra, ricordo dei Beati Rodolfo Corby, della Società di Gesù, e Giovanni Duckett, presbiteri e martiri, che, condannati a morte sotto re Carlo I per essere entrati in Inghilterra come sacerdoti cattolici, vennero impiccati a Tyburn, conseguendo così la palma celeste.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del Beati Claudio Barnaba Laurent de Mascloux e Francesco d’Oudinot de la Boissiere, presbiteri e martiri, che, al tempo della Rivoluzione Francese, arrestati perché sacerdoti e rinchiusi in una galera, morirono per Cristo stremati dalla fame e dalla malattia.

Sull’isola di Woodlark, in Oceania, ricordo del B. Giovanni Battista Mazzucconi, presbitero dell’Istituto Milanese per le Missioni Estere e martire, che, dopo aver trascorso due anni annunciando il Vangelo, oramai stremato dalle febbri e dalle ferite, fu ucciso con un colpo d’ascia in odio alla fede.
 

Torna all’ inizio della pagina

 
 
8 SettembreFesta della  Natività della B.V. Maria, nata dalla discendenza di Abramo , della tribù di Giuda della stirpe del re Davide, dalla quale è nato il Figlio di Dio e si è fatto uomo per poera dello Spirito Santo, per salvare gli uomini schiavi dell’antico peccato.

A Roma, ricordo di S. Adriano, martire, che patì il martirio a Nicomedia in Bitinia, e in onore del quale papa Onorio I convertì in chiesa la curia del Senato Romano.

Ad Alessandria d’Egitto, ricordo dei Santi Fausto, Divo e Ammonio, presbiteri e martiri, che, durante la persecuzione di Diocleziano, ricevettero la corona del martirio assieme a S. Pietro Vescovo.

A Bagrevand in Armenia S. Isacco ,vescovo. Per favorire la vita cristiana del popolo tradusse la Sacra scrittura e la Liturgia nelle lingua armena, aderì alla fede professata nel Concilio di Efeso, ma fu cacciato dalla sua sede e morì in esilio.

A Roma presso S. Pietro San Sergio I, papa, di origine siriana, si dedico alla evangelizzazione dei Sassoni e dei Frisoni e riuscì a comporre molte liti e controversie, scegliendo di morire piuttosto che approvare gli errori.

A Frisinga  in Germania, San Corbiniano. Ordinato vescovo fu mandato a predicare il Vangelo in Baviera, raccogliendo abbondanti frutti.

A Pebrac nell’Alta Loira in Francia San Pietro di Chavanon, sacerdote. Aspirando a una vira più perfetta si ritirò in un luogo dove edificò un cenobio di canonici Regolari, di cui fu il primo superiore.

A Pesaro la Beata Serafina Sforza, che nella vita coniugale dovette affrontare molte avversità. Divenuta vedova, trascorse il resto dei suoi anni seguendo umilmente la regola di S. Chiara.

A Valenza in Spagna San Tommaso da Villanova, vescovo. Da eremita sotto la regola di S. Agostino, per obbedienza fu fatto vescovo. Fra le varie virtù praticate nell’episcopato eccelse per l’amore ai poveri fino al punto di dare tutto per i bisognosi, non lasciando per lui neppure un  piccolo letto.

A Durham in Inghilterra, ricordo dei Beati Tommaso Palaser, presbitero, Giovanni Norton e Giovanni Talbot, che , condannati a morte sotto Elisabetta I, il primo per essere entrato, da sacerdote, in Inghilterra, gli altri per avergli offerto aiuto, patirono il tormento del patibolo.

 A Cartagine Nova, , il natale di S. Pietro Claver, sacerdote la cui memoria si celebra domani

  A Nagasaki in Giappone, ricordo dei Beati Antonio di S. Bonaventura, dell’Ordine dei Frati Minori, Domenico Castellet, dell’Ordine dei Frati Predicatori, presbiteri, e venti compagni, martiri, tra i quali alcuni laici e numerosi bambini, che subirono tutti il martirio per Cristo, chi per spada e chi con il fuoco.

A Marsiglia in Francia, il Beato Federico Ozanam, uomo di cultura e pietà, difese e propagò con la sua alta dottrina le verità della fede. Nella Società da poco fondata da S. Vincenzo De Paoli esercitò con continuità la carità con verso i poveri ed esemplare padre di famiglia , fede della sua casa la chiesa domestica.

Ad Almeria sulla costa della Spagna, ricordo dei Beati Giuseppe Cecilio (Bonifacio) Rodriguez Gonzalez, Teodomiro Gioacchino (Adriano) Sainz Sainz ed Evenzio Riccardo (Eusebio Alfonso) Urjurra, martiri, che, Fratelli delle Scuole Cristiane, colsero la palma del martirio durante la guerra civile, a causa della persecuzione contro la religione.

Ad Alcoy presso Alicante, in Spagna, ricordo del B. Marino Blanes Giner, martire, che, padre di famiglia, al tempo della medesima persecuzione, ottenne la morte dagli uomini, ma la vita eterna da Dio.

A Paterna presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Ismaele Escrihuela Esteve, martire, che, padre di famiglia, fu reso partecipe della vittoria di Cristo attraverso il martirio.

A Villa Reale degli Infanti presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Pasquale Fortuño Almela, presbitero dell’Ordine dei Frati Minori e martire, che fu coronato dal martirio per aver testimoniato Cristo.

A Buñol presso Valencia, in Spagna, ricordo delle Beate Giuseppina di S. Giovanni Ruano Garcia e Maria Addolorata di S. Eulalia Puig Bonany, vergini della Congregazione delle Sorelle del Rifugio degli Abbandonati, martiri, che ricevettero durante la stessa persecuzione contro la fede la corona gloriosa, per aver sparso il loro sangue per Cristo.

Nel campo di prigionia di Dachau, presso Monaco di Baviera in Germania, ricordo del B. Adamo Bargielski, presbitero e martire, che, in tempo di guerra, si consegnò spontaneamente ai nemici della fede al posto del suo parroco, e migrò al cielo vittorioso dopo aver sopportato un aspro martirio.

A Numidicum presso Gross-Rosen in Germania, ricordo del B. Ladislao Bladzinski, presbitero della Congregazione di S. Michele e martire, che, durante la medesima persecuzione, fu deportato dai nemici della fede nel campo di sterminio dove fu assassinato.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
9 Settembre

San Pietro Claver, sacerdote gesuita. Visse per più  di 40 anni  A Cartagine Nova in Columbia esprimendo tutta la sua carità  e abnegazione nel servizio ai negri schiavi, più di trecento di loro li rigenerò in Cristo con il battesimo amministrato di sua mano.

A Roma, nel cimitero detto “ai due allori”, sulla Via Labicana, ricordo di S. Gorgonio, martire.

Nelle terre dei Sabini, al trentesimo miglio dalla città di Roma, ricordo di S. Giacinto, martire.

Nel monastero di Clogher, in Irlanda, S. Querano, prete e abate, fondatore del monastero.

In Spagna Santa Turibia , chiamata Maria del Capo, moglie di S. Isidoro agricoltore, visse umilmente  e laboriosamente.

A York in Inghilterra, ricordo del B. Giorgio Douglas, presbitero e martire, che, nato in Scozia, divenuto sacerdote a Parigi, migrò al cielo vittorioso attraverso la prova del patibolo, condannato sotto Elisabetta I per avere persuaso altri ad abbracciare la fede cattolica.
A Porto Ludovico nelle isole Mauritius nell’Oceano Indiano il Beato Giacomo Desiderato Laval, sacerdote. Trascorsi alcuni anni nell’esercizio dell’arte medica, si fece missionario nella Congregazione di  Santo Spirito.Condusse molti schiavi negri liberati alla libertà dei figli di Dio.

 Presso il castello di Loyola, il Beato Francesco Garate Aranguren, religioso della Compagnia di Gesù, esercitò l’ufficio di portiere per 42 due anni con cristiana umiltà

Torna all’ inizio della pagina

 
 
10 SettembreAd Alessandria d’Egitto, ricordo di S. Nemesio, martire, che, dapprima denunciato calunniosamente al magistrato come ladro e assolto da quel crimine, fu poi accusato, durante la persecuzione dell’imperatore Decio, come cristiano davanti al giudice Emiliano, fu da quest’ultimo condannato ad essere torturato e quindi bruciato in compagnia di ladri, analogamente al Salvatore, che fu appeso alla croce assieme ai due ladroni.

Commemorazione dei Santi Nemesianoe compagni, Felice, Lucio, un altro Felice, Littéo, Poliano, Vittore, Giadéro, Dativo,  vescovi, sacerdoti e diaconi, i quali, in Africa, sotto Valeriano e Gallieno imperatori, infuriando la persecuzione, prima furono per Cristo bastonati poi messi nei ceppi e condannati a cavar metalli. Con lettere furono esortati da San Cipriano a sostenere con forza le catene e a conservare i comandi del Signore.

 In Francia  S. Emiliano, vescovo.

A Costantinopoli, Santa Pulcheria, la quale difese e promosse la retta fede .

A Novara, S. Agapio vescovo.

Ad Albi, in Francia, S. Salvio, vescovo. Da monaco venne eletto vescovo in questa sede non per suo volere. Durante una pestilenza, quale buon pastore,  mai volle abbandonare la città

A Speyer in Renania, passione di S. Teodardo, vescovo di Tongres e martire, che fu ucciso mentre si recava dal re di Austrasia Childerico.

Ad Avranches, in Francia, San Autberto, vescovo, per sua iniziativa si sviluppò il culto di S. Michele Arcangelo sul monte Tumba

Presso Vercelli nel monastero di Lucedio  il Beato Oglerio, abate dell’ordine dei Cistercensi.

A Tolentino, nel Piceno, S. Nicola,  sacerdote dell’Ordine degli Eremiti di S. Agostino, uomo di grande preghiera e penitenza, severo con se stesso ma clemente verso le altre persone, spesso faceva lui la penitenza per gli altri.

A Nagasaki in Giappone, ricordo dei Beati Sebastiano Kimura, della Società di Gesù, Francesco Morales, dell’Ordine dei Frati Predicatori, presbiteri, e cinquanta compagni, martiri, che, presbiteri, religiosi, coniugi, giovani, catechisti, vedove ed infanti, morirono per Cristo in cima ad una collina dinanzi ad una grande folla, tra terribili sofferenze.

A Londra in Inghilterra, ricordo di S. Ambrogio Edoardo Barlow, presbitero dell’Ordine di S. Benedetto e martire, che per ventiquattro anni confermò nella fede e nella pietà i cattolici nella terra di Lancaster, e, arrestato mentre predicava nel giorno di Pasqua, fu condannato a morte sotto re Carlo I perché sacerdote cattolico, venendo impiccato a Tyburn.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Giacomo Gagnot, presbitero dell’Ordine Carmelitano e martire, che, al tempo della Rivoluzione Francese, fu rinchiuso perché sacerdote in una sordida galera, dove perì a sua volta consunto dalla malattia, mentre confortava i compagni di prigionia ammalati.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
11 SettembreA Roma nel cimitero di Basilla sulla Via Salaria Antica, deposizione dei Santi martiri Proto e Giacinto, a cui papa S. Damaso, in occasione della loro tumulazione, dedicò un epitaffio. In questo luogo, dopo più di quindici secoli, si ritrovarono il sepolcro intatto di S. Giacinto ed il suo corpo bruciato.    –         A Zurigo in Svizzera, ricordo dei Santi. martiri Felice e Regola

. Commemorazione di San Pafnuzio vescovo in Egitto. Fu uno di quei confessori della fede che sotto Galerio Massimino imperatore, gli fu cavato l’occhio destro e tagliati i nervi sotto il ginocchio sinistro, e  condannati alle miniere. Partecipò al concilio di Nicea e combatte strenuamente contro gli ariani per la fede cattolica 

A Lione, in Francia, S. Paziente vescovo, spinto dalla carità distribuì  gratuitamente alle città presso il Rodano il frumento  per aiutare il popolo oppresso dalla fame e inoltre curò la conversione degli eretici e si interesso dei poveri.

A Parigi in Francia San Sacerdote, vescovo di Lione. Visse nell’amore e nel timore di Dio e morì mentre si trovava in questa città per il concilio.

Nell’isola di Bardsey  nel Gallese San Daniele, vescovo e abate di Bangor

A Vercelli in Piemonte San Emiliano vescovo

Nel monastero di Luxeuil in Francia, S. Adelfio abate del monastero di Remiremont, il quale per un piccolo contrasto pianse per lungo tempo molte lacrime.

A Toul  in Francia  San Leudino o Bodone, vescovo. Prima si sposò, poi abbracciò la vita monastica come fece ugualmente la moglie Odila .

Nel Monastero di Aulinas in Calabria San Elia detto Speleota, grande cultore della vita eremitica e cenobitica.

A Nagasaki in Giappone, ricordo dei Beati Gaspare Koteda, catechista, Francesco Takeya e Pietro Shichiemon, fanciulli, martiri, che, avendo subito il giorno precedente il martirio i loro genitori, patirono essi stessi per Cristo il supplizio della decapitazione, il medesimo giorno e con la medesima forza d’animo.

A Roma il B. Bonaventura da Barcellona Gran, fratello dell’Ordine dei Frati Minori, religioso di grande osservanza, nel territorio di Roma  fondò molti  luoghi per ritiri, manifestando sempre e ovunque la sua austerità di vita e la carità verso i poveri.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Francesco Mayaudon, presbitero e martire, che, durante la Rivoluzione Francese, fu rinchiuso perché sacerdote in una sordida galera, dove infine perì stremato da malattia.

Ad Uciam nello Hubei cinese, ricordo di S. Giovanni Gabriele Perboyre, presbitero della Congregazione per le Missioni e martire, che aveva annunciato il Vangelo con rispetto e attenzione alle consuetudini locali, ma che infine, scatenatasi la persecuzione, fu incarcerato a lungo, torturato, crocifisso e quindi strangolato

 A Barcellona in Spagna, ricordo del B. Pietro de Alcantara (Lorenzo) Villanueva Larrayoz, religioso dell’Ordine di S. Giovanni di Dio e martire, che, infuriando la persecuzione contro la fede, patì il martirio perché religioso.

A Genoves presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Giuseppe Maria Segura Penades, presbitero e martire, che sparse il suo sangue per Cristo durante la medesima persecuzione.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
12 Settembre

Santissimo Nome della B.V.Maria. In questo giorno viene rievocato l’ineffabile amore della Madre di Dio verso il Figlio santissimo e viene posta avanti gli occhi dei fedeli la figura della Madre del Redentore per essere piamente invocata.

  In Bitinia, ricordo di S. Autonomo, vescovo e martire.

Ad Alessandria d’Egitto, ricordo dei Santi Cronide, Leonzio e Serapione, martiri, che, come si narra, furono annegati in mare per essersi confessati cristiani sotto l’imperatore Massimino.

A Emly in Irlanda S. Ailbeo, vescovo , che predidò il Vangelo in molti luoghi.

Ad Anderlecht in Brabante    San  Guido, che  abitò nella Chiesa di S. Maria  a Laeken, Fu molto generoso verso i poveri e peregrinò ai luoghi saanti per sette anni e infine morì dopo essere ritornato nelle sua terra.

Ad Omura in Giappone, ricordo dei Beati Apollinare Franco, dell’Ordine dei Frati Minori, e Tommaso Zumarraga, dell’Ordine dei Frati Predicatori, presbiteri, e quattro compagni, martiri, che, in odio alla fede cristiana, furono dapprima incarcerati e quindi bruciati vivi.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Pietro Sulpizio Cristoforo Faverge, frate delle Scuole Cristiane e martire, che, incarcerato in quanto religioso durante la Rivoluzione Francese, si prodigò a curare i compagni di prigionia, prima di cadere vittima anch’egli del morbo letale, morendo devotamente.

A Seul in Corea, ricordo di S. Francesco Ch’oe Kyong-hwan, martire, che, catechista, condotto di fronte al governatore non volle abiurare la fede cristiana: incarcerato, senza mai astenersi dalla preghiera e dall’opera di catechesi, compì quindi il suo martirio tra mille tormenti.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
13 Settembre

Memoria di S. Giovanni Crisostomo, vescovo di Costantinopolo e dottore della Chiesa, nato ad Antiochia e iniziato al sacerdozio per la sua eloquenza d’oro fu soprannominato Crisostomo. Eletto alla sede  costantinopolitana, fu ottimo pastore e grande maestro di fede. Mandato in esilio dai suoi nemici, essendo stato richiamato per decreto del papaInnocenzo primo, nel viaggio di ritorno , molto maltrattato dai soldati che lo custodivano, morì il 14 settembre presso Comana nel Ponto

Ad Ancira in Galazia, ricordo di S. Giuliano, presbitero e martire sotto l’imperatore Licinio.

A Gerusalemme la dedicazione delle basiliche, che Costantino volle edificare sopra il monte calvario e il sepolcro del Signore

A Tour in Francia San Litorio, vescovo . che costruì per primo una chiesa entro le mura della città, dove già prima erano presenti i cristiani.

A Cartagine, ricordo di S. Marcellino, martire, che, tribuno, intimo di S. Agostino e di S. Gerolamo, per aver difeso la fede cattolica fu ucciso innocente dagli eretici donatisti.

Ad Angers, in Francia, S. Maurilio vescovo, nato a Milano si recò da S. Martino di Tour, dal quale venne ordinato sacerdote e venne messo a capo della chiesa del borgo della Colonna, in seguito venne eletto vescovo e cercò di debellare le superstizioni dei pagani della campagna.

A Sens in Francia, S. Amato,sacerdote e abate , celebre per l’amore  all’austerità , al digiuno e alla solitudine. Resse con saggezza il monastero di Habendum che aveva fondato con San Romarico.

Nell’isola Palmaria, S. Venerio eremita.

A Breuil  In Francia S. Amato , vescovo di Sens. Per ordine del re Teodorico terzo, fu mandato in esilio e ivi morì.

A Toledo, la Beata Maria di Gesù Lopez de Rivas,vergine  carmelitana.  Comunicò sia nell’animo che nel corpo con i dolori della passione di Gesù, sempre umile  e sopportando tutto .

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Claudio Dumonet, presbitero e martire, che, maestro delle arti, fu rinchiuso durante la persecuzione contro la religione in una squallida galera, dove morì per Cristo, sfinito dalla febbre e dalle condizioni disumane di prigionia.

Ad Almeria in Spagna, ricordo del B. Aurelio Maria (Benvenuto) Villalon Acebron, fratello delle Scuole Cristiane e martire, ucciso in odio alla Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
14 Settembre

Festa dell’Esaltazione della S. Croce, che,  il giorno dopo la dedicazione della basilica della Resurrezione, eretta sopra il sepolcro di Cristo, viene esaltata e onorata come trofeo della sua vittoria pasquale e come segno che apparirà in cielo per annunciare il  suo secondo avvento universale.

A Roma sulla Via Appia, nella cripta di Lucina nel cimitero di S. Callisto, deposizione di S. Cornelio, papa e martire, che si oppose coraggiosamente allo scisma di Novaziano, riaccogliendo con grande carità numerosi lapsi nella comunione della Chiesa; esiliato dall’imperatore Gallo a Centocelle, patì – come disse S. Cipriano – tutto ciò che poteva patire. La sua memoria si celebra il giorno seguente.

A Cartagine, passione di S. Cipriano, vescovo, illustre per santità e dottrina, che resse con maestria la Chiesa in tempi funestissimi, incoraggiò i confessori della fede nelle tribolazioni, e, dopo un duro esilio, regnanti Valeriano e Gallieno, consumò il suo martirio di fronte a moltissime persone, ucciso con la spada per volontà del proconsole. La sua memoria si celebra il giorno seguente.

A Treviri in Germania, S. Materno vescovo. Portò la fede ai Tungresi, ai Coloniesi e ai Treviresi .

A Comana nel Ponto  il natale di San Giovanni Crisostomo, vescovo la cui memoria si è celebrata ieri.

Nel monastero di Bonnevaux il transito di San Pietro, vescovo, che da abate cistercense venne  eletto alla sede vescovile  di Tarantasia, che resse con grande zelo promovendo la concordia fra i popoli.

Ad Akko in Palestina, ricordo di S. Alberto, vescovo, che, trasferito da Vercelli alla Chiesa di Gerusalemme, redasse la regola per gli eremiti del Monte Carmelo; fu ucciso con la spada mentre celebrava la festa della Santa Croce, da un uomo empio che aveva redarguito.

Nel villaggio di Eben nel Tirolo, Santa Notburga, vergine , dedita alle faccende domestiche, servi Cristo nei poveri, lasciando ai contadini un esempio di santità.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Claudio Laplace, presbitero e martire, che, gettato in galera durante la Rivoluzione Francese per il suo sacerdozio, condusse a compimento il martirio stremato da grave malattia.

A Tchen-tu, nel Sichuan in Cina, ricordo di S. Gabriele Taurino Dufresse, vescovo e martire, che portò a perfezione, col martirio per decapitazione, l’operoso ministero cui si era dedicato per quarant’anni.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
15 SettembreMemoria della B.V. Maria Addolorata. Stando in piedi sotto la croce di Gesù, fu associata intimamente e fedelmente alla salvifica passione del Figlio e si presentò come la novella Eva.  Come la prima donna con la disobbedienza ci condusse alla morte così la mirabile obbedienza della Vergine ci donò la vita.

A Roma, ricordo di S. Nicomede, martire, il cui corpo, custodito nel cimitero sulla Via Nomentana, fu onorato da papa Bonifacio V con una basilica sepolcrale.

A Tours in Francia, ricordo di S. Valeriano, martire.

A Costanza in Romania, ricordo dei Santi Stratone, Valerio, Macrobio e Gordiano, martiri, che patirono , come si tramanda, sotto l’imperatore Licinio.

Sulle rive del Danubio, ricordo di S. Niceta il Goto, martire, che il re ariano Atanarico ordinò di bruciare vivo per la sua fede cattolica.

A Lione in Francia , S. Albino, vescovo, che succedette a San Giusto.

A Toul in Francia, S. Apro vescovo.

Nel Monastero di  Jumieges in Neustria S.Aicardo abate, discepolo di San Filiberto che lo mise a capo del monastero.

A Cordoba in Spagna, ricordo dei Santi martiri Emila, diacono, e Geremia, che, durante la persecuzione dei Mori, dopo una lunga e tormentata prigionia, portarono a compimento il martirio venendo decapitati entrambi per Cristo.

A Busseto in Emilia il Beato Rolando de Mecicis, anacoreta, che visse in luoghi asperi e solitari delle Alpi praticando l’astinenza e parlando solo con Dio.

A Genova Santa Caterina Fieschi, disprezzato il mondo si dedicò ai digiuni e fu insigne per l’amore di Dio e   la benevolenza verso i poveri e gli ammalati.

A Vienna in Austria il Beato Antonio Maria Schwartz, sacerdote. Per la cura pastorale dei giovani soldati , degli operai e per difendere i loro diritti istituì la Congregazione per gli operai cristiani di S. Giuseppe Calazanzio.

Ad Hirado in Giappone, ricordo del B. Camillo Costanzo, presbitero della Società di Gesù e martire, che non cessò di annunciare Cristo neppure dalle fiamme del rogo, cui era stato condannato dal comandante supremo Hidetada.

A Llosa de Ranes presso Valencia in Spagna, ricordo del B. Pasquale Penades Jornet, presbitero e martire, che, al tempo della persecuzione contro la fede, pervenne attraverso la battaglia terrena alla pienezza della salvezza eterna.

Nel campo di prigionia di Dachau, presso Monaco di Baviera in Germania, ricordo del B. Ladislao Miegon, presbitero e martire, che, deportato dalla Polonia oppressa dal regime nemico di Dio e degli uomini nel lager a motivo della sua fede, pervenne alla corona gloriosa attraverso numerosi tormenti.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
16 SettembreMemoria dei Santi Cornelio, papa e Cipriano, vescovo, martiri . In Questo giorno ricordano del primo la deposizione e del secondo la passione avvenute il 14 settembre;  oggi tutto il mondo cristiano loda unanimemente i testimoni dell’unica verità  che in tempo di persecuzione hanno  difeso di fronte al mondo.

A Calcedonia in Bitinia, ricordo di S. Eufemia, martire, che si tramanda essere stata data in pasto alle belve dopo aver patito diverse torture, sotto l’imperatore Diocleziano e il proconsole Prisco.

Sul Monte Soratte, presso la Via Flaminia nel Lazio, ricordo dei Santi Abbondio e compagni, martiri.

A Roma sulla Via Nomentana, nel cimitero maggiore, ricordo dei Santi Vittore, Felice, Alessandro e Papia, martiri.

A Nocera Inferiore, in Campania, ricordo di S. Prisco, vescovo e martire, che fu lodato poeticamente da S. Paolino di Nola.

A Whithorn in Scozia  San Ninian, vescovo, di origine britannica, condusse alla fede il popolo dei Pitti e in quel luogo istituì la sede episcopale.

A Cordoba in Spagna, ricordo dei Santi martiri Rogello, monaco anziano, e Servodidio (‘Abdallh), giovane, che, nativi delle terre d’Oriente, annunciarono audacemente Cristo al popolo saraceno; condannati a morte per questo motivo, per nulla colpiti da tristezza, terminarono la loro corsa venendo decapitati, dopo aver subito l’amputazione delle mani e delle orecchie.

A Praga in Boemia, ricordo di S. Ludmilla, martire, che, duchessa di Boemia, si dedicò all’educazione di suo nipote S. Venceslao, sforzandosi di far nascere nel suo animo l’amore per Cristo; fu strangolata in seguito a un complotto della nuora Dragomira e dei nobili pagani.

In Inghilterra, S. Edith vergine, figlia di Edgar, re degli Inglesi, consacrata a Dio in un monastero fin da fanciulla. Ignorò  questo mondo piuttosto che abbandonarlo.

A Momtecassino il transito del Beato Vittore Terzo , papa, che guidò sapientemente questo  celebre monastero per circa 30 anni e magnificamente  lo abbellì, infine accettò di reggere la Chiesa di Roma.

A Savigny in Francia, San Vitale , abate, abbandonati gli onori mondani si ritirò in luoghi deserti e accolse molti seguaci nel cenobio da lui fondato.

In Spagna San Martino chiamato Sacerdote, da abate cistercense fu ordinato vescovo di Sagunto, mise tutto il suo impegno nel riformare il clero, infine mori nel  suo monastero.

In Francia ,il transito del Beato Ludovico Aleman, vescovo di Arles.Visse nella pietà e nella pazienza.

A Nagasaki in Giappone, ricordo dei Beati martiri Domenico Shobioye, Michele Timonoya e suo figlio Paolo, che furono decapitati per Cristo.

A Lima in Perù S. Giovanni Macías, religioso dellOrdine dei Predicatori, per lungo tempo fece lavori umili, curò i poveri e gli ammalati e continuamente recitava il rosario per l e anime dei defunti.

A Sai-Nam-Nte in Corea, passione di S. Andrea Kim Taegon, presbitero e martire, che, dopo due anni dedicati allo zelante esercizio del ministero sacerdotale, conseguì un glorioso martirio, venendo decapitato.

Ad Odena presso Barcellona in Spagna, ricordo del B. Ignazio Casanovas, presbitero dell’Ordine dei Chierici Regolari delle Scuole Pie e martire, che fu ucciso per Cristo in tempo di persecuzione.

A Turis presso Valencia in Spagna, ricordo dei Beati martiri Laureano (Salvatore) Ferrer Cardet, presbitero, Benedetto (Emanuele) Ferrer Jordà e Bernardino (Paolo) Martinez Robles, religiosi, del Terz’Ordine Francescano dei Capitolari della B. Vergine Addolorata, che, durante la medesima persecuzione, furono uccisi dagli uomini, ma esaltati in cielo da Dio.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
17 Settembre

S. Roberto Bellarmino, vescovo e dottore della Chiesa, della Compagnai di Gesù . Disputò su particolari controversie teologiche del suo tempo con sottigliezza e competenza. Rinunciato al cardinalato, si dedicò al ministero pastorale nella Chiesa di Capua e pur tuttavia non mancò di impegnarsi a Roma  per la difesa della fede e della Sede Apostolica.

 A Milano, S. Satiro, che il fratello S. Ambrogio loda per i suoi meriti . Non essendo ancora iniziato ai misteri di Cristo ed essendo capitato in un naufragio, non ebbe paura della morte, ma non volendo morire senza aver ricevuto i sacramenti della fede, salvato dalle onde si rivolse alla Chiesa di Dio ; un intimo e mutuo amore lo unì al fratello Ambrogio, dal quale fu sepolto accanto al martire Vittore.

A Liegi in Belgio, passione di S. Lamberto, vescovo di Tongres e martire, che, mandato in esilio, si ritirò nel monastero di Stavelot; ritornato in seguito alla sua sede, vi esercitò egregiamente il suo ministero di pastore, prima di essere ucciso innocente da uomini empi ed invidiosi.

 Nella foresta di Argonne presso il fiume Mosa in Germania San Rodingo abate ,che fondò il monastero di Beaulieu e lo resse piamente.

A Cordoba in Spagna, ricordo di SantaColomba, vergine e martire, che, durante la persecuzione dei Mori, testimoniò spontaneamente la sua fede cristiana di fronte al giudice, venendo immediatamente decapitata appena fuori dalle porte del palazzo.

A Melinais  presso Angers in Francia San Reginaldo eremita, che si ritirò nelle selva di Craon   per poter osservare meglio i comandamenti del Signore.

Nel Monastero del Monte di S. Ruperto presso Bingen  Santa Ildegarde vergine.Esperta nelle scienze naturali , in medicina e nell’arte musicale non meno che nella mistica contemplazione di cui scrisse piamente in alcuni libri.

Presso Torino il Beato Cherubino Testa, sacerdote dell’Ordine degli eremiti di S. Agostino, devotissimo della Passione del Signore.

A Saragozza in Spagna, ricordo di S. Pietro de Arbués, presbitero e martire, che, canonico regolare dell’Ordine di S. Agostino, combatté nel regno di Aragona le superstizioni e le eresie, venendo ucciso da alcuni inquisiti dinanzi all’altare della chiesa cattedrale.

Ad Huei in Viet-Nam, ricordo di S. Emanuele Nguyen Van Trieu, presbitero e martire, sotto il regno di Cahn Thinh.

A Genova San Francesco Maria di Camporosso, religioso dell’Ordine dei Frati Minori dei Cappuccini,insigne per la carità verso i poveri. Durante una pestilenza, contratto il morbo si offri vittima per la salute del prossimo.

A Castillo de Villamalefa in Spagna, ricordo del B. Giovanni Ventura Solsona, presbitero e martire, che, infuriando la persecuzione, migrò alla gloria celeste vittorioso grazie alla costanza della sua fede

A Madrid in Spagna, ricordo del B. Timoteo Valero Perez, presbitero del Terz’Ordine Francescano dei Capitolari della B. Vergine Addolorata, martire, che durante la medesima persecuzione condusse a termine egregiamente per Cristo la sua battaglia.

 Nel bosco di Palmiry presso Varsavia, in Polonia, ricordo del B. Sigismondo Sajna, presbitero e martire, che, in tempo di guerra, venne fucilato dagli sgherri del regime nemico di Dio, per non aver voluto abiurare a nessun costo la fede cristiana.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
18 Settembre  A Nicomedia in Bitinia, ricordo di S. Oceano, martire

A Prymnesso in Frigia, ricordo di S. Arianna, martire.

A Vienne, in Francia, ricordo di S. Ferreolo, martire, che, come si narra, essendo tribuno, si rifiutò, in tempo di persecuzione, di arrestare i cristiani; per questo motivo fu arrestato su ordine del governatore, orribilmente torturato e rinchiuso in carcere; evaso ma di nuovo catturato, venne decapitato, ricevendo infine la palma del martirio.

A Milano S. Eustorgio ,vescovo, di cui S. Atanasio loda la professione della vera fede contro gli errori degli ariani.

In Britannia minore  San Senario , vescovo.

A Limoges in Francia San Ferreolo, vescovo, che liberò  Marco  , portavoce del re Childeberto, che il popolo della città voleva uccidere .

A Gortina, nell’isola di Creta, S. Eumenio, vescovo.

Ad Andlau in Alsazia Santa Riccarda, regina , che rinunciato al regno terreno, si ritirò a servire Dio nel monastero da lei fondato.

A Osimo nelle marche S. Giuseppe da Copertino, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, visse tra molte difficoltà nella povertà, nell’umiltà e nella carità verso i poveri davanti a Dio.

A Nam Dinh nel Tonchino, ricordo di S. Domenico Trach, presbitero dell’Ordine dei Frati Predicatori e martire, che, sotto l’imperatore Minh Mang, preferì morire piuttosto che calpestare il crocefisso, e consumò il martirio per decapitazione.

Presso Ciudad Real in Spagna, ricordo del B. Carlo Eraña Guruceta, religioso della Società di Maria e martire, che, infuriando le violenze contro sacerdoti e religiosi, fu arrestato dai miliziani e fucilato senza processo.

A Gandia presso Valencia in Spagna, ricordo dei Beati Ferdinando Garcia Sendra e Giuseppe Garcia Mas, presbiteri e martiri, che, al tempo della medesima persecuzione, testimoniarono col loro sangue la fedeltà al Signore.

A Montserrat in Spagna, ricordo dei Beati martiri Ambrogio (Salvatore) Chulia Ferrandis e Valentino (Vincenzo) Jaunzaras, presbiteri, e Francesco (Giusto) Lerma Martinez, Riccardo (Giuseppe) Lopez Mora e Modesto (Vincenzo) Gay Zarzo, religiosi, del Terz’Ordine Francescano dei Capitolari della B. Vergine Addolorata, che furono coronati dal martirio durante la medesima persecuzione, per aver testimoniato Cristo.
 
 
Nel campo di prigionia di Dachau, presso Monaco di Baviera in Germania, ricordo del B. Giuseppe Kut, presbitero e martire, che, nativo della Polonia, fu gettato in un terribile carcere durante la guerra, a motivo della sua fede cristiana, e migrò al Signore tra mille tormenti e sofferenze.
 

Torna all’ inizio della pagina

 
 
19 Settembre  Festa di S. Gennaro, vescovo di Benevento e martire, che, al tempo delle persecuzioni contro la fede, patì il martirio per Cristo a Pozzuoli presso Napoli, in Campania.

A Synnada in Frigia, ricordo di S. Trofimo, martire.

In Palestina, ricordo dei Snti martiri Peleo e Nilo, vescovi in Egitto, Elia, presbitero, e Patermuzio, che, durante la persecuzione di Diocleziano, furono bruciati vivi con numerosi altri sacerdoti per Cristo.

A Tours in Francia, , S. Eustochio vescovo. Senatore, uomo santo e religioso successe a S. Brizzio

Nel monastero di Segestre nel territorio di Langres in Francia, S. Sequano, prete e abate.

In Aquitania  nel territorio di Berry in Francia San Mariano , eremita, che si nutriva di mele e miele selvatico.

A Metz in Francia  San Goerico o Abbone, vescovo , successe a S. Arnolfo  il cui corpo trasferì in questa città.

A Canterbury in Inghilterra, S. Teodoro, vescovo. Fu fatto vescovo e mandato in Inghilterra da Papa Vitalino quasi settantenne. Governò con animo forte la Chiesa a lui affidata.

  A Cordoba in Spagna, ricordo di S. Pomposa, vergine e martire, che, durante la persecuzione dei Mori, avendo udito del martirio di Santa Colomba, fuggì dal monastero di Pinna Mellaria per Recarsi a Cordoba, dove testimoniò impavida di fronte al giudice la sua fede in Cristo: conseguì immediatamente la palma gloriosa, venendo decapitata alle porte del palazzo.

A Frisinga  in Baviera  S. Lamberto , vescovo.

A Gap in Francia S. Arnolfo, vescovo . Molto dovette lottare per riformare la vita della Chiesa.

A Barcellona, la Beata Maria di Cervellon, vergine, dell’Ordine della beata Maria della Mercede per la redenzione degli schiavi. Per la sua opera venne chiamata da coloro che la invocavano Maria dell’Aiuto.

A Madrid in Spagna, il Beato Alfonso de Orozco, sacerdote dell’Ordine degli Erremiti di S. Agostino. Predicatore alla corte del re , si comportò con austerità e umiltà.

A Seul in Corea passione di S. Carlo Hyon Song-mun, martire, che, catechista, faceva da guida attraverso lunghi e ardui percorsi ai missionari cattolici nel suo paese; incarcerato con altri cristiani, senza smettere mai di esortare i suoi compagni di prigionia, abbracciò il martirio per Cristo venendo decapitato.

In Francia, S. Maria Guglielma Emilia de Rodat. Fondò le suore della Sacra Famiglia, per l’istruzione delle fanciulle e il sollievo dei bisognosi.

A Ciempozuelos presso Madrid in Spagna, ricordo del B. Giacinto Hoynelos Gonzalez, religioso dell’Ordine di S. Giovanni di Dio e martire, che, infuriando la persecuzione contro la Chiesa, portò a termine un glorioso martirio testimoniando Cristo.

A Benifayò in Spagna, ricordo della B. Francesca Cuallado Baixauli, vergine e martire, che durante la medesima persecuzione contro la fede sparse il suo sangue per Cristo.

A Madrid in Spagna  le Beate  Maria di Gesù della Chiesa y de Varo, Maria Addolorata e Consolata Agiar-Mella y Diaz, vergini, dell’Istituto delle Figlia di Maria  delle Scuole Pie e martiri. Morirono per testimoniare Cristo

Torna all’ inizio della pagina

 
 
20 Settembre  Memoria dei Santi Andrea Kim Tae-gon, presbitero, Paolo Chong Ha-sang e compagni, martiri in Corea. In questo giorno si celebra la memoria dei centotré martiri che testimoniarono in Corea la fede cristiana, introdottavi dapprima da alcuni laici devoti, e quindi nutrita e irrobustita dalla predicazione dei missionari e dalla celebrazione dei sacramenti. Tutti questi atleti di Cristo, tra i quali tre vescovi, otto presbiteri, e i rimanenti laici, sposati e non sposati, giovani e fanciulli, colpiti dal supplizio, consacrarono col loro prezioso sangue le radici della Chiesa in terra coreana.

A Synnada in Frigia, ricordo di S. Dorimedonte, martire

A Roma, ricordo di S. Eustachio, martire, il cui nome si celebra nell’antica diaconia di Roma.

A Costantinopoli, ricordo dei Santi martiri Ipazio e Asiano, vescovi, e Andrea, presbitero, che, per aver praticato la devozione per le sacre Icone, sotto l’imperatore Leone Isaurico, furono gettati in pasto ai cani dopo aver subito diverse e spaventose torture.

A Trento, il Beato Adelpreto, vescovo. Strenuo difensore dei poveri e dei bambini e difensore della libertà della Chiesa. Tratto in  inganno da dai suoi nemici, crudelmente  percosso venne infine trucidato.

  A Londra in Inghilterra, ricordo del B. Tommaso Johnson, presbitero della Certosa di questa città e martire, che, sotto Enrico VIII, perì colpito da malattia nel carcere di Newport, dove era stato rinchiuso per essersi mantenuto fedele alla Chiesa.

A Cordova in Spagna il B. Francesco de Posadas, sacerdote dell’Ordine dei Domenicani, uomo di penitenza, umiltà e carità. Evangelizzo Cristo in quella regione per circa40 anni.

Nella fortezza di Son-Tay nel Tonchino, ricordo di S. Giovanni Carlo Cornay, presbitero della Società Parigina per le Missioni Straniere e martire, che, per la sua fede cristiana, venne fatto a pezzi e quindi decapitato, dopo aver subito numerose torture, su ordine dell’imperatore Minh Mang.

A Seul in Corea, ricordo dei Santi Lorenzo Han I-hyong, catechista, e sei compagni, martiri, che subirono il martirio per Cristo, strangolati in diverse prigioni. La loro memoria si celebra oggi assieme a quella degli altri martiri di questa terra.
 

In Messico, il Beato Giuseppe Maria De Yermo y Parrei, sacerdote. Fondò le Serve del S. Cuore di Gesù e dei Poveri per venire incontro alle necessità dei bisognosi e degli abbandonati nell’anima e nel corpo.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
21 Settembre

S. Matteo apostolo ed evangelista, detto anche Levi, chiamato da Gesù a seguirlo. Lasciò l’ufficio di esattore delle tasse e divenne Apostolo, scrisse il vangelo dove Gesù viene proclama figlio di Davide, figlio di Abramo e come Colui che adempie l’Antico Testamento.

Commemorazione di S. Giona profeta, figlio di Amato, con il suo nome viene chiamato un libro del Vecchio Testamento, e la famosa uscita dal ventre del pesce viene vista nel Vangelo come segno della resurrezione del Signore.

In Grecia San Quadrato , discepolo degli Apostoli, il quale , come viene riferito, nella persecuzione di Adriano imperatore, raccolse con la sua fede e il suo modo di fare la Chiesa dispersa per il terrore, e offrì allo imperatore un libro in difesa della religione cristiana.

A Roma, sulla Via Salaria Antica, ricordo di S. Panfilo, martire.

A Baccano sulla Via Claudia, al ventesimo miglio da Roma, ricordo di S. Alessandro, martire.

A Gaza in Palestina, ricordo dei SS. Eusebio, Nestabo e Zenone, martiri, che, fratelli, al tempo dell’imperatore Giuliano l’Apostata, furono aggrediti e uccisi da una turba inferocita di pagani. Con loro patì anche S. Nestore, che consumò poco dopo il suo martirio, a motivo delle ferite ricevute nell’aggressione.

Ad Apt in Francia, san Castore , vescovo. Desideroso di esporre il modo di vivere dei monaci ai fratelli nel nuovo monastero, chiese a San Giovanni Cassiano di scrivere delle conferenze sugli asceti dell’Egitto.

Nel monastero di Llancarfan in Cambria, San Cadoc,abate sotto il nome del quale furono fondati diversi monasteri sia in Cornovaglia sia in Britannia.

Nel monastero di Ettenheim in Germania, San Landelino, monaco, di origine irlandese.

A Tournai, nelle Fiandre, ricordo di S. Gerulfo, adolescente e martire.

A Toyes in Francia Santa Maura, vergine, assidua nelle opere di pietà e di carità.

A Pesaro nelle Marche  il Beato Marco Scalabrini di Mutina, sacerdote dell’Ordine dei predicatori. Riportò molti erranti sulla retta via .

Presso la fortezza di Quang-Tri in Viet-Nam, ricordo dei Santi Francesco Jaccard, presbitero della Società Parigina per le Missioni Straniere, e Tommaso Tran Van Thien, martiri, che, sotto l’imperatore Minh Mang, patirono per Cristo il carcere, la tortura ed infine la morte per strangolamento

Presso Sai-Nam-The in Corea, passione dei Santi martiri Lorenzo Imbert, vescovo, Pietro Maubant e Giacomo Chastan, presbiteri della Società Parigina per le Missioni Straniere, che si consegnarono per salvare la vita dei cristiani che erano loro affidati, e furono uccisi con la spada.

A Benisoda in Spagna, ricordo dei Beati martiri Vincenzo Galbis Girones, padre di famiglia, ed Emanuele Torrò Garcia, che imitarono Cristo, in cui riponevano la loro speranza, nel trionfo del loro martirio, conformandosi alla Sua passione.
 

BB. Vincenzo Galbis Girones ed Emanuele Torrò Garcia

Torna all’ inizio della pagina

 
 
22 Settembre  A Roma nel cimitero di Commodilla, sulla Via Ostiense, ricordo di S. Emerita, martire.

A Saint-Maurice-en-Valais in Svizzera, ricordo dei Santi martiri Maurizio, Essuperio, Candido, soldati, che, come narra S. Eucherio di Lione, con i loro compagni della Legione Tebana e il veterano Vittore, nobilitarono la storia della Chiesa con la loro gloriosa passione, venendo uccisi per Cristo sotto l’imperatore Massimiano.

A Roma sulla Via Salaria Antica, deposizione di S. Basilla, martire sotto gli imperatori Diocleziano e Massimiano.

A Levroux, nella zona di Bourges in Francia, S. Silvano eremita.

Sul monte Glonne, vicino alla Loira in Francia, S. Fiorenzo prete.

Nel territorio di Costanza, in Francia, S. Lautone vescovo.

A Laòn, in Francia, S. Salaberga abbadessa; ceca venne guarita da S. Colmano che  la indirizzò al servizio di Dio

A Ratisbona in Baviera, in Germania, ricordo di S. Emmeranno, vescovo, che fu martirizzato per la fede in Cristo.

Nel monastero di Morimond in Francia il transito del Beato Ottone, vescovo di Frisinga. Morì indossando l’abito monacale, che mai aveva deposto durante l’episcopato.

A Torino, il Beato Ignazio da Santhià, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini , assiduo nell’ascoltare le confessioni  e nell’aiutare gli infermi.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Giuseppe Marchandon, presbitero e martire, che, durante la Rivoluzione Francese, gettato perché sacerdote in una sordida galera, migrò al Padre stremato dagli stenti e dalle malattie.

A Seul in Corea, passione dei Santi Paolo Chong Ha-sang e Agostino Yu Chin-gil, martiri, dei quali l’uno guidò per vent’anni la prima comunità cristiana in tempo di persecuzione, l’altro mandò lettere a papa Gregorio XVI perché inviasse sacerdoti in Corea; entrambi catechisti, furono decapitati insieme per la fede in Cristo, dopo molte torture.

A Montserrat in Spagna, ricordo del B. Carlo Navarro, presbitero dell’Ordine dei Chierici Regolari delle Scuole Pie e martire, che, infuriando la persecuzione contro i religiosi, fu coronato da un nobile martirio.

Nello stesso luogo, ricordo del B. Germano Gozalvo Andreu, presbitero e martire, che patì durante la medesima persecuzione per aver testimoniato Cristo.

Ad Alzira presso Valencia in Spagna, ricordo dei Beati martiri Vincenzo Pelufo Corts, presbitero, e Giuseppina Moscardo Montalvà, vergine, che, al tempo della medesima persecuzione contro la fede, meritarono di portare la palma della vittoria davanti a dio Onnipotente.

A Bolbaite presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Vincenzo Sicluna Hernandez, presbitero e martire, che fu ucciso durante la stessa persecuzione.

A Corbera presso Valencia in Spagna, ricordo della B. Maria della Purificazione Vidal Pastor, vergine e martire, che meritò di accedere alle nozze eterne col suo Sposo Cristo.
 

Torna all’ inizio della pagina

 
 
23 Settembre

A San Giovanni Rotondo in Puglia , San Pio da Petralcina, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini. Per lungo tempo esercitò il servizio pastorale nello stesso convento ed edificò un grandioso ospedale per assistere gli ammalati.

 

  Commemorazione dei Santi Zaccaria ed Elisabetta, genitori di S. Giovanni Battista, Precursore del Signore. Elisabetta , ricevendo in casa sua la parente Maria, iena di Spirito Santo salutò la Madre del Signore benedetta fra tutte le donne. Zaccaria , sacerdote, pieno di spirito profetico, alla nascita del figlio, lodò il Signore redentore e annunciò il prossimo avvento del Cristo, sole che sorge dall’alto.

A Roma, S. Lino, Papa, al quale, come riferisce S. Ireneo, i beati Apostoli affidarono come vescovo la Chiesa fondata nell’Urbe e S. Paolo Apostolo lo ricorda come suo compagno

A Miseno in Campania, ricordo di S. Sossio, diacono e martire, che, come narra S. Simmaco papa, desideroso di servire il suo vescovo anche nella prova estrema, andò incontro con lui alla morte e conseguì la medesima gloria pagando lo stesso prezzo.

Ad Ancona  San Costanzo, mansionario della chiesa, che si mise in evidenza più nell’umiltà che per il dono dei miracoli.

A Iona in Scozia San Adammano, sacerdote e abate, molto profondo nella conoscenza della Srittura operatore instancabile di unità e di pace. Cercò tanto in Scozia quanto in Irlanda di  introdurre la consuetudine della Chiesa di Roma nella celebrazione della Pasqua.

In Africa, ricordo dei Santi Andrea, Giovanni, Pietro e Antonio, martiri, che, presi prigionieri a Siracusa, furono deportati dai Mori e messi a morte.

A Venezia  il Beato Pietro Acotanto, monaco. Non accettò di essere abate per la sua umiltà , ma preferì vivere da recluso .

A Bologna la Beata Elena Duglioni. Dopo un  matrimonio vissuto in grande armonia con il marito, divenuta vedova, visse il resto della vita in modo esemplare.

A Tlaxcala in Messico, ricordo dei Beati Cristoforo, Antonio e Giovanni, martiri, che, al tempo della prima evangelizzazione dell’America, aderirono lieti alla fede cristiana: furono messi a morte per questo dai loro concittadini.

A Kingston presso il Tamigi, in Inghilterra, ricordo del B. Guglielmo Way, presbitero e martire, che, condannato a morte sotto Elisabetta I per essere entrato in terra inglese da sacerdote cattolico, venne per questo impiccato.

A Benisa presso Valencia in Spagna, ricordo del B. Vincenzo Ballester Far, presbitero e martire, che, in tempo di persecuzione, condusse a termine egregiamente la battaglia per Cristo.

A Benicalap in Spagna, ricordo delle Beate Sofia Ximenez Ximenez, madre di famiglia, Maria della Purificazione di S. Giuseppe Ximenez e Maria Giuseppina del Rio Messa, vergine dell’Ordine delle Carmelitane della Carità, martiri, che pervennero alla gloria infinita attraverso la prova del martirio.

A Gandia in Spagna, ricordo della Beata Ascensione di S. Giuseppe Calasanz Lloret Marco, vergine dell’Istituto delle Sorelle delle Scuole Cristiane e martire, che conseguì il martirio durante la medesima persecuzione contro la fede.

A Cracovia in Polonia la Beata Bernardina Jablonska, vergine  , che , sempre sollecita nell’aiutare i poveri e gli ammalati , fondò la  Congregazione delle Suore per il Servizio dei Poveri.

A Varsavia in Polonia, ricordo del B. Giuseppe Stanek, presbitero della Società dell’Apostolato Cattolico e martire, che, in tempo di guerra, portò a compimento il suo martirio venendo impiccato dai persecutori della fede.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
24 Settembre

A Milano S. Anatolio, che viene considerato il primo vescovo della città.

 

Ad Autun in Francia, ricordo dei Santi Andochio, Tirso e Felice, martiri

 

Ad Auvergne, in Francia, la deposizione di S. Rustico, vescovo. Essendo già sacerdote nella medesima città  ne divenne poi vescovo con grande gioia del popolo.

 

A Lione in Francia S. Lupo, vescovo ,che prima era anacoreta

 

A Marsiglia in Francia , San Isarno, abate, austero nella sua vita ma benevolo e pacifico verso gli altri. Visse la sua vita regolare nel monastero di S. Vittore.

 

In Ungheria, ricordo di S. Gerardo Sagredo, vescovo di Csanàd e martire, che, maestro del giovane principe S. Emerico, figlio del re S. Stefano, morì lapidato dai pagani sulle rive del Danubio.

In Spagna il Beato Dalmazio Moner, sacerdote dell’Ordine dei Predicatori, amante della solitudine e del silenzio.

A York in Inghilterra, ricordo dei Beati martiri Guglielmo Spenser, presbitero, e Roberto Hardesty, che, sotto Elisabetta I, furono condannati a morte per impiccagione, il primo perché sacerdote, l’altro per avergli fornito ospitalità.

A Nagasaki in Giappone, ricordo di S. Antonio Gonzalez, presbitero dell’Ordine dei Frati Predicatori e martire, che, mandato in Giappone con altri cinque compagni e quasi subito incarcerato, fu ripetutamente torturato finché, colpito dalla febbre, precedette gli altri nel martirio, sotto il comandante supremo Tokugawa Yemitsu.

A Sanseverino, nel Piceno, la deposizione di S. Pacifico, sacerdote dell’Ordine dei Frati Minori. Fu uomo di grande penitenza, amante della solitudine e pregava costantemente davanti al Santissimo Sacramento.

In Slovenia il Beato Antonio Martini Slomsek, vescovo. Curò la vita cristiana delle famiglie ,  le istituzioni ecclesiastiche e spese tutte le sue forze per l’unità della Chiesa.

A Roma  la Beata Colomba Gabriel, abbadessa , diresse il monastero di Leopoli, ma ingiustamente calunniata venne a Roma, dove vivendo poveramente e nella letizia fondò la Congregazione delle Suore Benedettine della Carità e inoltre un’opera sociale chiamata Casa Famiglia per le ragazze operaie povere lontane dalla famiglia.

Ad Abalat de la Ribera, presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Giuseppe Raimondo Pasquale Ferrer Botella, presbitero e martire, che patì il martirio durante la persecuzione contro la fede.

A Rotglà y Corbera, in Spagna, ricordo del B. Giuseppe Maria Ferrandiz Hernandez, presbitero e martire, che, al tempo della medesima persecuzione, portò a compimento la battaglia per la fede.

Ad Ollerìa presso Valencia, in Spagna, ricordo della B. Incarnazione Gil Valls, vergine e martire, che, portando una lucerna splendente, prese vittoriosa la strada verso Cristo suo Sposo.

Ad Alzira presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Giuseppe Raimondo Ferragud Girbes, martire, che, padre di famiglia, cadde vittima per Cristo dei persecutori della fede.
 

Torna all’ inizio della pagina

 
 
25 Settembre  La commemorazione di San Cleopa, discepolo del Signore, al quale ardeva il cuore , mentre era in viaggio con un altro discepolo la sera di Pasqua e il Signore che gli apparve lungo la spiegava loro le Scritture. Riconobbe il Salvatore nella frazione del pane nel villaggio di Emmaus.

Ad Amiens in Francia, ricordo di S. Firmino, vescovo e martire.

A Damasco in Siria, i Santi martiri Paolo e Tatta, coniugi, Sabiniano, Massimo, Rufo ed Eugenio loro figli. Accusati di essere cristiani,  tormentati a morte con battiture e altre torture, resero l’anima a Dio

A Chartres, in Francia, S. Solennio, vescovo.

A Soissons in Francia, S. Principio vescovo, fratello di San Remigio.

A Chorc in Irlanda, San Finbarro, vescovo

Ad Auxerre in Francia, S. Anacàrio, vescovo, che completò il Martirologio  detto Gerominiano

A Damasco in Siria, ricordo dei Santi martiri Paolo, sua moglie Tatta, e i loro figli Sabiniano, Massimo, Rufo ed Eugenio, che, accusati di essere cristiani, resero l’anima a Dio dopo essere stati torturati duramente.

Sui monti dell’Alpujarra presso Granada, in Spagna, ricordo del B. Marco Criado, presbitero dell’Ordine della Santissima Trinità per la Redenzione dei Peccatori e martire, che fu ucciso dai Mori.

A Carriòn de Calatrava presso Ciudad Real, in Spagna, ricordo dei Beati martiri Giovanni Pietro (Giuseppe) Bengoa Aranguren, presbitero, e Paolo Maria (Pietro) Leoz y
Portillo, religioso della Congregazione della Passione, e Gesù Hita Miranda, religioso della Società di Maria, che, infuriando la persecuzione, furono fucilati dai miliziani in odio alla Chiesa.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
26 Settembre  Festa dei Santi Cosma e Damiano, martiri, che esercitavano la medicina senza chiedere alcun compenso in Siria, nella città di Cirro, dove molti furono guariti dalle loro cure gratuite.

 La commemorazione di S. Gedeone, della tribù do Manasse,  giudice di Israele, che come ebbe ricevuto il segno della rugiada sul vello dal Signore, con la forza di Dio distrusse l’altare di Baal e liberò il popolo di Iasraelle dai nemici.

Ad Albano nel Lazio S. Senatore , martire.

A Bologna, S. Eusebio, vescovo. Lottò per la fede cattolica contro gli ariani insieme a S. Ambrogio e promosse la verginità fra le ragazze.

A Frascati presso Roma, S. Nilo il giovane abate. Di origine greca, ricercò la meditazione, l’astinenza , l’umiltà  e e il pellegrinare. Uomo di grande sapienza e dottrina, fondò l’abbazia di Grottaferrata  secondo le norme dei Padri orientali e li morì quasi novantenne.

A Salerno in Campania Santa Lucia da Caltagirone, vergine del Terzo Ordine regola di San Francesco.

A Seul in Corea, passione dei Santi Sebastiano Nam I-gwan e nove compagni, martiri, che furono decapitati per la loro fede cristiana dopo tremendi supplizi; si commemorano inoltre le Sante martiri Lucia Kim, Caterina Yi, vedova, e sua figlia Maddalena Cho, vergine, che, incarcerate per Cristo, morirono per le torture patite in un giorno imprecisato di questo mese.

A Lione in Francia  Santa Teresa Coudere, vergine che con  non poche tribolazioni ma con animo sereno fondò la Società di Nostra Signora del Cenacolo,  nel villaggio di La Louvesc presso la tomba di San Giovanni Francesco Regis.

Presso Monaco di Baviera in Germania il Beato Gaspare Stangassinger, sacerdote della Congregazione del Santissimo Redentore, addetto all’istruzione dei giovani, offrì loro un esempio di gioiosa carità e di continua orazione.

A Valencia in Spagna, ricordo delle Beate Maria del Rifugio (Teresa) Rosat Balasch e Maria del Calvario (Giuseppina) Romero Clariana, vergini della Congregazione della Dottrina Cristiana e martiri, che, infuriando la persecuzione, furono incarcerate e poi uccise per essersi mantenute fedeli al loro Sposo Cristo.

A Valencia in Spagna, ricordo del B. Raffaele Pardo Molina, religioso dell’Ordine dei Frati Predicatori e martire, che perse la vita durante la persecuzione contro la fede. Con lui si commemora anche il B. martire Giuseppe Maria Vidal Segù, presbitero del medesimo Ordine, che, a Barcellona, trovò il suo premio glorioso in Cristo per aver testimoniato senza sosta la fede.

A Puerto de Canals in Spagna, ricordo della B. Crescenza Valls Espi, vergine e martire, che patì il martirio durante la persecuzione contro la fede.

A Benifairò de Valldigna in Spagna, ricordo della B. Maria Noguera Albelda, vergine e martire, che portò a compimento il suo martirio per la fede durante la medesima persecuzione.

A Gilet presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Bonaventura (Giulio) Esteve Flors, presbitero dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini e martire, che migrò al Signore durante la medesima persecuzione per mano dei nemici della fede.

A Benifallim presso Alicante, in Spagna, ricordo della B. Maria Jorda Botella, vergine e martire, che condusse a compimento la buona battaglia per Cristo.

A Madrid in Spagna, ricordo del B. Leone (Emanuele) Legua Martì, presbitero del Terz’Ordine di S. Francesco dei Capitolari della B. Vergine Addolorata e martire, che ottenne la corona gloriosa del martirio nel corso della medesima persecuzione.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
27 Settembre Memoria di S.Vincenzo de’ Paoli, sacerdote. Pieno di spirito sacerdotale, si dedicò a Parigi alla cura dei poveri ; vedeva nel volto dei sofferenti il volto del suo Signore. Per riportare nella chiesa uno stile di vita evangelico , per formare santi sacerdoti e aiutare i poveri fondò la Congregazione della Missione e aiutato da Santa Ludovica di Marillac,anche la Congregazione delle Figlie della Carità.

 A Milano, S. Caio vescovo.

A Sion-en-Valais, in Francia, S. Fiorentino martire. Insieme con S. Ilario,si dice , che sia stato ucciso dai Vandali con la spada.

Ad Hainaut presso l’abbazia di Liesses in Francia , Santa Iltrude vergine. Visse piamente presso il fratello Gundrad, abate.

A Cordoba in Spagna, ricordo dei Santi martiri Adolfo e Giovanni, fratelli, che, durante la persecuzione dei Mori, al tempo del re ‘Abd ar-Rahman II, furono coronati dal martirio per Cristo.

Presso Cingoli nelle Marche San Bonfiglio, vescovo di Foligno. Dopo 10 anni trascorsi in Terra Santa, ritornò in Italia, per vivere da monaco nel monastero di Storaco, dove era stato prima abate. Morì in solitudine.

A Parigi S . Elzeario de Sabran, conte di Ariano. Conservò la verginità con la moglie Beata Delfina. Morì ancora abbastanza giovane.

A Pistoia in  Toscana, il Beato Lorenzo di Ripafratta, sacerdote dell’Ordine dei Predicatori. Per 60 anni visse fedelmente  la vita religiosa, sempre disponibile ad ascoltare i peccatori.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Giovanni Battista Laborier du Vivier, diacono e martire, che, al tempo della persecuzione contro la Chiesa, fu condannato ad una dura carcerazione a causa del proprio status di chierico, perendo stremato da grave malattia.

A Sagunto in Spagna, ricordo dei Beati martiri Giuseppe Fenollosa Alcayna, presbitero, e Fedele (Mariano) Climent Sanches, religioso dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini, che, infuriando la persecuzione contro la fede, sparsero il loro sangue per Cristo.

A Gilet presso Valencia, in Spagna, ricordo delle Beati martiri Francesca Saveria (Maria) Fenollosa Alcayna, religiosa del Terz’Ordine delle Cappuccine della Sacra Famiglia, ed Erminia Martinez Amigo, madre di famiglia, che, nel corso della medesima persecuzione, testimoniarono col loro sangue la fedeltà al Signore.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
28 Settembre  Memoria di S. Venceslao, martire, che, principe dei Boemi, istruito nella sapienza divina ed umana dalla nonna Ludmilla, severo con se stesso, ma pacifico nell’amministrare il regno e caritatevole nei confronti dei poveri, riscattò gli schiavi pagani in vendita a Praga affinché fossero battezzati; dopo aver superato molte difficoltà nel governare i sudditi e nel diffondere la fede, tradito dal fratello Boleslao, fu ucciso da sicari mentre si trovava in chiesa, a Starà Boleslav in Boemia.

Memoria dei Ssanti Lorenzo Ruiz di Manila e quindici compagni, martiri, che, alcuni religiosi, altri presbiteri, altri laici, dopo avere portato il seme della fede cristiana attraverso le isole Filippine, di Formosa e del Giappone, per ordine del comandante supremo Tokugawa Yemitsu consumarono il loro martirio per amore di Cristo a Nagasaki in Giappone, in giorni separati; sono commemorati tutti insieme.

A Calidone in Pisidia, ricordo dei Santi Alfeo, Alessandro e Zosimo, martiri.

In Una Antica Laura presso Betlemme in Palestina  San Caritone, abate, assiduo nella preghiera e nel digiuno, fondò molti luoghi di preghiera nel deserto.

A Bologna in Emilia, San Zama, che viene considerato il primo vescovo di questa città.

A Tolosa in Aquitania, S. Esuperio, vescovo che consacrò la chiesa di San Saturnino e ,nella invasione dei barbari, difese la sua città. S. Girolama riferisce che quanto era più era rigoroso con se stesso tanto più era largo con gli altri.

A Betlemme, Santa Eustochia, vergine. Con S. Paola, sua madre, partì da Roma per la Palestina e visse vicino al Presepio del Signore, seguendo i consigli di S. Girolamo. Morì carica di meriti.

A Ginevra in Svizzera, San Salonio ,vescovo, che per primo iniziò la vita monastica nell’isola di Lerins, in seguito divenuto vescovo sostenne la dottrina di S. Leone Magno Papa e spieò misticamente la Sacra Srittura.

A Riez  in Francia San Fausto, vescovo , prima abate di Lerins. Scrisse contro gli ariani sulla incarnazionedel Verbo di Dio e dello Spirito Santo consostanziale con il Padre e il Figlio.Fu mandato in esilio dal re Eurico.

A Lione in Francia, ricordo di S. Annemondo, vescovo e martire.

 A Salisburgo in Germania  i Santi Cunialdo e Gisilario, sacerdoti; aiutarono S. Ruperto ad evangelizzare.

In Germania  Santa Lioba, vergine, che venne chiamata da S. Bonifacio, suo parente ,a lasciare l’Inghilterra e a venire in Germania. Venne nominata abbadessa del monastero di Tauberbischofsheim , dove diresse le serve del Signore, con l’esempio e la parola, ad una vita di perfezione.

A Pavia  il Beato Bernardino da Feltre, sacerdote dell’Ordine dei Minori, fu un grande e forte predicatore, combatte con coraggio l’usura e per questo fondò i cosiddetti Monti di Pietà. Uomo di pace fu chiamato dal Papa Sisto Quarto per comporre le discordie civili.

A Madrid in Spagna San Simone de Rjas, sacerdote dell’Ordine della SS. Trinità per la redenzione degli schiavi. Addetto alla corte della Regina di Spagna, non volle ne cocchio ne compenso, ma visse fra gli splendori della corte umile povero e misericordioso verso i miseri, e amò sempre  ardentemente il Signore.

A Nagasaki in Giappone, ricordo dei Beati Giovanni Shozaburo, catechista, Mancio Ichizayemon, Michele Taiemon Kinoshi, Lorenzo Hachizo, Pietro Terai Kuhioye e Tommaso Terai Kahioye, martiri, che furono decapitati per Cristo.

A San Felice de Codinas in Catalogna, in Spagna, ricordo del B. Francesco Saverio Ponsa Casallarch, religioso dell’Ordine di S. Giovanni di Dio e martire, che, infuriando la persecuzione, pervenne alla palma gloriosa per Cristo e la Chiesa.

A Benillup presso Alicante, in Spagna, ricordo della B. Amalia Abad Casasempere, martire, che, madre di famiglia, fu coronata dal martirio per aver testimoniato Cristo in tempo di persecuzione.

A Valencia in Spagna, ricordo del B. Giuseppe Tarrats Comaposada, religioso della Società di Gesù e martire, che durante la medesima persecuzione raggiunse Cristo nella gloria.

A Karadzar presso Karagandà, in Kazakistan, ricordo del B. Niceta Budka, vescovo, che, primo ad esercitare in Canada il ministero pastorale tra i cristiani cattolici di Rito bizantino, al tempo del regime nemico di Dio, fu deportato in un gulag, dove sopportò per amore di Cristo ogni avversità, perseverando nella fede con animo forte fino alla morte.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
29 Settembre

Festa dei Santi Michele, Gabriele e Raffaele Arcangeli ,Nel giorno della dedicazione della basilica sotto il titolo di San Michele sulla via Salaria al sesto miglio della città di Roma edificata anticamente, si celebrano insieme i tre Arcangeli, dei quali la Santa Scrittura ne rivela la missione. Essi giorno e notte servono Dio e contemplano il suo volto e incessantemente lo glorificano.

A Perinthus (o Eraclea) in Tracia, ricordo di S. Eutichio, vescovo e martire.

A Valeroctista in Armenia, ricordo delle Sante Ripsime, Gaiana e compagne, martiri

Ad Auxerre in Francia, S. Fraterno, vescovo.

In Palestina San Quriaco, anacoreta, che condusse una vita durissima per quasi 90 anni in una spelonca, grande esempio per gli anacoreti, e difensore della fede contro gli errori degli Origenisti.

A Mettlack in Renania San Ludwino, vescovo di Treviri, fondatore del monastero del luogo. Morì a Reims.

Nell’isola di Ufnau nel lago di Zurigo in Svizzera San Alarico, sacerdote ed eremita.

In Btiannia Minore , San Maurizio, abate prima nel monastero di  e poi del monastero  di dell’Ordine Cistercense da lui fondati, dove mori in santità.

Nel monastero dei Cistercensi di Longpoint in Francia il Beato Giovanni di Montmirail, che da illustre cavaliere si fece monaco.

In Britannia Minore  presso Dariorigo in Francia  il Beato Carlo de Blois, uomo pio e umile, duca di Britannia, benchè desiderasse rimanere fra i Frati Minori, fu costretto a difendere il principato dal suo nemico. Costante nelle sofferenze subì un lungo carcere e morì nella battaglia di Auray.

A Roma il Beato Nicola di Forca Palena, sacerdote dell’Ordine degli Eremiti di San Girolamo, il quale sul Granicolo fondò il monastero di S. Onofrio, dove morì quasi centenario.

A Leopoli in Polonia San Giovanni Dukla, sacerdote dell’Ordine dei Minori. Condusse una vita nascosta e ascetica secondo la consuetudine degli Osservanti. Si impegnò moltissimo nell’Opera Pastorale e favorì l’unità dei cristiani.

A Nagasaki in Giappone, passione dei Santi. Michele di Aozaraza, Guglielmo Courtet, Vincenzo Shiwozuka, presbiteri dell’Ordine dei Frati Predicatori, Lazzaro di Kyoto e Lorenzo Ruiz di Manila, padri di famiglia, martiri, che, incarcerati per più di un anno, perché cristiani, subirono il supplizio della crocifissione, quindi furono decapitati. La loro memoria si celebra il giorno precedente, insieme con gli altri loro compagni.

Ad Ossernon in Canada, passione di S. Renato Goupil, martire, che, medico e collaboratore di S. Isacco Jogues, fu ucciso da un indigeno con un colpo d’ascia.

A Gilet presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Giacomo Mestre Iborra, presbitero dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini e martire, che, infuriando la persecuzione contro la fede, sparse il suo sangue per Cristo.

A Valencia in Spagna, ricordo dei Beati martiri Paolo Bori Puig, presbitero, e Vincenzo Sales Genoves, religioso, della Società di Gesù, che condussero a termine la loro bella battaglia per Cristo.

A Picadero de Paterna presso Valencia, in Spagna, ricordo del B. Dario Hernandez Morato, presbitero della Società di Gesù e martire, che durante la medesima persecuzione rese l’anima a Dio.

Ad Illerda in Spagna, ricordo del B. Francesco de Paula Castello y Aleu, martire, che, condannato alla pena capitale durante la medesima persecuzione, con animo giusto e somma fermezza non dubitò di offrire la sua morte per Cristo.

Torna all’ inizio della pagina

 
 
30 Settembre

Memoria di S. Girolamo, sacerdote e dottore della Chiesa . Nato in Dalmazia, venne a Roma dove si formò una vastissima cultura letteraria e ivi fu battezzato. Dedicatosi alla contemplazione e alla vita ascetica andò in Oriente e fu ordinato sacerdote, ritornato a Roma fu segretario del Papa Damaso. Andò poi  Beltlemme dove guidò cenacoli di vita ascetica e monastica. Si dedicò alla traduzione della Bibbia dai testi originali e alla revisione dell’antica versione latina. Fu partecipe in modo mirabile delle varie necessità della Chiesa. Infine essendo giunto a una età avanzata morì in pace.

A Piacenza in Emilia, ricordo di S. Antonino, martire.

A Solétta in Svizzera, ricordo dei Santi Urso e Vittore, martiri, che si dice abbiano fatto parte della Legione Tebea.

In Armenia , San Gregorio ,detto l’illuminatore, vescovo, il quale dopo aver compiuto grandi opere si ritirò in una spelonca presso il luogo dove confluiscono i due rami del fiume Eufrate e ivi morì . E’ considerato Apostolo degli Armeni.

A Marsiglia in Francia Santa Eusebia, che dalla gioventù alla vecchiaia servì sempre il Signore.

In Inghilterra, San Onorio, vescovo .Monaco romano, fu mandato dal Papa S. Gregorio Magno, insieme a S. Agostino, ad evangelizzare l’Inghilterra e poi successe a lui nella sede episcopale.

A Roma, San Simone , monaco, conte di Crépy in Francia. Rinunciò al matrimonio e a tutti i suoi averi e si decise per la vita monastica, poi per quella eremitica sui monti del Giura. Spesso gli fu richiesto di far da paciere tra i principi. Morì a Roma e fu sepolto presso San Pietro.

 A Nusco in Irpinia  San Amato, vescovo.

A Die in Francia San Ismidone , vescovo, il quale avendo un grande amore per i luoghi santi peregrinò due volte a Gerusalemme.

A Pesaro nelle Marche la Beata Felicia Meda, abbadessa dell’Ordine delle Clarisse.

A Roma San Francesco Borgia, sacerdote , il quale , morta la moglie dalla quale aveva avuto otto figli, entrò nella compagnia di Gesù. Rinunciò ai beni del secolo e alle dignità ecclesiastiche, fu eletto Preposito generale. Visse una vita severa e di orazione.

Su una nave-prigione ancorata al largo di Rochefort, in Francia, ricordo del B. Giovanni Nicola Cordier, presbitero e martire, che, della soppressa Società di Gesù, esercitò il ministero sacerdotale a Verdun, prima di essere arrestato, durante la Rivoluzione Francese, perché sacerdote, e quindi rinchiuso nella galera dove perì di stenti e di malattia.

A Lisieux in Francia Santa Teresa del Banbin Gesù, la cui memoria si celebra domani.

A Lanzo presso Torino il Beato Federico Albert, sacerdote e parroco il quale per sollevare i miseri fondò la Congregazione delle  Suore Vincenziane di Maria Immacolata.

 

Torna all’ inizio della pagina  –  Seleziona un altro mese