Incontro di preghiera novembre 2007

INCONTRO DI PREGHIERA E CATECHESIGRUPPO PADRE PIO
23 NOVEMBRE 2007 
La tua parola è
lampada ai miei passi
luce sul mio cammino

Canto di esposizione del SS. Sacramento.  

Sia lodato e ringraziato ogni momento il santissimo e divinissimo Sacramento.
 


           
Credo, mio Dio, di essere dinnanzi a te che mi guardi e ascolti le mie preghiere. Tu sei tanto grande  e tanto  santo: io ti adoro, tu mi hai dato tutto: io ti ringrazio.Tu sei tanto misericordioso: io ti domando tutte le grazie che vedi utili per me.


 
Sia lodato e ringraziato ogni momento il santissimo e divinisiimo Sacramento. 

Diciamo col Profeta:
      Parla Signore che il tuo servo ti ascolta

Siamo davanti a te……

Tu sei grande e santo……

Tu ci  hai dato tutto…….

Noi siamo tuoi…

Per fare la tua volontà….

 Canto:   Santo, Santo, Santo il Signore……….  

Lettura della Parola di Dio.
 Dalla Lettera ai Colossesi di S. Paolo 1,23           
“Rimanete fondati e fermi nella fede e non vi lasciate allontanare dalla speranza promessa nel Vangelo che avete ascoltato, il quale è sato annunziato ad ogni creatura sotto il cielo” .
             

Introduzione alla Preghiera e al tema di catechesi.  

San Paolo invita i cristiani a rimanere saldi al Vangelo che gli è stato insegnato dalla Chiesa attraverso gli Apostoli e i loro successori. Vangelo che la Chiesa ha annunciato in tutto il mondo ed è lo stesso ovunque, non diverso a seconda della gente o dei momenti o delle occasioni, ma l’unico Vangelo che dona salvezza.

Anche noi dobbiamo stare attenti perché molti vengono a presentarci un Vangelo che non è quello della Chiesa e così tentano di allontanarci da quella verità che solo salva.  La verità, per sua necessità, è una perché se ci fossero più verità nessuna sarebbe vera ma solo opinioni. La Chiesa annuncia la verità che Gesù, vero Dio, gli ha comandato di portare in tutto il mondo, noi l’abbiamo ricevuta e dobbiamo rimanervi saldi e fedeli.

Questa verità è contenuta nella Sacra Scrittura, la Bibbia alla quale dovremmo fare riferimento più spesso, con una lettura più frequente e così conoscere, amare e poter servire Dio in questa vita. La Sacra Scrittura è conservata dalla Chiesa perché la Chiesa ha ricevuto la Parola di Dio che poi è stata messa per scritto. Per cui non chiunque viene a noi  parla della Parola di Dio, della Scrittura, della Bibbia, avviene come con i truffatori che si fingono operatori del gas, o della luce e entrati in casa ci rapinano i beni, il Bene, la Verità, la Salvezza. Attenti! Non Ascoltateli!   Solo alla Chiesa Il Signore ha affidato il compito di annunciare il Vangelo di verità, perché alla Chiesa è stata affidata la Parola di Dio, che è lo stesso Gesù.

  
INVOCHIAMO IL SIGNORE.

Preghiamo insieme e prendiamo coscienza di essere davanti a Dio:

 

     Illumina, o Luce, questo tuo cieco che siede nelle tenebre e nell’ombra di morte, e dirigi i suoi passi sulla via della pace, per la quale entrerò nel luogo del tabernacolo ammirabile fino alla casa del Signore, con canti di esultanza e di lode. Veramente la lode è la via per la quale entrerò presso di te, la via per la quale uscirò dal sentiero dell’errore, e ritornerò a te, vita, perché tu sei la vera via della vita.

     O Signore, chi è capace di comprendere tutta la ricchezza di una sola delle tue parole?

Molto più  è ciò che ci sfugge di quanto riusciamo a comprendere. Siamo proprio come gli assetati che bevono ad una fonte.

     Hai colorato la tua Parola di bellezze svariate, affinché noi che vogliamo scrutare possiamo contemplare ciò che ci sazia. Hai nascosto nella tua Parola tutti i tesori perché ciascuno di noi trovi una ricchezza in ciò che contempla. La tua Parola è un albero di vita che da ogni parte ci porge frutti benedetti… Ti ringraziamo e ti lodiamo. Donaci piena disponibilità all’ascolto. (Sant’Efrem) 

ROSARIO MEDITATO.
 

CATECHESI Meditazione commento  ai
nn° 18. 11.12
 

Perché la Sacra Scrittura insegna la verità?
           
Perché Dio stesso è l’autore della Sacra Scrittura: essa è perciò detta ispirata e insegna senza errore quelle verità, che sono necessarie alla nostra salvezza. Lo Spirito Santo ha infatti ispirato gli autori umani, i quali hanno scritto ciò che egli ha voluto insegnarci. La fede cristiana, tuttavia, non è «una religione del Libro», ma della Parola di Dio, che non è «una parola scritta e muta, ma il Verbo incarnato e vivente» (san Bernardo di Chiaravalle).

Perché e in qual modo la Rivelazione divina va trasmessa?  
                                                                    
Dio «vuole che tutti gli uomini siano salvati ed arrivino alla conoscenza della verità» (1 Tm 2,4), cioè di Gesù Cristo. Per questo è necessario che Cristo sia annunciato a tutti gli uomini, secondo il suo stesso comando: «Andate e ammaestrate tutte le Nazioni» (Mt 28,19). È quanto si realizza con la Tradizione Apostolica.

Che cosa è la Tradizione Apostolica?
La Tradizione Apostolica è la trasmissione del messaggio di Cristo, compiuta, sin dalle origini del cristianesimo, mediante la predicazione, la testimonianza, le istituzioni, il culto, gli scritti ispirati. Gli Apostoli hanno trasmesso ai loro successori, i Vescovi, e, attraverso questi, a tutte le generazioni fino alla fine dei tempi, quanto hanno ricevuto da Cristo e appreso dallo Spirito Santo.

VESPRI – BENEDIZIONE –  EUCARISTICA

SANTA MESSA

Stampa articolo