INCONTRO DI PREGIERA OTTOBRE 2007

Matteo 23,8
           “.
uno solo è il vostro maestro e voi siete tutti fratelli.” 

      E’ necessario mettersi alla scuola del Divin Maestro. La sua scuola ci richiede ascolto e interiorizzazione della sua parola. Questa scuola ci farà fare un esperienza forte di Dio che non è una nuova rivelazione ma essenziale conversione a Lui che è la Via la Verità e la Vita.
La sua scuola ci forma e ci conforma a Lui che dobbiamo testimoniare, annunciare, portare nel mondo. Siamo inviati agli uomini di oggi, con le necessità di oggi e con i mezzi di oggi.Tutti siamo formati e inviati, tutti in qualche modo siamo apostoli. Ma prima dobbiamo stare con Lui.“stare con Lui per poter andare nel mondo. La nostra vera forza è nutrirci della sua Parola e del suo Corpo, unirci alla sua offerta per noi, adorarlo presente nell’Eucaristia: prima di ogni attività e di ogni programma, infatti, deve esserci l’adorazione, che ci rende davvero liberi e ci dà i criteri per agire” (Nota dopo Verona n°5). 

Gesù,
celeste giardiniere, piantami Tu stesso nel Tuo giardino vivificante.

Gesù vera vite, legami a Te, come vigna selvatica.

Gesù, radice sempre verde, riempimi con la linfa della vita eterna.

Gesù, Dio del mio cuore, vieni e uniscimi a Te per sempre.


Marco 9,5
          “Prendendo allora la parola, Pietro disse a Gesù: “Maestro, è bello per noi stare qui”
 

       Con Gesù sulla santa montagna invitati a contemplare la Gloria di Dio. Egli è il Maestro che ci parla delle cose di Dio e ci introduce in esse. Ci introduce in Dio e ci fa vedere il suo Volto invisibile, inconoscibile.
La bellezza di Dio non ha paragoni su questa terra è unica. Solo Gesù la conosce, solo lui ce ne può parlare, solo lui la può manifestare perché lui stesso è quella bellezza: egli è Dio.Siamo chiamati alla santità “siate santi” ci intima Gesù e la santità è bellezza: è Dio. Gesù ci insegna come essere belli come essere santi. 

Gesù,
dammi un cuore umile e uno spirito contrito.

Gesù, rafforzami nella fede e nell’amore per Te.

Gesù, bagnami con le gocce della rugiada della tua misericordia.

Gesù, Dio del mio cuore, vieni e uniscimi a Te per sempre. 

Giovanni 13,13
              “Voi mi chiamate Maestro e Signore e dite bene, perché lo sono“.
 

          
      Chiamiamo Gesù Maestro e diciamo bene perché egli lo è. Ma non secondo le modalità di questo mondo. Egli non insegna dopo aver appreso da altri, dalla scienza degli altri. Egli è il Maestro perché parla di Se, parla da Se, parla di Dio che nessuno altro ha mai visto ne conosciuto ma solo Lui il Figlio: egli è la Parola di Dio  

“in principio era la Parola…la Parola era Dio…la Parola si fece carne” è scritto nel vangelo di S.Giovanni.

Maestro è solo Gesù e noi cristiani siamo suoi discepoli e fratelli tra noi. Non possiamo fidarci e affidarci ad altri maestri che ci si propongono ma questi giudicarli alla luce dell’unico Maestro di Verità di Vita, la Via che ci conduce alla felicità piena e duratura. 

Gesù,
riscalda e infiamma il mio cuore freddo.

Gesù, aprimi anche i miei occhi spirituali.

Gesù, dirigi i miei deboli passi sulla via dei tuoi comandamenti.

Gesù, Dio del mio cuore, vieni e uniscimi a Te per sempre.       

        Gesù, mio dolce Maestro, io Ti amo tanto, aiutami ad essere come Tu mi vuoi. Sono tanto piccolo e tanto povero, ma Tu, Gesù, che sei il mio Maestro, puoi aiutarmi, devi aiutarmi a convertirmi. Voglio vivere sempre unito a Te, come il tralcio alla vite, e farti conoscere ed amare dai miei fratelli. Gesù, dolce Maestro, la tua bontà è immensa. Fà che si legga sul mio volto la gioia e la sicurezza di essere figlio di Dio. Quando Ti ricevo nel mio cuore donami la tua pace, fammi sentire che Tu sei con me per affrontare insieme la giornata che desidero vivere come un tuo dono. Gesù, mio dolce Maestro, ho bisogno della tua grazia per diventare sempre più simile a Te, ho bisogno del tuo amore per sconfiggere il mio egoismo. Voglio venire con Te in Paradiso e per ora riempi il mio cuore di questa nostalgia. Gesù, mio dolce Maestro, amami così povero come sono.  AMEN 

Stampa articolo